Appunti per Scuola e Università
Umanistiche
Appunti e tesine di tutte le materie per gli studenti delle scuole medie riguardanti le materie umanistiche: dall'italiano alla storia riguardanti le materie umanistiche: dall'italiano alla storia 
Scientifiche
Appunti, analisi, compresione per le scuole medie suddivisi per materie scientifiche, per ognuna troverai appunti, dispense, esercitazioni, tesi e riassunti in download.
Tecniche
Gli appunti, le tesine e riassunti di tecnica amministrativa, ingegneria tecnico, costruzione. Tutti gli appunti di AppuntiMania.com gratis!
Appunti
umanistiche
Bambini Comunicazione Comunicazioni Ecologia ambiente Educazione pedagogia
Etica moralita Francese Gioco Grammatica Inglese
Latino Letteratura italiano Personalita Portoghese Risorse umane
Sociologia Spagnolo Storia Tedesco


AppuntiMania.com » Umanistiche » Appunti di Risorse umane » Una concezione contemporanea: il lavoro secondo Hanna Arendt

Una concezione contemporanea: il lavoro secondo Hanna Arendt




Visite: 1062Gradito: [ Picolo appunti ]
Leggi anche appunti:

La gestione delle risorse umane


LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE La banca è un’impresa nella quale le risorse

La programmazione del personale


La programmazione del personale La programmazione del personale costituisce

Il problema del lavoro


IL PROBLEMA DEL LAVORO Oggigiorno in Italia e nel



Scarica gratis Una concezione contemporanea: il lavoro secondo Hanna Arendt

Una concezione contemporanea: il lavoro secondo Hanna Arendt

Vorrei proporre ora la visione di Hannah Arendt (1906-1975), facendo un notevole passo in avanti nella storia della riflessione sul lavoro.



Il termine vita activa è carico dei significati che nel tempo ha assunto progressivamente. Nel mondo greco 'né l'attività né il labor né l'artificio umano, sembravano avere sufficiente dignità per costituire comunque un bioV, un modo di vita autonomo e autenticamente umano; poiché esse servivano e producevano ciò che era necessario e utile, non potevano essere libere, indipendenti dalle necessità e dalle esigenze umane'[1]. Successivamente, con Sant' Agostino 'il termine vita activa perdette il suo significato specificamente politico e indicò ogni genere di partecipazione attiva alle cose di questo mondo. Certo, non significa che l'attività lavorativa e quella operativa si fossero elevate nella gerarchia delle attività umane per essere pari in dignità alla vita politica. Si trattava, piuttosto, della trasformazione opposta: l'azione veniva ora annoverata tra le necessità della vita terrena, cosicché rimaneva la contemplazione (…) come solo modo di vita  veramente  libero'[2].  Fino all'età moderna il termine vita activa 'non perdette

mai il suo significato negativo di «in-quietudine»'[3]. La contemplazione continua ad avere il primato sulle altre attività umane in quanto rimane la 'convinzione che nessun lavoro prodotto dall'uomo può eguagliare in bellezza e verità il kosmos fisico, che vive di leggi proprie nell'eternità immutabile senz'alcuna interferenza o assistenza dall'esterno, da parte dell'uomo o di dio'[4]. Nella tradizione, quindi, 'il termine vita activa riceve il suo significato dalla vita contemplativa; la sua limitatissima dignità le è conferita dal fatto che essa serve la necessità e il bisogno di contemplazione in un corpo vivente'[5]. In Vita Activa[6] l’Autrice contraddice apertamente le tesi che sul lavoro gli autori tradizionali propongono e sostiene che la «vita activa» non sta né sopra, né sotto l’attività «contemplativa», ma ad essa si accompagna. L'Autrice afferma, infatti: 'io dubito non della validità dell'esperienza da cui nasce la distinzione ma piuttosto dell'ordine gerarchico inerente a essa dal suo inizio (…). La mia obiezione è semplicemente questa: l'enorme peso della contemplazione nella gerarchia tradizionale ha oscurato le distinzioni e le articolazioni all'interno della vita activa stessa, e nonostante le apparenze, questa condizione non è stata radicalmente mutata dalla moderna rottura con la tradizione e dal rovesciamento del suo ordine gerarchico in Marx e Nietzsche. Dipende dalla natura effettiva del famoso «capovolgimento» dei sistemi filosofici o dei valori comunemente accettati, cioè, alla natura dell'operazione stessa, il fatto che il quadro concettuale sia rimasto più o meno intatto'[7].

Nell’introduzione a Lavoro, opera, azione[8] Guido Neri afferma che la Arendt rifiuta la concezione dominante negli ultimi due secoli, che vede il lavoro come attività umanizzante e liberatoria. Poiché solo al di là della necessità inizia la sfera della libera attività, H. Arendt si domanda come sia possibile che “l’attività lavorativa, che si attua nella sfera della necessità e della coercizione naturale, nella circolarità di bisogno-soddisfazione, dia luogo all’umanizzazione e alla libertà?”[9]. Secondo Neri, la Arendt sostiene essere impossibile l'emancipazione dell'uomo dal lavoro[10]. Il lavoro produttivo è carattere peculiare dell’età moderna, a differenza delle comunità classiche, dove non occupava una posizione così alta[11] e 'la contemplazione stessa era divenuta priva di senso'[12]. La Arendt distingue nettamente lavoro e opera, rifacendosi ad una osservazione di Locke, che parla di “lavoro del nostro corpo e l’opera delle nostre mani”[13]. Il lavoro è pena, non giunge mai a un termine, segue la progressione circolare della nascita e della morte. Da una osservazione delle lingue europee, Arendt osserva che gli equivalenti della parola lavoro 'hanno una connotazione inconfondibile di esperienze corporee, di pena e di tormento, e in molti casi vengono usati significativamente per le doglie del parto'[14].  L’opera invece giunge a un termine con l’oggetto compiuto che va ad aggiungersi agli oggetti del mondo. Il lavoro, invece, segue la categoria della necessità, la necessità di sopravvivere. 'Il lavoro, in altre parole, produce beni di consumo'[15].

L’aspetto produttivo del lavoro è di produrre più beni di consumo di quanto sia necessario alla sopravvivenza dell’uomo.

Per «opera» l’autrice intende l’oggetto d’uso e non il bene di consumo da spartire. La distruzione dell’opera è accidentale. L’attività dell’operare porta ad oggettivare il prodotto, a fabbricarlo. “L’homo faber diviene signore e padrone della natura stessa nella misura in cui viola e distrugge parzialmente ciò che gli è stato dato”[16]. Il processo di fabbricazione è reversibile, il lavoro no. Le opere fabbricate dall’uomo possono essere distrutte, quindi nell’opera l’uomo è libero. L’opera d’arte è la cosa più inutile, ma al tempo stesso la più duratura che la mano umana possa produrre.  L'aspetto produttivo dell'opera sta nel fabbricare 'la molteplicità davvero infinita delle cose che danno luogo, nel loro insieme, all'artificio umano, il mondo in cui viviamo'[17]. L'opera delle nostre mani non va incontro ad un immediato consumo (come potrebbe essere il pane), ma ad una durevolezza. La distruzione, anche se inevitabile 'è accidentale rispetto all'uso ma inerente invece al consumo'[18]. L'opera è in contrasto con ' i voraci bisogni e desideri dei loro viventi utilizzatori. Da questo punto di vista le cose del mondo hanno la funzione di stabilizzare la vita umana e la loro oggettività consiste nel fatto che gli uomini, nonostante la loro natura costantemente mutevole, possono ricuperare la loro propria identità se collegati al loro perdurare degli oggetti'[19].



[1] ARENDT Hannah, Vita Activa, trad. it. di Sergio Finzi, Milano, Ed. Bompiani, 1964, p. 19 [ed. or. The Uman Condition, The University of Chicago, U.S.A., 1958].




[2] Ibid., p. 20.

[3] Ibid., p. 21.

[4] Ibidem.

[5] Ibid., p. 22.

[6] Ibid., pp. 18-23.

[7] Ibid., p. 23.

[8]NERI Guido, in ARENDT Hannah, Lavoro, opera, azione, Verona, Ed. Ombre Corte, 1997, p. 17.

[9] Ibid., p. 17.

[10] Ibidem.

[11] ARENDT Hanna, Lavoro, opera, azione, Verona, Ed. Ombre Corte, 1997, p. 43.

[12] Ibid., p. 44.

[13] Ibid., p. 45.

[14] Ibidem.

[15] Ibid., p. 47.

[16] Ibid., p. 55.

[17] Ibid., p. 52.

[18] Ibid., p. 53.

[19] Ibidem.

Scarica gratis Una concezione contemporanea: il lavoro secondo Hanna Arendt
Appunti su:







Accedi al tuo account
Scarica 100% gratis e Invia appunti, tesine, riassunti

Registrati ora Password dimenticata?
  • Appunti superiori
  • In questa sezione troverai sunti esame, dispense, appunti universitari, esercitazioni e tesi, suddivisi per le principali facoltà.
  • Università
  • Appunti, dispense, esercitazioni, riassunti direttamente dalla tua aula Universitaria
  • all'Informatica
  • Introduzione all'Informatica, Information and Comunication Tecnology, componenti del computer, software, hardware ...

Appunti Comunicazione Comunicazione
Tesine Psicologia psichiatria Psicologia psichiatria
Lezioni Marketing Marketing