Appunti per Scuola e Università
Umanistiche
Appunti e tesine di tutte le materie per gli studenti delle scuole medie riguardanti le materie umanistiche: dall'italiano alla storia riguardanti le materie umanistiche: dall'italiano alla storia 
Scientifiche
Appunti, analisi, compresione per le scuole medie suddivisi per materie scientifiche, per ognuna troverai appunti, dispense, esercitazioni, tesi e riassunti in download.
Tecniche
Gli appunti, le tesine e riassunti di tecnica amministrativa, ingegneria tecnico, costruzione. Tutti gli appunti di AppuntiMania.com gratis!
Appunti
umanistiche
Bambini Comunicazione Comunicazioni Ecologia ambiente Educazione pedagogia
Etica moralita Francese Gioco Grammatica Inglese
Latino Letteratura italiano Personalita Portoghese Risorse umane
Sociologia Spagnolo Storia Tedesco


AppuntiMania.com » Umanistiche » Appunti di Comunicazione » La Comunicazione di Crisi

La Comunicazione di Crisi




Visite: 734Gradito: [ Picolo appunti ]
Leggi anche appunti:

Gli intellettuali e la societÀ di massa


GLI INTELLETTUALI E LA SOCIETÀ DI MASSA Di fronte alla massificazione della

Teoria e tecnica delle comunicazione di massa - il sistema fragile di paolo mancini


Esame: TEORIA E TECNICA DELLE COMUNICAZIONE DI MASSA IL SISTEMA FRAGILE di

La comunicazione - tesina


La comunicazione Diritto: 1.   Art. 21 della Costituzione



Scarica gratis La Comunicazione di Crisi

La Comunicazione di Crisi

La Crisi è un evento che genera domande con un ritmo superiore a quello necessario per elaborare risposte. Un momento di forte discontinuità nel sistema relazionale di una organizzazione.



Per gestire una crisi occorre saper imparare rapidamente. Per imparare rapidamente nel corso della crisi è necessario avere già imparato molto prima (Patric Lagadec).

Per un’azienda, prepararsi a gestire le situazioni di crisi sotto il profilo della comunicazione è come sottoscrivere una polizza di assicurazione

Il premio sembra sempre troppo caro fino a quando non giunge il momento di dovere usufruire della copertura.

Tre parole chiave:

CRISI+IMMAGINE+INTERLOCUTORE = CRISIS MANAGEMENT

La crisi d’immagine si verifica quando un incidente, reale o presunto, rischia di compromettere l’immagine globale dell’organizzazione.

I tratti distintivi della crisi:

-        Forte e immediata discontinuità

-        Dannosità

-        Flusso crescente di eventi

-        Fattori di tempo (riduzione tempi di intervento)

-        Aumento “rumors” interni

-        Minaccia a obiettivi e priorità

-        Situazione percepita come “fuori dal controllo”

Tutte queste condizioni portano ad una necessità: azione rapida da parte di chi deve gestire la crisi.

La crisi è quindi un evento improvviso, non previsto o per il quale non ci si era preparati, che può avere effetti devastanti sulla identità e sulla reputazione dell’azienda.

Le crisi di comunicazione sono:

-        Imprevedibili

-        Impattano sui media

-        Coinvolgono l’opinione pubblica

-        Si diffondono rapidamente

L’obiettivo della comunicazione in situazioni di crisi è quello di ridurre l’impatto della crisi sul posizionamento dell’ente e dei suoi massimi esponenti in termini di REPUTAZIONE, AUTOREVOLEZZA e CREDIBILITÀ.

Quando possibile si cercherà anche di sfruttare l’opportunità di “sfruttare” la crisi per rafforzare l’immagine dell’azienda.

Definizione di “CRISIS MANAGEMENT”: serie di azioni coordinate per ridurre o annullare l’impatto della crisi sulla reputazione dell’impresa/istituzione.

Effetti della Crisi: le 3 D

-        Deflagrazione: aumento quantitativo del problema

-        Disordine: confusione su chi debba fare che cosa

-        Divergenza: problemi all’interno dell’azienda sulla questione stessa toccata dalla crisi.

La gravità di una crisi è caratterizzata da due variabili: la probabilità di accadimento e il grado di impatto.

Il ciclo della vita della crisi è caratterizzato da quattro fasi:

-        Fase Preliminare : prime avvisaglie dirette ed indirette;

-        Fase Acuta: il danno è già avvenuto, è il momento critico della gestione della crisi con il grado di criticità dipendente dalla intensità e dalla velocità di propagazione;

-        La Fase Cronica: la sua durata dipende da molte variabili e il suo non verificarsi è il vero obiettivo del crisis management;

-        La fase risolutiva: progressivo ritorno alla normalità (comunque condizione diversa da quella iniziale).

La crisi non viene percepita solo in modo logico. Bisogna fare leva sull’emozionalità e non solo sulla ragione: è l’emozionalità che regola il processo di percezione dei rischi.

Un’azienda con una organizzazione preparata alla crisi:

-        Possiede una corretta ed aggiornata pianificazione dei rischi;

-        Flessibilità (elasticità, propensione al cambiamento);

-        Tempi veloci di reazione;

-        Cultura manageriale del “può succedere”.

La percezione del rischio può essere compresa in cinque fasi: rifiuto, collera, negoziazione, depressione, accettazione.

Le fasi del crisis management invece son caratterizzate da una fase di previsione e da una fase di gestione.

Previsione della Crisi

Un corretto approccio metodologico alla CRISI consiste nel domandarsi:

-        Quali sono i possibili eventi critici che possono verificarsi?

-        Quali probabilità di accadimento hanno per noi?

-        Quanto può essere intensa la crisi e a che velocità può propagarsi?

-        Fino a che punto la crisi chiamerà in causa altri soggetti? (partner, rivali, media, autorità…)

-        In che misura la crisi interferirà sul totale della nostra missione (credibilità)?

-        Che effetti potrà avere sul personale e sui volontari?

La mappatura del rischio (Issue Matrix) comporta quattro livelli di grado di impatto e probabilità di accadimento:

-        Scarso impatto e bassa probabilità di accadimento;

-        Grossissimo impatto e bassa probabilità di accadimento;

-        Scarso impatto e altissima probabilità di accadimento;




-        Grossissimo impatto e altissima probabilità di accadimento.

Per l’impostazione di una efficace strategia e per la definizione di un coerente piano operativo è necessario:

-        Conoscere gli interlocutori (“stakeholders”)

-        Le loro aspettative

-        Gli eventi che possono creare crisi nella relazione

-        Le fonti, i canali e i tipi di messaggio da attivare per affrontare una situazione di crisi d’immagine.

Il comitato di crisi è l’organismo deputato alla gestione della comunicazione d’emergenza. La sua formazione prevede simulazioni su tutto ciò che potrebbe capitare in caso di crisi reale. Serve a prevenire e affrontare tutte le fasi della crisi (analisi dei rischi, identificazione/creazione di strategie, reattività per ridurre i danni, rielaborazione e creazione di una “cultura d’impresa alla crisi”).

Il comitato di crisi si occupa di istituire programmi di formazione interni ed esterni; effettua un continuo monitoraggio dei valori aziendali per presentare messaggi univoci e coerenti in caso di crisi; ricerca e studia nuove tecniche e strategie per ottimizzare il livello di competenza e aggiornamento; definisce un mediatore interno per risolvere eventuali conflitti.

Il comitato di crisi è composto da alcuni elementi fissi, altri variano a seconda del comparto interessato dalla crisi. I componenti fissi sono:

-        Vertice aziendale

-        Responsabile relazione esterne (e consulente)

-        Direttore area legale (e consulente)

-        Direttore risorse umane

-        Responsabile area direttamente coinvolta

Possibili strategie di crisis management:

-        Tacere

-        Correggere l’informazione

-        Riposizionare il pubblico sul messaggio

-        Isolare il messaggio critico

-        Aumentare la positività degli altri elementi d’immagine

-        Aggiungere (diffondere) un elemento nuovo più forte

Due alternative in caso di crisi: tacere o parlare

Perché Tacere: raccogliere tutti i fatti, non diffondere il panico, non danneggiare l’immagine dell’organizzazione, per non rilevare informazioni riservate, per non esporsi a conseguenze legali.

Perché Parlare: trasparenza, affrontare le preoccupazioni degli interlocutori coinvolti, controllare il fattore moltiplicatore, prendere l’offensiva, soddisfare i bisogni dei media.

13 Regole d’oro in caso di crisi

1.     INFORMARE i decision makers interni ed esterni

2.     AFFRONTARE le preoccupazioni degli interlocutori coinvolti

3.     PARLARE e/o RISPONDERE ai media

4.     COMPRENDERE il ruolo dei media

5.     PRENDERE l’offensiva e non mettersi sulla difensiva

6.     CENTRALIZZARE/CONTROLLARE il flusso delle informazioni

7.     ISOLARE la gestione della crisi dalla gestione ordinaria

8.     DEFINIRE il problema reale e i tempi

9.     CIRCOSCRIVERE il problema (se possibile)

10.   PIANIFICARE ipotizzando l’ipotesi peggiore

11.   NON DIPENDERE completamente da una sola persona

12.   RICORDARE tutti gli interlocutori interni ed esterni

13.   IDENTIFICARE gli alleati

Scarica gratis La Comunicazione di Crisi
Appunti su: crisi della velocitC3A0 comunicazione,







Accedi al tuo account
Scarica 100% gratis e Invia appunti, tesine, riassunti

Registrati ora Password dimenticata?
  • Appunti superiori
  • In questa sezione troverai sunti esame, dispense, appunti universitari, esercitazioni e tesi, suddivisi per le principali facoltà.
  • Università
  • Appunti, dispense, esercitazioni, riassunti direttamente dalla tua aula Universitaria
  • all'Informatica
  • Introduzione all'Informatica, Information and Comunication Tecnology, componenti del computer, software, hardware ...

Appunti Psicologia psichiatria Psicologia psichiatria
    Tesine Logica Logica
      Lezioni Risorse umane Risorse umane