Appunti per Scuola e Università
Umanistiche
Appunti e tesine di tutte le materie per gli studenti delle scuole medie riguardanti le materie umanistiche: dall'italiano alla storia riguardanti le materie umanistiche: dall'italiano alla storia 
Scientifiche
Appunti, analisi, compresione per le scuole medie suddivisi per materie scientifiche, per ognuna troverai appunti, dispense, esercitazioni, tesi e riassunti in download.
Tecniche
Gli appunti, le tesine e riassunti di tecnica amministrativa, ingegneria tecnico, costruzione. Tutti gli appunti di AppuntiMania.com gratis!
Appunti
tecniche
AeronauticaAgricoltura agrariaArchitetturaAutomobileCostruzione
Demografia urbanisticaElettronica elettricitaForensicsIngegneria tecnicoVela


AppuntiMania.com » Tecniche » Appunti di Aeronautica » Storia del mercato aereo internazionale

Storia del mercato aereo internazionale




Visite: 1063Gradito: [ Medio appunti ]
Leggi anche appunti:

Storia del mercato aereo internazionale


Storia del mercato aereo internazionale Negli ultimi  cinquanta  anni

Progettazione di una base di dati per la gestione di una issione Spaziale


Progettazione di una base di dati per la gestione di una issione Spaziale 1.



Scarica gratis Storia del mercato aereo internazionale

Storia del mercato aereo internazionale






Negli ultimi cinquanta anni l andamento della domanda del traffico aereo mondiale è sempre stato in crescita.

Soprattutto il traffico di persone è spesso stato legato agli andamenti del turismo, che da bene di elite, come era in principio, è sempre pdiventato alla portata di un maggior numero di individui.

Però  è soprattutto negli anni Novanta che si sono avute una crescita dell’utenza, anche per quel che riguarda i voli intercontinentali, ed una serie di trasformazioni a livello dell’offerta, anche in conseguenza di nuove regolamentazioni.

Se  a livello di singole tratte si può parlare talvolta di vere e proprie crisi, spesso legate a guerre o ad epidemie, globalmente si può dire che è sempre stato un mercato in espansione; anche i diversi disastri aerei verificatisi negli ultimi anni, come la strage di Lockerbie nel , lesplosione del TWA 0 nel , il disastro del Concorde del 0 e gli attentati terroristici dell’ 1 settembre , non hanno minato in maniera drastica l’andamento generale.

Basti  notare come tra il 0 ed il 4 il traffico aereo in termini di passeggeri chilometro sia cresciuto in media del , % all anno all’interno dell’Unione Europea e che il traffico negli aeroporti degli stati membri è aumentato di cinque volte dal .

C che peha definitivamente rivoluzionato lassetto è stato l avvio della deregulation del settore.

Infatti, il mercato aereo internazionale è stato perlopiù disciplinato in maniera protezionistica per quasi settanta anni, cioè dal primo volo commerciale del 9 sino alla svolta determinata dall Airline Deregulation Act del 8 nel Congresso statunitense che aprì le porte ad un cambiamento nel settore con l abolizione del Civil Aeronautic Board (C.A.B , dando inizio alla liberalizzazione del mercato.

Questo fu un fenomeno che, però, in principio non coinvolse il mercato europeo, che rimase ancora legato a logiche protezionistiche; sanecessario attendere circa una decina d anni per poter assistere ad un fenomeno di questo tipo.

In Europa, infatti, fin dagli anni Quaranta si era ricorsi a negoziati bilaterali, con il risultato di favorire le compagnie di bandiera; ciò portò a tenere delle tariffe elevate rispetto a quelle americane e talvolta difformi tra loro.

Nel   6 ebbe inizio una riforma graduale del settore in tre diversi momenti attraverso la revisione di accordi bilaterali e l’emanazione di nuove norme, in accordo alle decisioni della Corte di Giustizia di quella che allora era la CEE.

Proprio in quell anno fu stabilito che potevano essere applicati gli articoli 0 del Trattato di Roma anche al trasporto aereo e marittimo, che consideravano incompatibili con il mercato comune, mentre erano vietati e legalmente nulli tutti quei trattati che di fatto minavano la concorrenza e tendevano all abuso del dominio sul mercato1.


Occorre peprecisare che la lentezza di questo processo dipese anche dall esigenza di mediare tra i vari interessi coinvolti, compresi quelli dei vettori meno forti, tenendo conto dell esigenza delle compagnie più forti

Nel 4 la Gran Bretagna ed i Paesi Bassi avevano già stipulato un accordo bilaterale che liberalizzava il mercato aereo tra i due Stati, i cui punti principali riguardavano la libertà di entrata nel mercato, l’accesso a qualsiasi aeroporto delle due nazioni, l assenza di restrizioni sulla capacioperativa e la Double Disapproval per le tariffe3.



Nel 9 si ebbe le seconda fase con un adeguamento della precedente normativa e tra l altro venne introdotta per le tariffe la Double Disapproval con alcune limitazioni.

Gli Stati erano obbligati ad autorizzare l entrata nel mercato di nuove compagnie aeree se rispettavano determinate condizioni tecniche ed economiche, mentre prima potevano designare una seconda compagnia aerea nel caso in cui il traffico superasse determinati livelli; venne inoltre garantito il diritto di cabotaggio per rotte all’interno della Comunit , ma solo con il limite massimo del %

della capacioperativa totale


Nella terza ed ultima fase si attuò il passo decisivo per una vera e propria liberalizzazione del mercato. Non era più concepibile negli anni Novanta, dodici anni dopo l Airline Deregulation Act statunitense, che gli Stati membri proteggessero le proprie compagnie di bandiera al di là quindi di ogni criterio di economicit ; inoltre le stesse associazioni in difesa dei consumatori premevano per l’abolizione delle logiche protezionistiche che ancora vigevano nel mercato.

In sintesi divenpiù facile l’accesso al mercato da parte di nuove imprese.

Furono, innanzitutto, rese libere le tariffe abbandonando definitivamente la Double Approval e la Double Disapproval, anche se gli Stati potevano intervenire solo qualora le tariffe fossero state troppo alte o basse rispetto ai costi, ed entrò poi in vigore il diritto di cabotaggio sulle rotte nazionali ed internazionali


Ma  è soprattutto in materia di concessioni che si ebbe una vera e propria svolta. Infatti vennero armonizzati i requisiti tecnici ed economici necessari ad una compagnia aerea per poter operare, così che l’autorizzazione concessa da uno degli Stati membri valesse all’interno di tutta l’Unione Europea.

Inoltre gli stessi Stati erano obbligati ad autorizzare tutte le compagnie, che possedevano i requisiti idonei, ad entrare nel mercato.

Vennero poi abolite le norme che limitavano la concorrenza alle compagnie il cui capitale era di propriedei cittadini della nazione stessa.

Di fatto cambiò in modo abbastanza evidente il quadro del trasporto ed il mercato perse molta della sua rigidit . Prima della deregulation esso aveva un numero ridotto di compagnie essenzialmente quelle di bandiera , tra cui vi era una moderata concorrenza e pochissime fusioni. LEuropa era territorialmente divisa tra le varie compagnie in un regime quasi oligopolistico: ogni compagnia di bandiera aveva quasi il monopolio dei suoi traffici nazionali e poteva contare su pochi concorrenti sul fronte dei traffici internazionali.



Come  conseguenza di ciò si verificò spesso che, sul fronte del traffico interno, le tariffe fossero proporzionalmente più alte rispetto ai costi. Questa assenza di una vera e propria concorrenza comportò che molte compagnie non solo non operassero in regime di economicit , ma ricorressero sovente ad aiuti statali.

Alcune tratte aeree, per esempio, vennero mantenute solo per motivi di funzione pubblica e culturale.

Talvolta questo tipo di orientamento venne favorito dalla frequenza con cui alcuni governi, anche dopo il , continuarono a finanziare le proprie compagnie di bandiera, anche per motivi di orgoglio nazionale. Emblematico fu il caso di Alitalia che andò platealmente contro le tendenze della Commissione Europea verso la liberalizzazione del mercato; sino al 5 tutto ciò è stato possibile.

La concessione del permesso da parte di Bruxelles per le sovvenzioni statali era quasi di prassi, ma a metà degli anni Novanta alcune compagnie, tra cui la British Airways, protestarono per questo regime di finanziamenti, in quanto di fatto contrastava con i principi della deregulation sanciti dall Unione Europea. Diventò, quindi, molto pdifficile per i vari vettori accedere a finanziamenti pubblici, problema che tuttora continua a dare adito a diverse discussioni.

Nonostante ci , in certi Paesi non si poteva ancora parlare di una vera e propria liberalizzazione del mercato, soprattutto in quelli dove la gestione degli slots era affidata ad una compagnia aerea, spesso ex di bandiera

Non bisogna inoltre dimenticare, come conseguenza diretta della deregulation, che negli anni Novanta aumentò anche il numero delle imprese che si inserirono nel mercato aereo, soprattutto in seguito all’abolizione delle norme che vietavano a chiunque di possedere pdel % di una compagnia aerea che non fosse del proprio Stato. Inoltre molte delle imprese, che prima operavano solo su mercati nazionali, iniziarono ad organizzare voli allestero anche su rotte interne a Paesi stranieri.

Sul modello della Southwest Airlines americana, tra il 0 ed il 1 avvenne la trasformazione di una compagnia, l irlandese Ryanair che, proponendosi come prima compagnia low cost europea con lo slogan low fares/no frills , cerdi farsi spazio nel mercato europeo.

La Ryanair, nata nel , rivoluzionò il suo assetto tagliando subito i collegamenti non redditizi passò da 9 a 5 rotte) ed eliminando gli aeromobili turboelica, riuscendo così offrire il % dei posti alle due fasce di prezzo più basse.

Comunque, sino dal , essa poteva soltanto essere considerata una concorrente di Aerlingus e British Airways, in quanto effettuava solo collegamenti tra il Regno Unito e l Irlanda.

Con la completa deregolamentazione del settore, nel , attuò anche le prime rotte verso l Europa continentale, offrendo tariffe di viaggio inferiori del 50% rispetto alla concorrenza che, con il passare degli anni, furono sempre pampliate e per numero di destinazioni e per frequenza dei voli.

All inizio il fenomeno low cost fu molto sottovalutato, ma presto questa compagnia aerea riusad assumere un ruolo di rilevanza non indifferente. Il mercato a cui si rivolse, soprattutto in principio, fu quello del turismo giovanile, attratto dalla convenienza dei prezzi. L importanza che la Ryanair arrivò ad assumere nel mercato si può facilmente notare citando alcuni dati dell’impresa. Nel 7 furono coperte 8 tratte per un totale di 3 milioni di passeggeri l’anno; due anni dopo si contavano 5 tratte per 6 milioni di passeggeri e nel

le tratte divennero . La Ryanair diventò quindi in pochi anni una delle più importanti compagnie europee, inasprendo ancora di più la concorrenza.

Successivamente sulla sua scia nacquero nuove compagnie low cost, alcune da costole di imprese goperanti nel settore, come la Go legata alla British Airways. Queste, per , si trovarono da un lato con delle politiche di prezzo che tendevano ad essere low cost, dall altro con delle strutture di costo abbastanza fisse simili alle compagnie tradizionali e quindi più difficilmente gestibili in caso di una crisi di mercato.

Sempre in seguito alle deregolamentazione avvenne la fine del monopolio che di fatto si creava allinterno dei voli nazionali; ciò segnò una forte perdita per quelle compagnie che sul mercato interno realizzavano i margini di profitto più alti e dove, sino ad allora, non c era stato quasi nessun tipo di concorrenza.

In risposta a tutto ciò ed ai nuovi stimoli della globalizzazione, nacque il “sistema delle alleanze”, che consisteva in un gruppo di compagnie aeree, in genere di diversa nazionalit , che stipulavano accordi per poter consolidare la propria posizione sul mercato con il fine di meglio reagire alla concorrenza.



In generale si può concludere che a livello europeo, negli anni Novanta, il mercato attuò una svolta verso la liberalizzazione che, con l’acuirsi della concorrenza, la nascita di nuove imprese e di nuovi accordi tra esse, registrò una diminuzione dei prezzi ed un aumento della domanda, anche in conseguenza del fatto che furono ampliate le rotte effettuate tramite l’utilizzo di sistemi hub and spoke per le compagnie tradizionali e point to point per le compagnie low cost. Questo portò alla nascita di nuove strategie di marketing e di fidelizzazione dellutenza come i programmi frequent flyer , ma anche di nuove collaborazioni a livello internazionale. Non ci si rivolgeva più al proprio mercato interno, ma la concorrenza era anche sui mercati stranieri.

Da qui la nascita di accordi in risposta ad un mercato che per primo si poteva definire globale in ogni senso.



Se lEuropa negli anni Novanta si trovò ad analizzare i primi effetti della deregulation del settore aereo, sul fronte statunitense il processo di liberalizzazione, iniziato da Reagan sul finire degli anni Settanta, portò ad ottenere un mercato dove anche l intervento statale a livello economico era ridotto al minimo.

I motivi che spinsero ad una liberalizzazione del settore sono molteplici e sostanzialmente simili a quelli che portarono l Unione Europea ad agire in questo senso. Spesso, infatti, la qualidel servizio era scarsa e limitata perlopiù solo alle rotte principali. Tutto ciò penalizzò non solo i trasporti, ma anche lo sviluppo economico dei centri minori. Inoltre, sempre più frequentemente, le compagnie, approfittando del protezionismo del mercato, inserivano servizi accessori con costi considerevoli, sostenuti però grazie anche ai sussidi statali di cui spesso potevano disporre.

Era  poi molto difficile per nuove imprese entrare nel mercato fortemente oligopolistico; basti pensare che nel 7 le prime otto compagnie detenevano, in termini di fatturato, l % del mercato.

Di  fatto l’Airlines Deregulation Act portò all’abolizione del Civil Aeronautic Board ad opera del suo presidente Alfred Kahn. Dunque non fu pnecessaria lautorizzazione del C.A B. per erogare servizi di trasporto aereo, qualsiasi impresa poteva farlo, a patto che possedesse le necessarie caratteristiche in materia di capacità di produrre servizi, di coperture finanziarie e soprattutto di sufficienti standard di sicurezza.

Le prime politiche riguardarono soprattutto questo ultimo punto: i detrattori sostenevano che la privatizzazione del settore avrebbe portato ad una proliferazione selvaggia, a scapito della sicurezza dei servizi. Tutto ciò comunque non si verificò in quanto l ente che si occupava e che si occupa tuttora di sicurezza in materia di trasporti aerei, la Federal Aviation Administration F.A A. , non venne toccato dalla nuova regolamentazione del .

C che invece si verifinegli anni immediatamente successivi alla A.D.A. fu la nascita di molte nuove imprese di vettori aerei. Infatti, negli anni dal 8 al 2 si ebbe un’impennata del numero delle aziende operanti nel settore.

Questo, per , divenne un fenomeno destinato a durare poco, già nel


si ebbe, infatti, una riduzione. Di fatto a dieci anni di distanza il numero delle compagnie aeree rimase quasi immutato, cambiarono alcuni vettori e molte delle imprese che operavano prima dell’A.D.A. si ritirarono dal mercato, lasciando da sole soltanto quelle in grado di competere attivamente.

Delle venti imprese che esistevano in America nel 8 solo poche erano ancora competitive dieci anni dopo, tra cui l American Airlines, la TWA, la Continental Air, la North West e la United Airlines. Esattamente come era stato previsto, il prezzo medio dei servizi scese, anche in conseguenza delle politiche aziendali strategicamente migliori.

L acuirsi della concorrenza spinse molti vettori non solo a sfruttare le rotte convenzionali, ma anche a cercarne di nuove per poter usufruire di eventuali mercati di nicchia, soprattutto utilizzando il sistema hub and spoke.

In seguito all’espansione del numero di destinazioni e del numero di utenti, il primo risultato, che si evidenziò soprattutto negli anni Novanta, fu la congestione degli aeroporti statunitensi.

L incremento del traffico porad un aumento della permanenza dei velivoli negli aeroporti, con conseguente aumento dei costi relativi, dovuto anche all’inadeguatezza delle infrastrutture rispetto al volume dei traffici.

Per  confermare ciò basta analizzare i dati del traffico aereo della tabella .1 dove si nota come negli anni Novanta il volume dei traffici sia quasi sempre stato in costante crescita, nonostante la crisi nel

, dovuta alla Guerra del Golfo, che comunque non si limitò agli

Stati Uniti, ma si ripercosse anche sull Europa a causa del conseguente aumento del prezzo del petrolio










Traffico aereo passeggeri a livello mondiale dal 0 al 0

Anno

Imbarchi passeggeri [in migliaia]

Movimenti aerei in partenza


































Tabella 1




Le ragioni di una così rapida crescita del mercato statunitense trovarono fondamenta nelle caratteristiche del Paese quali le dimensioni territoriali, lattitudine ad una elevata mobilidel lavoro, la presenza di un trasporto pubblico scarsamente sviluppato, ma soprattutto il fatto che fosse lunico Stato di grosse dimensioni ad avere un livello di reddito abbastanza elevato da poter offrire una grossa utenza per il servizio.



Ciononostante le crisi dei vari vettori si susseguirono negli anni Novanta abbastanza rapidamente.


La Continental Airlines ebbe due richieste di amministrazione controllata nel 3 e nel 0 ed uscì da due procedure fallimentari nel 5 e . La TWA non conseguì mai pprofitto dopo il , ebbe tre richieste di amministrazione controllata nel , nel 5 e nel , due fallimenti nel 3 e nel , per poi finire nel 1 con l’essere acquisita dalla American Airlines per 2 milioni di dollari, oltre a ,5 miliardi di dollari di assunzione di debito.

La Pan Am ebbe una sola richiesta di amministrazione controllata nel , non riuscendo però ad emergere dai debiti, e nell’agosto dello stesso anno la Delta Air manifestò la volondi acquisirla per 1 milioni di dollari, oltre a 8 milioni di dollari di assunzione di debito, ma poi rinunci .

I motivi di questi fallimenti sono molteplici: innanzitutto anche qui l’arrivo e lespansione di compagnie low cost come la Southwest hanno minato le posizioni di altre imprese, anche perch , con l’avvento di Internet, hanno talvolta iniziato ad utilizzare sistemi di prenotazione on line che hanno in parte ridotto i costi e quindi le tariffe. Secondo alcune stime le compagnie tradizionali hanno perso

miliardi di euro a causa dei nuovi sviluppi perché molte di loro non sono state in grado di adeguarsi velocemente a questo mutamento, sia a livello strutturale che a livello di marketing.

Le  ragioni dell’enorme successo delle compagnie low cost, sia americane che europee, sono da ricercarsi nell accurata costruzione di una catena di passaggi che consente di predisporre una base di costi estremamente bassa, la quale “autorizzal adozione di prezzi irraggiungibili costituendo coun richiamo per una base di utenza sempre più vasta. È un fenomeno di natura prevalentemente sociale, in quanto in grado di attrarre in maniera sempre più vigorosa una consistente fascia della popolazione, generalmente nuova ad ogni tipo di esperienza fra i cieli o incline a preferire mezzi di trasporto peconomici.

A  questo punto è necessario spostare definitivamente l’attenzione sulle compagnie a basso costo operanti in Europa. Dall incremento del numero di rotte operate, dei velivoli acquistati, dei passeggeri trasportati e dell assunzione di nuovo personale durante l ultimo decennio è possibile verificare come abbiano definitivamente trovato un loro posto nel liberalizzato mercato europeo e sembrano poter promettere ancora migliori risultati. Gli operatori low cost stanno dimostrando di non essere un fenomeno temporaneo, ma un nuovo proficuo segmento all interno del mercato del trasporto aereo.


In  ogni caso, la caduta prematura di alcuni di questi vettori e l’insignificante peso delle restanti compagnie ad eccezione di Ryanair ed EasyJet mostrano che guadagnarsi spazio, in Europa, non è poi così semplice, soprattutto se si ha ben poco di low cost.

La fedele riproduzione del modello Southwest conta solo pochi veri seguaci”, il resto dei quali si batte fra una insufficiente visibilidi mercato ed un soffocamento di cui un po’ tutte risultano soffrire, a causa di una accentuata dispersione della domanda.

Problematico sarà anche per i vettori mantenere le condizioni favorevoli di cui hanno sempre goduto nell’utilizzo delle infrastrutture aeroportuali, in scali prima deserti, un domani affollati e pretenziosi in termini economici. Per prevenire ciò è necessario fare tesoro dell’esperienza americana e cercare nuove soluzioni.

Inoltre interessante è la sfida che ben presto le low cost dovranno affrontare, quando di fronte ad ordini di aeromobili abbondanti, saranno tenute a mantenere tassi di crescita difficilmente sostenibili su livelli sempre così alti.

Bisogna altresì considerare che volare a basso costo non è sempre conveniente come sembra e non sempre si paga quanto promesso: le tariffe di andata e ritorno sono molto diverse e l offerta di prezzi super scontati avviene nei soli periodi stagionali di caratteristica flessione della domanda e per una quantità comunque minima.

I  rimborsi non vengono contemplati nella politica aziendale e la gestione delle lamentele pare essere abbastanza rude.

Questi  problemi potrebbero venire a galla se in futuro non si riuscirà a mantenere un gap a livello tariffario consistente rispetto ai vettori tradizionali. A dispetto dei limiti comunque presenti, è bene sottolineare come le prospettive del fenomeno possano ritenersi moderatamente ottimistiche.

La chiave del successo è data dal formidabile compromesso raggiunto nel trade off fra economicità delle tariffe e livello del servizio, difficilmente scardinabile in futuro. Il servizio in effetti risulta decisamente meno “estetico”, ma ptagliato per le reali esigenze espresse dai passeggeri. L’innovativo approccio nel custumer service si basa su una accurata lettura delle priorimanifestate dai viaggiatori, per i quali in maggioranza risulta fondamentale pagare il minor prezzo possibile piuttosto che avere la possibilidi gustare un delizioso pasto a bordo o di poter leggere un quotidiano gratuito. Da ciò ogni taglio su quegli elementi del servizio in grado di non influenzare singolarmente in maniera decisiva il processo decisionale dacquisto da parte del viaggiatore, comportano una marginale, se non infinitesimale, riduzione del suo livello, cui fa riscontro un prezzo il pdelle volte irraggiungibile. Una trovata destinata a mostrare il suo valore per lungo tempo.


Scarica gratis Storia del mercato aereo internazionale
Appunti su:










Accedi al tuo account
Scarica 100% gratis e Invia appunti, tesine, riassunti

Registrati ora Password dimenticata?
  • Appunti superiori
  • In questa sezione troverai sunti esame, dispense, appunti universitari, esercitazioni e tesi, suddivisi per le principali facoltà.
  • Università
  • Appunti, dispense, esercitazioni, riassunti direttamente dalla tua aula Universitaria
  • all'Informatica
  • Introduzione all'Informatica, Information and Comunication Tecnology, componenti del computer, software, hardware ...

Appunti Automobile Automobile
    Tesine Economia Economia
      Lezioni Vela Vela