Appunti per Scuola e Università
Umanistiche
Appunti e tesine di tutte le materie per gli studenti delle scuole medie riguardanti le materie umanistiche: dall'italiano alla storia riguardanti le materie umanistiche: dall'italiano alla storia 
Scientifiche
Appunti, analisi, compresione per le scuole medie suddivisi per materie scientifiche, per ognuna troverai appunti, dispense, esercitazioni, tesi e riassunti in download.
Tecniche
Gli appunti, le tesine e riassunti di tecnica amministrativa, ingegneria tecnico, costruzione. Tutti gli appunti di AppuntiMania.com gratis!
Appunti
universita
Amministratori Archeologia Commodities Contabilita Diritto
Finanza banche Geologia Gestione Idrologia Marketing
Medicina Meteorologia Musica Ricerche Scienze politiche
Silvicoltura Turismo


AppuntiMania.com » Universita » Appunti di Medicina » Agonisti dei recettori adrenergici II

Agonisti dei recettori adrenergici II




Visite: 868Gradito: [ Picolo appunti ]
Leggi anche appunti:

Pediculosi


pediculosi Le pediculosi sono causate da pidocchi: sono insetti ematofagi

Sindrome di down


SINDROME DI DOWN Il RM ( grave, e in misura maggiore moderato/lieve) è un

Canali al potassio voltaggio attivati


Canali al potassio voltaggio attivati I canali



Scarica gratis Agonisti dei recettori adrenergici II

Agonisti dei recettori adrenergici II

Considerazione sugli agonisti alfa1

Ø     il loro uso riguarda prettamente il trattamento dell’ipotensione ortostatica, dello shock; sono altresì agenti midriatici e decongestionanti. Comprendono anche la metossamina. 



1)     FENILEFRINA

Molecolarmente simile all’adrenalina da cui differisce solo per l’assenza dell’OH in posizione 4. Potente vasocostrittore arterioso.

Decongestionante e midriatico. È anche detumescente (priapismo).

2)     MEFENTERMINA

Aumenta gittata e PA sistolica/diastolica.  Può indurre aritmie.

Prevenzione dell’ipotensione che si associa all’anestesia.

3)     METARAMINOLO

4)     MIDODRINA E DESGLIMIDODRINA

Trattamento dell’insufficienza autonomica (patologia associata al diabete, a neuro degenerazione) e dell’ipotensione posturale. Dura 4-6 h.

Può causare ipertensione clinostatica (controversa è l’associazione con un ipotensivante prima di coricarsi).

Considerazione sugli agonisti alfa2

Ø     nati come decongestionanti e vasocostrittori, gli alfa2 antagonisti si sono dimostrati al contrario ottimi antipertensivi poiché stimolano i recettori alfa2 del SNC del tronco encefalico inducendo riduzione degli impulsi simpatici e conseguentemente il tono vasale sistemico.

Ø     abbassano inoltre la pressione intraoculare, usati anche nel glaucoma.

Clonidina (catapresan ™)

La clonidina nacque come anticongestionante; si notarono ben presto i suoi effetti antipertensivi, sedativi e bradicardizzanti. È un’imidazolina e conseguentemente oltre a legare e stimolare i recettori alfa2 centrali del tronco encefalico potrebbe anche attivare i recettori imidazolinici I1,2,3 inducendo ulteriore vasodilatazione. L’effetto sugli alfa2a però rimane il meccanismo principale.

La clonidina somministrata per via endovenosa induce inizialmente una risposta ipertensiva mediata, presumibilmente, dai recettori alfa2b che appunto inducono la cosiddetta “vasocostrizione indotta da alfa2”, ma ben presto l’azione centrale induce vasodilatazione potente e duratura. Questa risposta ipertensiva iniziale non compare nella somministrazione orale (esposizione dilazionata?).

Farmacocinetica

Biodisponibilità di quasi il 100%, picco 1-3h dopo dose orale, emivita 12h. Disponibili cerotti transdermici da usare 1 volta a settimana.

Effetti avversi

Secchezza delle fauci, sedazione, impotenza, tachicardia. Possibile effetto rebound alla sospensione.

Usi clinici

-        Ipertensione (l’effetto ipotensivante ne ha provocato il disuso nel trattamento del GLAUCOMA)

-        Disintossicazione da alcol o tabacco.

-        Diagnosi di feocromocitoma (in quest’ultimo caso, la clonidina se non ha effetto conferma la diagnosi)

OFF LABEL: acatisia focale (sindrome delle gambe senza riposo), psicosi, deficit dell’attenzione con iperattività.

APRACLONIDINA

La selettività lo rende ideale per il glaucoma.

Pochi effetti centrali.

BRIMONIDINA

La selettività lo rende ideale per il glaucoma.

Passa la BEE e può indurre ipotensione.

alfaMETILDOPA

Trasformato in alfa-metiladrenalina nel SNC.

Simile alla clonidina.

GUANFACINA

Trattamento di ADHD (deficit dell’attenzione con iperattività), ansia, tic, nonché ipertensione.

Emivita maggiore della clonidina e meno EA.

GUANABENZ




Simile alla clonidina.

TIZANIDINA

Trattamento di crampi e spasmi. Miorilassante.

Altri agonisti SM

Amfetamina

Racemo, somministrabile per via orale.

Meccanismo d’azione:

-        Agente di rilascio di monoamine

-        Inibisce il DAT à ridotto reuptake monoamine

-        Inibisce VMAT à riduce la concentrazione di monoamine nelle vescicole, ne aumenta quella intracellulare, inducendo un’inversione nell’attività del DAT con conseguente rilascio di DA nella sinapsi

-        Lieve inibizione delle MAO

Effetti:

-        Ipertensione (specie l’enantiomero L)

-        Stimolazione SNC del respiro (specie l’enantiomero D) à insonnia, iperattività, miglioramento dell’umore, euforia, riduzione fame

-        Effetto sul GI bivalente

Agisce sulla sostanza reticolare (insonnia) e sulla corteccia (intraprendenza), nonché sull’ipotalamo laterale (anoressia).

L’utilizzo come anoressizzante è stato deludente poiché si sviluppa dopo poco tempo, tolleranza. 

Associato alla produzione di ROS à neuro degenerazione?

Effetti avversi SNC: Agitazione, tremore, insonnia, ansia, delirio, psicosi. CV: Ipertensione seguita da ipotensione, aritmie, emorragia cerebrale.

Usi terapeutici: obesità, ADHD

Efedrina

Ampiamente usata in passato nell’asma, come decongestionante, per promuovere la continenza urinaria, è stata ampiamente rimpiazzata. L’assorbimento orale ne ha fatto un farmaco ampiamente diffuso, ma l’azione pleiotropica (è sia un agente di rilascio che un agonista diretto) causava forti effetti avversi.

Emivita di 6 ore, durata d’azione più o meno simile. Usata per mantenere la pressione dopo anestesia. Proviene dalla pianta Efedra, le cui supplementazioni sono state bandite dall’FDA. 

La metamfetamina ha più effetti centrali che periferici. Induce però anche ipertensione e variazioni della FC. Stimola anche il cuore direttamente.

Il metilfenidato è un blando stimolante del SNC, usato nell’ADHD.

Alcune considerazioni sugli agonisti adrenergici

·       Shock

Numerose sono le forme di shock: CARDIOGENO (infarto, difetti del setto), DISTRIBUTIVO (anafilattico, neurogeno, settico), IPOVOLEMICO (emorragico, ustioni, disidratazione).

L’azione di molte monoamine promuove la vasocostrizione periferica mantenendo il tono del circolo ed evitando la fase terminale dello shock, la vasodilatazione irreversibile che precede immediatamente il collasso cardiocircolatorio. L’adrenalina è usata nell’anafilassi, in altre condizioni è possibile la somministrazione di noradrenalina, la quale ha minore azione sugli alfa ma anche minore stimolazione cardiaca (potrebbe richiedere un minore sforzo cardiaco). Nelle altre condizioni in cui le resistenze periferiche sono alte e al contrario vogliamo sia stimolare il circolo che migliorare la perfusione renale (che nello shock è molto bassa) dopamina, dopexamina e fenoldopam (e dobutamina?) sono i farmaci di scelta.

Scarica gratis Agonisti dei recettori adrenergici II
Appunti su: alfa 2 agonisti rene midodrine,







Accedi al tuo account
Scarica 100% gratis e Invia appunti, tesine, riassunti

Registrati ora Password dimenticata?
  • Appunti superiori
  • In questa sezione troverai sunti esame, dispense, appunti universitari, esercitazioni e tesi, suddivisi per le principali facoltà.
  • Università
  • Appunti, dispense, esercitazioni, riassunti direttamente dalla tua aula Universitaria
  • all'Informatica
  • Introduzione all'Informatica, Information and Comunication Tecnology, componenti del computer, software, hardware ...

Appunti Nutrizione Nutrizione
    Tesine Bambini Bambini
    Lezioni Bellezza Bellezza