Appunti per Scuola e Università
Umanistiche
Appunti e tesine di tutte le materie per gli studenti delle scuole medie riguardanti le materie umanistiche: dall'italiano alla storia riguardanti le materie umanistiche: dall'italiano alla storia 
Scientifiche
Appunti, analisi, compresione per le scuole medie suddivisi per materie scientifiche, per ognuna troverai appunti, dispense, esercitazioni, tesi e riassunti in download.
Tecniche
Gli appunti, le tesine e riassunti di tecnica amministrativa, ingegneria tecnico, costruzione. Tutti gli appunti di AppuntiMania.com gratis!
Appunti
umanistiche
Bambini Comunicazione Comunicazioni Ecologia ambiente Educazione pedagogia
Etica moralita Francese Gioco Grammatica Inglese
Latino Letteratura italiano Personalita Portoghese Risorse umane
Sociologia Spagnolo Storia Tedesco


AppuntiMania.com » Umanistiche » Appunti di Comunicazioni » Le modulazioni impulsive

Le modulazioni impulsive




Visite: 851Gradito: [ Picolo appunti ]
Leggi anche appunti:

L'aspirapolvere domestico


L'ASPIRAPOLVERE DOMESTICO Era stato un costruttore di ruote panoramiche per lunapark,

Il wi-fi


IL WI-FI WI-FI è l’abbreviazione di Wireless Fidelity, e il nome commerciale

Gprs e umts


GPRS e UMTS Il 'complemento ideale per il protocollo Wap e per l’accesso ad



Scarica gratis Le modulazioni impulsive

Le modulazioni impulsive

Si chiamano modulazioni impulsive quel tipo di modulazioni dove la portante è costituita da un bus di impulsi e a modulante è di tipo analogico. Oggi sono poco usate perché soppiantate dalla tecnica PCM



Le modulazioni impulsive si dividono in:

·       PAM  (Pulse Amplitude Modulation = Modulazione ad Ampiezza di impulsi)

·       PWM  (Pulse Width Modulation = Modulazione a Larghezza di Impulsi)

·       PPM (Pulse Position Modulation = Modulazione a Posizione di Impulsi)

Nel PAM il segnale analogico modulante fa variare l’ampiezza del treno di impulsi che costituisce la portante. Come si può vedere nello schema

modula1.gif

Nella PWM le ampiezze degli impulsi sono tutte uguali e l’informazione viene data dal segnale modulante che a cariare la larghezza dell’impulso.

modula2.gif

Nella PPM invece, le ampiezze degli impulsi sono tutte uguali ma la loro posizione, anticipata o ritardata rispetto a quella di riposo, racchiude l’informazione modulante.
Quanto più il segnale analogico è positivo, tanto più viene ritardata la posizione degli impulsi rispetto alla posizione in riposo.
Quanto più è negativo il segnale analogico, tanto più è anticipata la posizione.

modula3.gif

La tecnica PCM

Attorno agli anni quaranta nacque l’esigenza di aumentare il numero dei collegamenti telefonici interurbani.

Questa esigenza si scontrava, però, con la grande complicazione e il considerevole costo di impianto di grandi fasci di conduttori, di misure elevate e difficili da cablare.

Si pensò quindi di multiplare il gran numero di collegamenti telefonici solo con cavo coassiale.

Esisteva all’epoca già una tecnica per risolvere il problema, chiamata FDM (Freqency Division Multiplexing) ma presentava alcuni difetti e limitazioni, così nacque la più moderna TDM (Time Division Multiplexing) e si tentò di realizzarla per mezzo di tecniche già descritte impulsive PAM, PWM, PPM, che però costituirono solo una fase di passaggio, in quanto presto furono superate dalla modulazione codificata PCM (Pulse Code Modulation).
Oggi esiste un PCM Americano, un PCM Europeo e un PCM Giapponese quello che potrete vedere nell’illustrazione è un PCM telefonico Europeo a 32 canali.

mod14.gif

Il PCM di può applicare ai canali telefonici, ed il tipo europeo, consente di far transitare su un solo cavo coassiale 32 telefonate in contemporanea senza che interferiscano tra di loro.

Dei 32 canali multiplexati, 30 sono canali vocali mentre 2 si chiamano canali di servizio.

Per realizzare la tecnica PCM si effettuano tre operazioni a partire dal segnale microfonico di partenza:

·       CAMPIONAMENTO

·       QUANTIZZAZIONE

·       CODIFICA

Campionamento

In base al teorema di Shannon, un segnale a banda limitata, compresa fra le frequenze F1 ed F2 dove F2>F1 può essere rappresentato attraverso una successione di campioni prelevati con una frequenza pari almeno a 2F2.

In telefonia si assume come frequenza di campionamento il valore di:




fc = 8 KHz

Superiore di 1.2KHz al valore minimo:

2f2 = 6.8 KHz

Come stabilito dal teorema di Shannon.

Il periodo di campionamento corrisponde, all’inverso della frequenza di campionamento:

mod15.gif

Il segnale telefonico viene dunque per prima cosa campionato, viene poi sostituito dalla sequenza di impulsi PAM, così ottenuti, come si può vedere in figura:

mod16.gif

La quantizzazione

La fase successiva prende invece il nome di quantizzazione, e consiste nella scelta di livelli discreti per i campioni ottenuti, nell’esempio che segue sono 8 e di valori tutti uguali.

mod17.gif

Nella realtà i livelli sono 256, di cui 128 positivi e altrettanti negativi, inoltre non sono tutti di valore uguale, ma per mantenere costante il rapporto tra segnale/disturbo su tutta l’esecuzione dell’ampiezza, sono anche di ampiezza variabile a seconda di un funzione logaritmica.

Ci si può accorgere che in fase di quantizzazione si compie un errore, chiamato errore di quantizzazione, visto che il segnale vocale di partenza può assumere qualunque valore, all’interno della sua escursione, essendo continuo, mentre il segnale quantizzato può assumere solo alcuni valori precisi.

Scegliendo però un numero molto alto di livelli, ad esempio 256, questo non avrà effetti sull’orecchio umano perche la variazione per intervalli discreti dell’ampiezza del segnale risulterà al di sotto della soglia di sensibilità.

La codifica

Nella terza fase gli impulsi campionati e quantizzati in precedenza, vengono codificati, cioè la loro ampiezza viene trasformata in una sequenza di bit secondo un codice binario.
Ad esempio, se l’ampiezza del primo impulso è di 5V, verrà rappresentata dalla sequenza binaria 101.
In realtà nel PCM Europeo, essendo di 256 livelli, per rappresentare ogni campione occorrono 8bit, quindi il segnale analogico viene trasformato in una sequenza di bit che in codice di rappresentano le ampiezze di ciascun campione.
Tra una sequenza di 8 bit e la successiva però, nel PCM Europeo, si trasmettono altre 31 sequenza di 8 bit che rappresentano altri 31 canali telefonici multiplexati sullo stesso cavo coassiale.
In un solo cavo quindi transitano 32 segnali numerici che indipendentemente l’uno dall’altro vengono indirizzati dal proprio corrispondente al destinatario.

Si costituisce pertanto una trama del PCM costituita da una sequenza temporale dei 32 canali numerici, dal n° 0 al 31, in cui in n°0 serve per dettare il sincronismo al ricevitore ed il n° 16 per il controllo della trasmissione degli altri canali.

mod18.gif

I canali vocali utili quindi sono 30, mentre 2 sono di servizio.
In ricezione ogni canale viene inviato al destinatario richiesto in quanto esiste il primo canale di sincronizzazione, non appena viene ricevuto il segnale di sincronizzazione, il ricevitore invia il successivo canale all’utente richiesto dal n°1, il seguante al n°2 ecc.

Il tempo di un canale è naturalmente quello di tutta la trama diviso 32:

mod19.gif

Ma poiché per ogni canale si trasmettono 8 bit, il tempo dedicato alla trasmissione di un bit è quello di un canale diviso 8:

mod20.gif

Poiché vengono trasmessi 32 canali con 8000 campioni al secondo, ed ogni canale contiene 8 bit, ogni secondo vengono trasmessi un numero di bit:

mod21.gif

Se si ha la necessità di maggiorare il numero di canali, si raggruppano 4 gruppi da 30, così si trasmettono 120 canali costituendo un supergruppo di primo ordine.

Si possono formare anche supergruppi da 480, 1920, 7680 canali.


Scarica gratis Le modulazioni impulsive
Appunti su: le modulazioni impulsive,







Accedi al tuo account
Scarica 100% gratis e Invia appunti, tesine, riassunti

Registrati ora Password dimenticata?
  • Appunti superiori
  • In questa sezione troverai sunti esame, dispense, appunti universitari, esercitazioni e tesi, suddivisi per le principali facoltà.
  • Università
  • Appunti, dispense, esercitazioni, riassunti direttamente dalla tua aula Universitaria
  • all'Informatica
  • Introduzione all'Informatica, Information and Comunication Tecnology, componenti del computer, software, hardware ...

Appunti Diritto Diritto
Tesine computer computer
Lezioni Inglese Inglese