Appunti per Scuola e Università
Umanistiche
Appunti e tesine di tutte le materie per gli studenti delle scuole medie riguardanti le materie umanistiche: dall'italiano alla storia riguardanti le materie umanistiche: dall'italiano alla storia 
Scientifiche
Appunti, analisi, compresione per le scuole medie suddivisi per materie scientifiche, per ognuna troverai appunti, dispense, esercitazioni, tesi e riassunti in download.
Tecniche
Gli appunti, le tesine e riassunti di tecnica amministrativa, ingegneria tecnico, costruzione. Tutti gli appunti di AppuntiMania.com gratis!
Appunti
universita
AmministratoriArcheologiaCommoditiesContabilitaDiritto
Finanza bancheGeologiaGestioneIdrologiaMarketing
MedicinaMeteorologiaMusicaRicercheScienze politiche
SilvicolturaTurismo


AppuntiMania.com » Universita » Appunti di Ricerche » Ricerca sul popolo - Inca

Ricerca sul popolo - Inca




Visite: 896Gradito: [ Picolo appunti ]
Leggi anche appunti:

Il Piano Regolatore Generale - Contenuti, documenti e validità


Il Piano Regolatore Generale Contenuti, documenti e validità Contenuti

La filosofia umanistica


LA FILOSOFIA UMANISTICA Spesso i termini “ Umanesimo” e “ Rinascimento” vengono

Le Galassie


Le Galassie Forma e dimensioni Già nel XVIII sec. sir William Herschel



Scarica gratis Ricerca sul popolo - Inca

Ricerca sul popolo - Inca




















1.Introduzione

Inca popolazione di lingua quecha che nel XV secolo, poco prima della conquista europea del Nuovo Mondo, dominava un vasto impero sulle Ande peruviane. Il nome (in quechua inca significa “re”, “imperatore”), che designava i sovrani dell’impero incaio, passò poi a indicare anche i suoi sudditi e in termini archeologi si riferisce  a una specifica cultura e civiltà precolombiana.

2.Cenni storici                  

Gli inca costituivano originariamente una tribù guerriera che abitava le regioni degli altipiani nel sud della cordigliera peruviana. Secondo la legenda, il primo imperatore, Marco Capac, era stato mandato sulla Terra dal padre, il Sole, intorno al XII secolo dell’era cristiana e si era stabilito a nord del lago Titicaca (dove sorge Cuzco): qui per circa trecento anni gli inca si scontrarono con la tribù vicine- i chanca, i colla, i lupaca e altri- imponendo e subendo razzie e tributi, ma senza dar vita a un vero e proprio regno.

2.1.L’espansione dell’impero

La nascita dell’impero inca, sulla spinta di una notevole espansione del territorio controllato dai suoi guerrieri, iniziò durante il regno dell’ottavo sovrano, Viracocha, vissuto all’inizio del XV secolo, e fu proseguita sotto suo figlio Pachacuti fino alla conquista dell’intero bacino del Titicaca. Attorno al 1437 i possedimenti inca si estendevano per quaranta chilometri oltre l’area di Cuzco, inglobando i territori dei nazca, degli huari, popolazioni assoggettate dalle quali gli inca assorbirono pratiche agricole, cultura e religione. Il figlio di Pachacuti, Topa, arrivò a sottomettere, a nord, il potere regno costiero dei chimù, ancor prima di salire al trono nel 1471, quando cominciò a spingersi invece lungo le Ande meridionali.

2.2.Le lotte dinastiche

Nel 1525, sotto il regno di Huayna Càpac, succeduto a Topa nel 1493, l’impero comprendeva le terre dell’attuale Colombia meridionale, attraverso gli odierni Ecuador, Perù e Bolivia, fino a Cile e Argentina: 300 chilometri in longitudine e 3000 in latitudine, con oltre dieci milioni di sudditi. Alla morte di Huayna Càpac, nel 1527, si scatenò una durissima lotta per la successione tra i suoi figli, Huàscar e Atahualpa, padroni l’uno dei territori meridionali dell’impero, con capitale Cuzco, e l’altro di quelli settentrionali, con capitale Quito, fondata dal padre proprio per far fronte alle difficoltà di amministrare gli ampi domini del Nord, Ne uscì vincitore Atahualpa, che fece uccidere il fratello, ma che tuttavia non riuscì a farsi riconoscere imperatore.

2.3.la conquista spagnola

La guerra aveva indebolito fortemente l’impero, che diventò facile preda dei conquistadores spagnoli giunti nel 1532 sotto il comando di Francisco Pizarro. Di fatto gli inca non opposero grande resistenza, convinti della natura degli invasori e vittime della struttura fortemente centralizzata dell’impero, per cui Pizarro poté ottenere il pieno controllo semplicemente catturando Atahualpa: questi offrì una stanza piena d’oro come prezzo del proprio riscatto, ma nonostante ciò nel 1533 venne fatto strangolare.



La struttura dell’impero inca sopravvisse tuttavia ancora per qualche tempo in coabitazione conflittuale con la struttura amministrativa creata dagli spagnoli in Pereù fin dal 1535. Sul trono si succedettero gli inca Manco capac II (1536-1545), suo figlio sayri Tupac (1545-1560), e Titu Cusi (1560-1571). Il successore di quest’ultimo, Tùpac Amaru, quando ormai lo splendore e la potenza di un tempo erano un ricordo, effettuò un estremo tentativo di ribellione contro gli stranieri oppressori, ma, catturato, venne impiccato nel 1572. Privo di un capo, l’impero si sgretolò rapidamente, benché numerosi continuassero a essere i tentativi di insurrezione nei confronti dei conquistatori, che tuttora, pur in nuove forme, contrappongono in America latina indios a creoli, non a caso talvolta ancora in nome di Tùpac Amaru.

3.Cultura

Gli inca svilupparono un sistema politico e amministrativo che non ebbe uguali tra le civiltà precolombiane del continente americano. L’impero si reggeva su un sistema di potere rigidamente gerarchico, basato a sua volta sull’attività militare dell’aristocrazia e sullo sfruttamento delle masse agricole sottomesse. Il sovrano era ritenuto l’incarnazione del dio supremo, il Sole, ed era signore di ogni cosa; la piccola nobiltà locale e infine la grande massa di artigiani e contadini, spesso soggetta a trasferimenti forzati per recidere ogni legame con i luoghi d’origine e ridurre al minimo la possibilità di rivolte organizzate.

Dal punto di vista amministrativo, l’intero dominio era diviso in quattro grandi regioni (detta “terra dei quattro quartieri”), a loro volta ripartite in province, e in un sistema decrescente di unità socioeconomiche, sino alla proprietà familiare conosciuta come ayllu, che costituiva l’unità terriera di base minima. Lo sfruttamento degli ayllu avveniva sotto lo stretto controllo dell’autorità centrale; esperti incaricati dal governo supervisionavano la selezione e la semina delle messi, e insegnavano ai contadini le tecniche di drenaggio, fertilizzazione, irrigazione e terrazzamento. Gran parte del raccolto veniva requisita per le esigenze della famiglia imperiale o immagazzinata in vista di distribuzioni pubbliche in casi di emergenza o di bisogno.

I prodotti principali erano patate e mais; i lama erano utilizzati come bestie da soma, mentre gli alpaca venivano addomesticati e allevati principalmente per ricavare la lana. Gli artigiani inca producevano, ceramiche, tessuti, ornamenti di metallo, utensili in bronzo e armi con belle decorazioni.

La civiltà inca non conobbe né l’uso della scrittura né quello della ruota; per mantenere i contatti le diverse parti dell’impero le autorità si affidavano a una fitta ed efficientissima rete di strade in pietra, costantemente percorse da squadre di corrieri capaci di coprire quotidianamente anche più di 400 km. La registrazione di truppe, forniture, dati sulla popolazione, inventari diversi era tenuta dai funzionari imperiali sui quipu, gruppi di cordicelle di differenti colori legate tra loro con speciali nodi.

Nonostante l’arretratezza tecnologica, gli inca eccellevano nella costruzione di imponenti edifici in pietra: templi, palazzi, fortezze, ponti sospesi di corda, canali di irrigazione e acquedotti.

4.Religione

La religione incaica era il frutto della fusione di tre matrici culturali diverse: la civiltà di Tiahuanaco, quella propriamente inca e quella delle tribù costiere mochia e chimù. Vi convivevano quindi tre divinità supreme: una era il dio-bambino Viracocha, inconoscibile, creatore e sovrano di tutti gli esseri viventi, del sole, della luna e delle stelle; un altro dio era Pachacamac, dio della Luna, in tutto simile all’uomo. Il terzo era Inti, il Sole creatore degli incas, sposo di mama Quilla e padre, oltre che di Manco Capac, anche di mama Oello, sue sorella e moglie. La leggenda narra che Manco Capac e mama Oello erano partiti dal Titicaca e con una bacchetta d’oro consegnata loro dal padre Inti avevano fissato il punto in cui si sarebbero stabiliti, e le sorse Cruzco; gli inca-sovrani erano perciò ritenuti discendenti del Sole e divinità a loro volta. Il pantheon comprendeva comunque anche altre divinità particolari, di tipo animista, che ricordano l’antica religione latina, che attribuiva un dio a ogni singolo elemento della natura, a ogni villaggio, clan e famiglia. Cerimonie e rituali erano numerosi e molto elaborati, connessi primariamente con cicli agricoli e la cura della salute; nel corso del loro svolgimento venivano sacrificati animali vivi (i sacrifici umani era meno frequenti). Le feste più grandi cadevano ai due solstizi: le Intip Rayami, in onore di Inti, si protraevano per otto giorni. Del ricco insieme di usanze, narrazioni e musiche inca sopravvivono oggi solo scarsi frammenti.

Scarica gratis Ricerca sul popolo - Inca
Appunti su: inca popolo,










Accedi al tuo account
Scarica 100% gratis e Invia appunti, tesine, riassunti

Registrati ora Password dimenticata?
  • Appunti superiori
  • In questa sezione troverai sunti esame, dispense, appunti universitari, esercitazioni e tesi, suddivisi per le principali facoltà.
  • Università
  • Appunti, dispense, esercitazioni, riassunti direttamente dalla tua aula Universitaria
  • all'Informatica
  • Introduzione all'Informatica, Information and Comunication Tecnology, componenti del computer, software, hardware ...

Appunti Economia Economia
Tesine Ingegneria tecnico Ingegneria tecnico