Appunti per Scuola e Università
Umanistiche
Appunti e tesine di tutte le materie per gli studenti delle scuole medie riguardanti le materie umanistiche: dall'italiano alla storia riguardanti le materie umanistiche: dall'italiano alla storia 
Scientifiche
Appunti, analisi, compresione per le scuole medie suddivisi per materie scientifiche, per ognuna troverai appunti, dispense, esercitazioni, tesi e riassunti in download.
Tecniche
Gli appunti, le tesine e riassunti di tecnica amministrativa, ingegneria tecnico, costruzione. Tutti gli appunti di AppuntiMania.com gratis!
Appunti
universita
AmministratoriArcheologiaCommoditiesContabilitaDiritto
Finanza bancheGeologiaGestioneIdrologiaMarketing
MedicinaMeteorologiaMusicaRicercheScienze politiche
SilvicolturaTurismo


AppuntiMania.com » Universita » Appunti di Musica » Messa musicale e prassi liturgica dal dopoguerra ad oggi

Messa musicale e prassi liturgica dal dopoguerra ad oggi




Visite: 1025Gradito: [ Medio appunti ]
Leggi anche appunti:

La dodecafonia


INTRODUZIONE Per il mio percorso personale ho voluto dedicarmi a quella che è

La musica nel “900”


LA MUSICA NEL “900”             Questo periodo, soprattutto

Messa musicale e prassi liturgica dal dopoguerra ad oggi


Messa musicale e prassi liturgica dal dopoguerra ad oggi. Tre esempi d’autore: di primo



Scarica gratis Messa musicale e prassi liturgica dal dopoguerra ad oggi



Messa musicale e prassi liturgica dal dopoguerra ad oggi. Tre esempi d autore: di primo acchito, il titolo di questo scritto potrebbe far pensare ad uno studio condotto con una certa ‘leggerezza’ e superficialit . I motivi potrebbero essere almeno due: il primo è che non sia possibile studiare, con la dovuta profondità e in un’unica trattazione, tutte le messe importanti, composte espressamente per la liturgia, prodotte nell’arco di quasi settant’anni di storia. La seconda obiezione deriverebbe dalla precedente, ma in modo inversamente proporzionale: poiché il campo di ricerca appare molto, troppo vasto, non sembrerebbe plausibile ridurre il tutto a tre soli esempi, senza incorrere nel rischio, quasi certo, di operare una selezione assolutamente parziale.




Nell'intestazione è riportato il termine liturgico . Questo, spesso, è confuso con altri aggettivi, che nell’uso comune sono utilizzati e scambiati fra loro, come veri e propri sinonimi: liturgico , sacro , religios,

spirituale , cattolic, «ecclesiastico» e da chiesa , perciò, pur appartenendo ad un medesimo ambito, non hanno necessariamente lo stesso significato.

Per i precenti documenti della Chiesa, la musica sacra» è quella che è stata composta per la liturgia, ma che per motivi contingenti non può essere eseguita durante una celebrazione liturgica : ) ad esempio, un organum di Leoninus, brano «liturgico» nel XII secolo, (2) oggi, non essendo


pproponibile, per ovvie ragioni, all'interno del culto, si ritrova 'declassato' nell'area del sacro . La «musica religios, invece, è quella che s’ispira al testo della Sacra Scrittura o della Liturgia o che richiama a Dio, alla vergine Maria, ai Santi, o alla Chies: ( ) un esempio di musica religiosa potrebbe essere il celebre Messiah di Haendel, ) non concepito per la liturgia e destinato, addirittura, ad una sala da concerto. Di conseguenza, la sacra» rappresenta un sottoinsieme della musica religios. Ambedue, per , «possono avere il loro posto nella chiesa, ma fuori delle celebrazioni liturgiche: il suono dell’organo e altre esecuzioni musicali, sia vocali che strumentali, possono servire o favorire la pietà o la religione”». )

In effetti, nell’accezione sedimentata dalla tradizione, la categoria di musica religiosa comprendeva sia la musica destinata all’uso liturgico sia, più genericamente, quella basata sull’uso di testi sacri o di contenuto religios. ) In antico, in pratica, era sufficiente musicare un testo sacro per condividerne, almeno formalmente, i contenuti confessionali. In tempi più recenti, però, gli stessi testi sono stati riutilizzati, connotandoli da un punto di vista laico, a religioso, se non addirittura in netta contrapposizione fra il sentire del compositore e ciò che dovrebbe esprimere la sacra parola. ) Pur utilizzando lo stesso testo spirituale, perci , è possibile distinguere fra un risultato musicale ‘sacro’ e uno ‘profano’, se consideriamo per il primo una destinazione liturgica in passato.

Per quanto riguarda la «musica liturgica» vera e propria, in realt , non si rintraccia alcuna specifica definizione nei documenti ufficiali. Per

liturgica , infatti, s’intende sempre una particolare tipologia di musica sacra, cioè quella che, composta per la celebrazione del culto divino, è dotata di santità e bondi forme: [ ] il canto gregoriano, la polifonia sacra antica e moderna nei suoi diversi generi, la musica sacra per organo e altri strumenti legittimamente ammessi nella Liturgia, e il canto popolare sacro, cioè

liturgico e religios. ) L'ultima specificazione è in realtà pleonastica, poiché


il liturgico , che è anche sacr, è per forza compreso nel religios.


La Sede Apostolica, in tempi ancora più vicini, ha chiarito che




La musica destinata alla Liturgia deve essere “sacra” per caratteristiche particolari, che le permettano di essere parte integrante e necessaria della Liturgia stessa. Come la Chiesa, per quanto concerne luoghi, oggetti, vesti, esige che abbiano una predisposizione adeguata alla loro finalità sacramentale, tanto più per la musica, la quale è uno dei più alti segni epifanici della sacrali liturgica, essa vuole che possegga una predisposizione adeguata a tale finalisacra e sacramentale, per particolari caratteristiche, che la distinguano dalla musica destinata, ad esempio, al divertimento, all'evasione o anche alla religiosità

largamente e genericamente intesa.


In sintesi, «ogni musica “liturgica” è e deve essere sacra; tanto più è religiosa. La musica “sacra” è religiosa, ma non automaticamente liturgica; lo può diventare per ulteriori requisiti funzionali. La musica religiosanon è né sacra né liturgica, pertanto in nessun modo ha diritto di entrare nel culto . ) La liturgica , quindi, è un sottoinsieme della sacra , che è a sua volta un sottoinsieme della musica religios.

La particolata definizione di musica liturgica» proviene da Valentino


Donella. La «liturgica» accompagna il rito, perciò è detta anche musica




cultuale» o rituale . Il rito è uno strumento fatto di parole e di gesti attraverso i quali si esprime un contenuto teologico […] e/o espressiv. ) Il rito, perci , si compone di due parti, res e signum: la prima rappresenta il contenuto, a carattere soprannaturale, da rendere evidente; la seconda, invece, è l'insieme delle parole e dei gesti, ma anche dei colori e delle vesti e, in particolare, della musica, per esprimere in termini 'umani' il messaggio 'divino' del contenuto. (12)


Al senso generale» del rito (il pentirsi, il salmodiare, l'acclamare. .) corrisponde un genere musicale» specifico (penitenziale, salmodico, acclamatorio. .). La realizzazione del primo si attua nelle rubriche ufficiali e nel testo , il quale determina per forza una specifica forma» musicale.

Funzionalità liturgica” o “liturgicit ” è dunque la corrispondenza ideale, nell'ambito del Rito, tra messaggio e segno, tra intenzione programmatica e gesto che la concretizza musicalment. )

Una musica, inoltre, è autenticamente liturgica se soddisfa almeno cinque condizioni: (a) per il genere» (penitenziale diverso dall'acclamatorio ecc.); (b) per la forma» (derivazione testuale); (c) per il linguaggio chiaro, significante e recepibile, tale che non metta a disagio ; (d) per i ritmi di svolgimento» controllati, reali e psicologici, e i tempi di esecuzione ragionevoli; (e) per la «pertinenza» (canto quaresimale differente dal pasquale, ingresso diverso dalla comunione ecc.). ( ) La condizione più oggettiva è senz'altro la seconda, della form; quella psoggettiva, quindi maggiormente discutibile, la terza, specialmente per ciò che riguarda la 'misurazione' del «disagio . Va da sé che la minore o maggiore valenza liturgica di un brano musicale, per essere ben giudicata, debba essere contestualizzata, da un punto di vista sia storico sia geografico sia culturale.

)


Nella liturgia di rito romano, quella propria della Chiesa cattolica, la messa, comunemente intesa, prevede anche diversi testi fissi. Alcune di queste parti immutabili formano il cosiddetto Ordinario» - Kyrie, Gloria, Credo, Sanctus e Agnus Dei , che, se musicato, esemplifica la «messa» oggetto della nostra trattazione: questa, perci , non corrisponde al rito della celebrazione eucaristica in toto, ma si rapporta 'solo’ con alcune sue parti. Dato che esistono messe scritte per un contesto a-cultuale, quindi facenti parte dell'ambito musicale religioso, ma non sacro (si veda, per esempio, la Messa da Requiem di Verdi , ) ci occuperemo, come prefissato, solo di quelle espressamente concepite per la liturgia.


Machaut, Palestrina, Bach, Beethoven, Liszt: sono solo alcuni nomi di grandi musicisti del passato, punti di riferimento nel repertorio sacro, figure che subito, d'istinto, associamo alle grandi tappe della storia della messa liturgica. Con loro tocchiamo sei secoli di storia, dal XIV al XIX, senza neppure accennare ad una numerosa schiera di altri illustri compositori, che pur si sono cimentati, con successo, nella produzione di messe. Appena ci affacciamo al Novecento, però, ci accorgiamo di come sia gmeno facile riportare alla mente, con la stessa prontezza dimostrata in precedenza, le personali di spicco che hanno lasciato capolavori in ambito rituale.

Non è un caso. Questo, infatti, è il secolo del compositore impegnato, laico, aconfessionale: in campo musicale religioso, saben difficile trovare un numero cospicuo di lavori che faccia riferimento almeno alla componente sacra; figuriamoci che cosa potrebbe risultare da un elenco di pezzi liturgici! Va bene che si tenga conto solo dei grossi nomi e dei lavori di un certo impegno; passi pure che l artigianato musicale, pur se lodevole, nel nostro caso non sia preso in considerazione, ma un fatto è certo: nel XX secolo, il panorama delle messe liturgiche, rispetto allopulenta ricchezza del passato, è quasi deprimente. I sacri riti, è inutile negarlo, non sono più fonte d'ispirazione: infatti, se […] per “musica religiosa” s’intende, in unottica


interpretativa tesa a stabilire un rapporto di ideale continuità con la grande tradizione dei secoli precedenti, una produzione destinata al culto e alla funzione liturgica, quantomeno una musica rivolta a significare unespressione di fede” o un’esplicita appartenenza confessionale dell’autore, ci si trovedi fronte a un corpus di opere abbastanza limitat.



)


Non solo il testo sacro è poco impiegato in un contesto a lui familiare, quello del culto e della paraliturgia, ma è utilizzato in ambiti affatto diversi, piegato per esprimere altro rispetto alla sua rappresentazione dell ineffabile, costretto a farsi portavoce di ciò che, invece, dovrebbe aborrire. La sacralità testuale è impiegata in un ambiente laico, portavoce di una profonda, interiore inquietudine - da Boulez a Kagel a Nono a Berio - se non, addirittura, come sopra accennato, in senso velatamente a(nti religioso. Lo stesso Berio, infatti, utilizza un testo liturgico, quello proprio di una parte

dell'Ordinarium missae, in Agnus ), ( ) a prescindere da una piena


adesione ai suoi significati religiosi . )


Non mancano, però, autori di peso, che hanno testimoniato il proprio credo, sia in senso più 'solare', come Poulenc, Petrassi, Dallapiccola, Britten, Bloch e Penderecki, ) sia in modo drammaticamente irrisolto, come Scnberg ( ) e Zimmermann. ( ) Pur riconoscendo nella loro produzione artistica una certa dichiarazione di fede, quello che non possiamo fare a meno di notare, tuttavia, è la mancanza, nei corrispettivi repertori, di musica

concepita e scritta per i sacri riti; come se la categoria della musica liturgica fosse stata abbandonata al proprio, ineluttabile destino. Altre personalit , infine - è il caso di Cage, Stockhausen e Scelsi , ) hanno 'dirottato' il sentire spirituale verso culture lontane, influenzati dal pensiero e dalla filosofia delle ammalianti religioni orientali. Complessivamente, però, il maggior numero dei musicisti, in questo periodo, nutre nei confronti della

musica sacra, ancor più liturgica, non tanto un sentimento di avversione e ostilit , quanto di profonda, radicata indifferenza.

Dal Novecento fino ai nostri giorni, quindi, il numero dei musicisti di primissimo piano che dedica le proprie energie alla stesura di messe


liturgiche si riduce drasticamente. Questo restringimento, in più, non riguarda solo le persone fisiche, ma anche il numero delle opere realizzate: infatti, mentre in passato i grandi nomi dedicavano pdi una versione alla forma della messa (basti solo ricordare le 4 messe di Palestrina), ) dal secolo scorso, oltre ad una drastica riduzione dei compositori impegnati, assistiamo anche ad una produzione quantitativamente ridotta.

In quest'ottica, perc, dalla Seconda Guerra Mondiale, sono state individuate solo tre figure di grande rilevanza: si tratta di Igor Stravinsky, Olivier Messiaen e Arvo P rt. Personalidi questo calibro, però, pur ricche, se non ricchissime, di religiosità e fede, testimoniate nei loro lavori, hanno prodotto, complessivamente, solo quattro messe liturgiche: tre vocali e una organistica.

Stravinsky, Messiaen e P rt non sono certamente gli unici musicisti che, dal dopoguerra in poi, si siano cimentati con la forma liturgico musicale della messa: questo è scontato. Nessuno vuole ignorare tutti gli altri compositori, che hanno conseguito risultati anche di buono od ottimo livello; né gli

‘artigiani , che, decorosamente e con grande senso di responsabilit , hanno ampliato e continuano ad incrementare il repertorio musicale per il culto divino. La questione è un'altra.

Se, con gli anni, dovesse uscire alla ribalta qualche nome, ora ingiustamente sconosciuto o non adeguatamente apprezzato, la storia e il tempo faranno senz’altro 'giustizia'. Oggi, però, si sono già chiaramente delineate quelle figure che, per personalità e produzione, si collocano in una posizione di spicco rispetto alle altre. Potrebbe apparire sciocco stilare graduatorie in campo artistico, penessuno può negare che Stravinsky e Messiaen siano gdei 'classici'. P rt, l'unico dei tre ancora vivente, merita di essere considerato per aver 'inventato', è il caso di dirlo, un innovativo, personalissimo linguaggio musicale. Fra l'altro, questo peculiare idioma è intimamente connesso proprio alla fede, che è da lui vissuta con profondità e rispetto, come parte integrante della sua produzione.

Il XX secolo, purtroppo, è stato anche muto testimone dello scoppio della Seconda Guerra Mondiale, uno degli eventi pdrammatici che la storia




dell'umanità abbia mai conosciuto: immani distruzioni; milioni di persone, uomini, donne, vecchi e bambini, che hanno perso la vita per la cupidigia e, nello stesso tempo, la stoltezza dell''animale' più 'razionale' della Terra. Il mondo, tra il periodo precedente e il successivo al Grande Conflitto, ha subito un cambiamento radicale e repentino nel modo di pensare, di vivere e di socializzare dei suoi abitanti; fino a giungere alle vertiginose accelerazioni del 'progresso' tecnologico degli ultimi tempi e alle immancabili e inevitabili conseguenze, sia positive sia negative.

Non a caso, neppure vent'anni dopo la fine del Massacro, la Chiesa cattolica, essa stessa, promosse una delle pgrandi rivoluzioni, in merito all'ordinamento liturgico, che avesse mai conosciuto. La 'conquista' più rimarchevole riguardò il fedele, che da spettatore muto ed estraneo» ) fu chiamato ad esercitare una «piena, consapevole e attiva partecipazione» ai sacri riti, non solo interna», ma anche «esterna». ) La musica, dal canto suo, fu anch'essa trascinata, nel bene e nel male, verso quella comune aspirazione, il superamento delle barriere' fra clero e assemblea, che va sotto il nome di secolarizzazione» o anche declericalizzazione» della Chiesa. )

Per questi motivi, qui sapreso in maggiore considerazione tutto il periodo dal 5 in poi, sia perché è 'naturalmente' separato dal precedente sia perch , nello stesso tempo, offre la possibilidi considerare, da due angolature diverse, prima e dopo il Concilio Vaticano II , la liturgia della messa. Nel nostro caso, le opere scelte, per una circostanza fortuita, esemplificano bene tre diverse possibilit , di elevato livello artistico, nel genere della messa liturgica postbellica. All'interno di questa epoca, la messa preconciliare (1 ) è rappresentata, per il tipo vocale, da Stravinsky; per quello organistico, invece, da Messiaen. Per la celebrazione eucaristica postconciliare ( -oggi), invece, non essendo stata individuata alcuna messa piana» per organo di adeguato livello, saproposta, perci , un'unica tipologia, quella vocale, illustrata da P rt.

Lo studio della messa vocale e organistica, dei tre esempi d'autore e dei documenti ecclesiastici, in primis l'odierna 'carta costituzionale' per la

liturgia, la Sacrosanctum Concilium, ) e la corrispettiva istruzione applicativa, la Musicam Sacram, ) offri anche l'opportunità di affrontare il controverso rapporto, nell’esercizio cultuale pubblico, fra teoria e pratica, fra compositori e fedeli e tra passato e presente. Non mancheranno, infine,

alcuni contributi e opinioni personali, seppure modesti, sia per fare il punto sullattuale situazione sia per suggerire una possibile soluzione alla ‘crisiodierna.

Globalmente, da un punto di vista tecnico musicale, il metodo qui utilizzato per analizzare le tre messe non s’identifica con alcuna, particolare

scuola’: questo perché il risultato, per i tre autori, è assolutamente eterogeneo. La loro concezione musicale è differente, così come la tecnica compositiva utilizzata: diverso, perci , dovessere anche l approccio analitico.

In questo scritto, scopo dell’analisi, prima di tutto, è di ricostruire il pensiero dell’autore nei confronti del proprio lavoro. In secondo luogo - è l aspetto più importante , quello di conoscere ciò che l’opera esprime, indipendentemente dal percorso intrapreso dall’atto creativo, sia esso conscio o inconscio. Le messe saranno analizzate e studiate, da un punto di vista sia storico sia tecnico compositivo sia estetico. Questi lavori, però, sono destinati alla liturgia: è giusto, perc, che lo studio e l'analisi siano indirizzati pure alla relazione fra suono e culto, fra il significato del rito e la sua interpretazione, rappresentazione e trasfigurazione in senso musicale, anche e soprattutto in rapporto ai documenti magistrali.

Se musicologia significa, genericamente, discorso sulla musica e sta ad indicare l'insieme delle discipline che hanno per oggetto lo studio del fenomeno musicale in tutti i suoi aspetti , ) per analogia, musicologia liturgica [significherà] “discorso” globale sulla musica [ ] della Chiesa cattolica di rito roman. ) Il presente studio, perci , quando richiesto, si avvarrà proprio di questa scienza nuova, ancora in cerca di una definitiva sistemazione . )

Scarica gratis Messa musicale e prassi liturgica dal dopoguerra ad oggi
Appunti su:










Accedi al tuo account
Scarica 100% gratis e Invia appunti, tesine, riassunti

Registrati ora Password dimenticata?
  • Appunti superiori
  • In questa sezione troverai sunti esame, dispense, appunti universitari, esercitazioni e tesi, suddivisi per le principali facoltà.
  • Università
  • Appunti, dispense, esercitazioni, riassunti direttamente dalla tua aula Universitaria
  • all'Informatica
  • Introduzione all'Informatica, Information and Comunication Tecnology, componenti del computer, software, hardware ...

Appunti Personalita Personalita
    Tesine Arte cultura Arte cultura
    Lezioni Poesia Poesia