Appunti per Scuola e Università
Umanistiche
Appunti e tesine di tutte le materie per gli studenti delle scuole medie riguardanti le materie umanistiche: dall'italiano alla storia riguardanti le materie umanistiche: dall'italiano alla storia 
Scientifiche
Appunti, analisi, compresione per le scuole medie suddivisi per materie scientifiche, per ognuna troverai appunti, dispense, esercitazioni, tesi e riassunti in download.
Tecniche
Gli appunti, le tesine e riassunti di tecnica amministrativa, ingegneria tecnico, costruzione. Tutti gli appunti di AppuntiMania.com gratis!
Appunti
informatica
CComputerDatabaseInternetJava
Linux unixReti


AppuntiMania.com » Informatica » Appunti di computer » Analisi del corso per operatore di grafica web finanziato dal fse ob. 3, per detenuti della casa circondariale di busto arsizio

Analisi del corso per operatore di grafica web finanziato dal fse ob. 3, per detenuti della casa circondariale di busto arsizio




Visite: 1261Gradito: [ Grande appunti ]
Leggi anche appunti:

Hardware


HARDWARE UNITA’ CENTRALE DI ELABORAZIONE Definita con la sigla CPU, l’unità

Appunti computer internet


CHE COS’E’ UN COMPUTER ? Un computer è una grande scatola in cui vengono

Simulazione di un Web server con il PIC utilizzando il modulo di espansione SERIAL ETHERNET


Simulazione di un Web server con il PIC utilizzando il modulo di espansione SERIAL



Scarica gratis Analisi del corso per operatore di grafica web finanziato dal fse ob. 3, per detenuti della casa circondariale di busto arsizio

Analisi del corso per operatore di grafica web finanziato dal fse ob. 3,  per detenuti della casa circondariale di busto arsizio


…ho cominciato a lavorare subito sulla macchina



perché è una cosa interessante.

Un detenuto


1 - Introduzione


Il seguente capitolo analizza la realizzazione di un percorso formativo all’interno del Carcere di massima sicurezza di Busto Arsizio.

Le difficoltà per un’obiettiva valutazione del corso sono innumerevoli. Quella principale è causata dal difficile accesso al carcere durante le ore del corso. L’ingresso al carcere è subordinato al parere affermativo del Magistrato di Sorveglianza, previo giudizio positivo del Direttore del carcere. Questa procedura tende a dilatare i tempi per ottenere un permesso d’entrata.

La raccolta di dati relativi al corso e il feed back del “clima d’aula” sono stati necessariamente mediati dal coordinatore o dagli insegnanti.

Un altro motivo, per una difficile valutazione, è stato offerto dalla diminuzione dei partecipanti durante il percorso formativo stesso, che è passato, da 10 persone iniziali a 6/7 corsisti al termine delle lezioni, questo a causa di scarcerazioni, malattie e trasferimenti ad altri penitenziari; questo aspetto, in particolare, non ha favorito una riflessione finale completa sulle attività del corso.

Infine la difficile comprensione della cultura del carcere che, similmente ad un ambiente lavorativo, ha delle sue regole implicite di comportamento, di pensiero e di rapporti con l’esterno e con l’altro.

Il giorno 26 febbraio 2002 ho potuto incontrare cinque partecipanti al corso per alcune ore, insieme al sig. Lello Vaghi, coordinatore Enaip, per conoscere, al termine del percorso formativo, i pareri, le opinioni ed i giudizi in merito al loro approccio alle nuove tecnologie.

Tutti e cinque svolgono un lavoro all’interno del carcere (imbianchino, aiutocuoco, contabile, bibliotecario ed altro) ed hanno una condanna definitiva. Per alcuni, il corso,  è stata la prima occasione di conoscenza delle nuove tecnologie informatiche, per gli altri si è trattato di un approfondimento. Come in tutte le classi scolastiche c’è chi si è impegnato di più e chi meno, ma ognuno di loro ha espressamente fatto ai responsabili la domanda: «E poi? Quando saremo in grado di utilizzare flash 5, Photoshop, 3D Studio Max, Corel Draw e Adobe, cosa succederà?»

Tutti dipendono necessariamente e giustamente da altre persone (direzione, educatori, operatori penitenziari) e quindi, dopo aver “toccato con mano” le enormi potenzialità comunicative ed espressive del computer temono che tutto questo vada perduto, che non si offra loro la possibilità di mettere a frutto questa loro esperienza.

Il tempo che scorre è la loro più grossa preoccupazione. La percezione del tempo immediato del software, dei link da un testo all’altro, del passaggio da un mondo all’altro a colpi di mouse, contrasta enormemente con la percezione lineare di “tempo-che-scorre” che ognuno di loro ha: «quanto mi manca a fine pena?».

Le prospettive di implementazione di attività lavorative, legate alle nuove tecnologie, all’interno del carcere sono complesse, in parte per gli stessi motivi per cui è difficile l’analisi di questo corso, in parte perché le nuove tecnologie sono sinonimo di innovazione, flessibilità e creatività, termini difficili da coniugare con la rigida realtà penitenziaria.


2 - Presentazione del corso


Il progetto di formazione professionale per “Operatori di grafica WEB” nasce dalla collaborazione sperimentata fra il CSF Enaip e la Casa Circondariale di Busto A. che, dal 1997 ad oggi, collaborano su progetti di inserimento socio-lavorativo per detenuti ammessi all’art. 21 O.P. e su attività di orientamento professionale intramurari.

Questi interventi si inseriscono in un contesto provinciale di iniziative per detenuti ed ex detenuti caratterizzato dalla presenza del Comitato Carcere Territorio provinciale istituito nel 1996 dall’Assessorato alle Politiche Sociali della Provincia di Varese in collaborazione con Istituzioni, Enti e Associazioni del territorio.

Dalla sua istituzione ad oggi, il Comitato Carcere e Territorio provinciale ha realizzato numerosi progetti coinvolgendo “attori sociali” diversi che, pur rispettando i propri obiettivi, collaborano e si impegnano per la realizzazione di finalità comuni, quali:

promuovere nel territorio provinciale una politica sociale finalizzata alla prevenzione individuale e familiare del disagio dovuto alla detenzione ed al reinserimento del soggetto, nel rispetto delle finalità precipue dei suoi componenti;

coinvolgere tutte le realtà istituzionali ed associative presenti nel territorio provinciale al fine di operare secondo logiche di raccordo tra pubblico e privato;

coordinare le iniziative dei singoli enti, nel rispetto delle reciproche autonomie, al fine di perseguire un disegno comune di rilevanza sociale;

esprimere pareri, rilievi, raccomandazioni e proposte in materia di attività e servizi rilevanti nel Settore;

organizzare interventi di sensibilizzazione sociale ritenuti necessari in relazione alle problematiche della detenzione.

Il Progetto di formazione professionale è nato:

dalla condivisione degli obiettivi e dalla disponibilità di spazi della Casa Circondariale;

dall’idea di portare all’interno della Casa Circondariale alcune postazioni di lavoro per il caricamento dati realizzato dal Consorzio Nova Spes

dall’incontro con l’amministratore della Sirdata S.r.l., sig. Castiglioni di Busto A. che si occupa di creazione siti internet

dal know-how degli operatori Enaip

Da queste disponibilità è scaturito il progetto di sviluppo delle competenze informatiche di alcuni detenuti per favorire l’allargamento di commesse lavorative all’area della produzione di siti WEB.

Il corso si propone di far acquisire le competenze di base per operare nella produzione di pagine WEB per siti internet.

Il corso di 300 ore è iniziato a giugno 2001 ed è terminato a marzo 2002.

Sono stati costituiti due gruppi di lavoro: uno di monitoraggio e valutazione sullo svolgimento del progetto e uno di intervento diretto con gli utenti.

Il gruppo di monitoraggio e valutazione, per la costruzione di partnership fra le organizzazioni coinvolte e finalizzato al reperimento di commesse di lavoro interne all’istituto, è composto da:

Direttrice, vicedirettrice ed educatrice della Casa Circondariale;

Il titolare della Sirdata S.r.l. (Sig. Castiglioni);

Il responsabile del Consorzio Nova SPES;

Sig. Lello Vaghi, coordinatore di progetto del CSF Enaip e rappresentante del Comitato Carcere Territorio della Provincia di Varese Settore Politiche Sociali.

Il gruppo di intervento diretto con gli utenti, per l’organizzazione e lo svolgimento delle attività didattiche finalizzate alla crescita professionale degli utenti, è composto da:

Personale della Casa Circondariale;

Imprenditori e liberi professionisti locali;

Operatori del CFP di Gallarate;

Operatori della Sirdata S.r.l.;

Coordinatore di progetto e docenti del CSF Enaip.


2.1 - Partnership


2.1.1 - Sirdata


La Sirdata SRL, si occupa di

Vendita Hardware;

Assistenza tecnica;

Consulenza specializzata in materia di informatica;

Sviluppo Software 'personalizzato' in funzione alla richiesta della Clientela;

Corsi di istruzione organizzati presso la sede

Distribuzione di 'Omega', pacchetto contabile-gestionale;

Servizi Internet.

Collabora da diversi anni con il CSF Enaip di Busto A., ospitando i tirocinanti dei corsi informatici e detenuti in tirocinio lavorativo. Sirdata è una azienda attenta al mercato della formazione professionale ed alla sua evoluzione e valuta positivamente per i propri dipendenti e per gli altri la formazione continua. Il sig. Castiglioni, proprietario di Sirdata, nello specifico della formazione per detenuti, ha dichiarato il proprio interesse e disponibilità per il corso “Operatori di grafica WEB” al fine di coniugare lo sviluppo occupazionale del settore con le caratteristiche dell’ambiente carcerario e favorire l’attività lavorativa interna alla Casa Circondariale.

L’esperienza acquisita in questi anni permette a questa azienda di percepire concretamente i frutti di una formazione mirata all’acquisizione di competenze informatiche, ma attenta alla socialità delle persone che la ricevono.

Le caratteristiche particolari in cui sono inseriti i progetti, rende difficile la previsione di un futuro inserimento lavorativo dei soggetti interessati, ma in Sirdata ritengono che, grazie alle nuove tecnologie informatiche, ci siano potenzialità formative e creatività sufficiente per continuare la collaborazione con il carcere.


2.1.2 Consorzio Nova Spes (Lombardia)


Il Consorzio Nova Spes nasce su sollecitazione della Fondazione Carcere e Lavoro, con l’obiettivo di dare risposte concrete ai bisogni di occupazione di persone soggette a detenzione, che usufruiscono di misure alternative alla pena, o che da poco hanno terminato un periodo di pena.

La Caritas Italiana, la Caritas Ambrosiana, il Gruppo Abele, la Fondazione Exodus, la Compagnia delle Opere no profit, soci costituenti della Fondazione Carcere e Lavoro,  si sono attivati affinché attraverso il Consorzio – Nova Spes – si creino opportunità, occasioni di lavoro stabile dentro le carceri, e nella rete di cooperative sociali che operano sul territorio della Regione Lombardia.

Attualmente il Consorzio Nova Spes opera nelle carceri di Milano-Opera e S. Vittore, Lodi, Pavia, Voghera, Como e Bergamo dando lavoro:

a 140 persone nei laboratori intramurari;

a 30 persone nella sede operativa di Peschiera Borromeo, che godono delle misure alternative o che da poco hanno terminato di scontare la pena;

a 60 persone nelle cooperative sociali collegate.

Il Consorzio Nova Spes opera prevalentemente nel settore informatico, registrazione di dati, archiviazione ottica di documenti, creazione di archivi informatizzati e gestione dei magazzini cartacei. I principali clienti di Nova Spes sono attualmente gli enti pubblici (Regione Lombardia, Provincia di Milano).

Il Consorzio vuole essere soggetto imprenditoriale a tutti gli effetti, favorendo le condizioni per posti di lavoro ai detenuti dentro le carceri ed anche opportunità di contatto con il mondo del lavoro esterno, per garantire la spendibilità delle professionalità acquisite e per sperimentare possibilità di percorsi diversi per le pene alternative. La scelta innovativa di Nova Spes è quella di una impresa che non si preoccupa solo di dare lavoro, ma cerca e inventa lavoro affinchè i detenuti possano uscire dal carcere e utilizzare il lavoro come strumento alternativo alla sola pena carceraria o come spazio per creare vere domande sociali dentro le mura del carcere.
Il lavoro diventa la via obbligata per un possibile riscatto e un meno traumatico reinserimento.

Questo 'profilo alto' richiede la creazione di una organizzazione particolarmente attrezzata.
Il lavoro in Nova Spes è considerato un importante legame con un futuro possibile, fatto di cose nuove, non solo di cose già vissute, nel bene e nel male, è quasi l’unica possibilità di non tornare in un circuito che può riportare al punto di partenza, anche dopo un faticoso percorso, poiché mantenere un lavoro
stabilmente per il periodo post pena è una delle condizioni per non tornare nel circuito delinquenziale

I punti di forza del Consorzio Nova Spes sono:

la promozione di cooperative sociali;

la diffusione di un 'modello' culturale di impresa che dia attenzione al giusto equilibrio tra i risultati economici e il benessere globale delle persone;

una azione coordinata con il volontariato;

l’interesse per i media sui problemi dell’emarginazione.

Nell’ottobre del 2000, il Consorzio ha ottenuto la certificazione di qualità ISO 9001 per ciò che riguarda l’inserimento dei dati, il controllo, la lettura ottica, e tutta l’organizzazione dell’azienda sulla sede esterna.

Nel maggio 2001 ha ricevuto la certificazione anche il laboratorio “interno” al carcere di Opera

La certificazione ISO 9001 è l’obiettivo che l’azienda si era posta per poter dimostrare all’esterno che, in termini di qualità, il lavoro dentro le carceri non è assolutamente diverso, rispetto all’esterno.

Nel carcere di Como, Nova Spes insieme alla Provincia, ha iniziato la formazione di detenuti in prospettiva di un lavoro, chiamato 'telelavoro', che è ancora in fase di studio.

2.1.3 - Enaip Busto Arsizio


La Fondazione Enaip ha adottato un’impostazione progettuale finalizzata ad identificare, valutare e certificare le competenze acquisite attraverso il percorso formativo, prendendo a riferimento il Modello elaborato da Isfol[1].

L'approccio utilizzato ha seguito i seguenti passi:

a)     descrizione della figura professionale;

b)     descrizione dei processi lavorativi entro cui la figura professionale si colloca;

c)     descrizione del contesto lavorativo e professionale di riferimento;

d)     definizione delle attività/compiti principali di pertinenza della figura professionale in termini di prestazioni lavorative (ADA[2] di riferimento);

e)     individuazione ed attribuzione del peso delle competenze di base, trasversali e tecnico-professionali per ogni prestazione lavorativa individuata;

f)      definizione degli obiettivi formativi del progetto espressi in termini di livello

minimo di performance/padronanza accettabile per ogni prestazione lavorativa;

g)     Descrizione del percorso formativo per UFC aggregate a livello di prestazione lavorativa (ADA di riferimento).


3 – Il progetto

Il corso è centrato sulla conoscenza degli strumenti informatici per la produzione di pagine per i siti internet:


concetti di base della tecnologia dell’informazione;

uso del computer e gestione file, sistema operativo windows;

elaboratori testi, tabelle e grafici;

conoscenza di base della tecnologia internet;

creazione di animazioni;

sviluppo di competenze linguistiche (inglese).

La ripartizione delle ore del corso è la seguente:


teoria


esercitazioni pratiche


tirocinio/stage


di azioni di accompagnamento


Totale  corso


Tabella n° 8


3.1 – Selezione


L’attività di selezione è stata preceduta da una fase di pubblicizzazione dell’intervento formativo e di informazione orientativa finalizzata a portare a conoscenza dell’iniziativa il maggior numero di persone a livello territoriale.

In particolare, attraverso l’azione di informazione, è stato presentato il progetto formativo ai potenziali utenti attraverso incontri collettivi e colloqui individualizzati.

Il processo di reperimento dell’utenza si è concluso con una specifica attività di selezione gestita da un apposito staff composto da orientatori/selezionatori e formatori interni ed esterni che hanno avuto il compito di:

verificare la conformità delle domande di iscrizione e del curriculum vitae dei candidati;

valutare i pre-requisiti d’ingresso attraverso prove/test relativi ad abilità generali e/o specifiche;

ricostruire le esperienze pregresse significative dei candidati ai fini del percorso formativo;

rinforzare il livello di motivazione e d’interesse dei candidati;

stilare la graduatoria di ammissione al corso.

Le competenze pregresse utili ai fini della formazione sono state formalizzate nel Portfoglio delle competenze:

valutazione curriculum;

test relativi ad abilità generali;

colloqui individuali.


3.2 – L’articolazione del percorso formativo

La Fondazione Enaip, nell'ottica della standardizzazione e del controllo di qualità del prodotto/processo formativo erogato e della diffusione su tutta la propria rete di standard organizzativi e progettuali omogenei, adotta, come riferimento per tutti i propri progetti, l’articolazione del percorso formativo, rappresentato con lo schema n° 1.

Nel corso in analisi sono state azzerate le ore di tirocinio-stage a causa dello stato di detenzione dei corsisti.

Tabella n° 9

Attività di accompagnamento

(10% circa del monte

ore corso)


Azioni iniziali (motivazione, rimotivazione, bilancio di competenze, orientamento)




informazione orientativa su: mercato del lavoro locale, settore produttivo, profilo professionale

rafforzamento motivazione

bilancio e valorizzazione esperienze pregresse

socializzazione gruppo/classe e contratto formativo


Azioni in itinere 2% (colloqui orientativi personalizzati)




Counseling individuale

Tutoring del tirocinio

Azioni di supporto allo sviluppo cognitivo


Azioni finali (orientamento in uscita e bilancio di competenza, sostegno al placement, supporto all’autoimprenditorialità)



Tecniche di ricerca del lavoro

Supporto alla ricerca del lavoro e/o all’inserimento lavorativo

Supporto all’autoimprenditorialità/al lavoro autonomo


Attività di formazione (90% circa del monte



ore corso) strutturata

in UFC


Attività di formazione teorica e pratica

(84% circa del monte ore formazione)


Aula

Laboratorio


Attività di valutazione

(6% circa del monte ore formazione)


Verifica in ingresso dei pre-requisiti

Verifiche intermedie sull'apprendimento al termine delle UFC

Verifica finale dei livelli di competenze acquisiti


Attività di recupero-approfondimento (10% circa del monte ore formazione)



Rinforzo competenze non raggiunte

Approfondimenti su tematiche programmate


3.3 - L’attività di formazione


L’attività di formazione teorico-pratica si propone di sviluppare in modo integrato le competenze connesse alle prestazioni lavorative della figura professionale in oggetto.

a)     La programmazione didattica del percorso formativo è stata sviluppata per Unità Formative Capitalizzabili, facendo riferimento al Modello elaborato da Isfol[3], aggregando le competenze tecnico professionali a livello delle prestazioni lavorative individuate (ADA di riferimento).

Nella fase di progettazione, i formatori hanno ritenuto opportuno fermarsi ad una sintetica esplosione dei “descrittori” delle UFC individuati da ISFOL, prevedendo una più articolata descrizione nella fase di programmazione didattica insieme alla formalizzazione delle prove di verifica in ingresso, intermedie e finali ed il catalogo delle tematiche da approfondire.

b)     L’attività formativa è basata su una forte integrazione tra sapere, saper fare e saper verificare, attraverso il raggiungimento di obiettivi formativi espressi in termini di livelli minimi di performance accettabili riferiti alle prestazioni lavorative individuate.

Nell’implementazione delle attività d’aula e di laboratorio oltre alle lezioni, alle esercitazioni pratiche ed alle testimonianze si ricorrerà all’utilizzo di metodologie didattiche attive (casi, simulazioni, giochi di ruolo ecc..) e di pacchetti multimediali a supporto dell’apprendimento.

c)     L’attività di valutazione formativa si propone di:

valutare i livelli d’ingresso degli allievi;

valutare i livelli di competenze raggiunti alla conclusione di ogni UFC;

certificare le competenze acquisite attraverso il percorso formativo;

formalizzare i crediti formativi acquisiti.

I formatori Enaip, al fine di non rendere eccessivamente complessa l’attività di valutazione, hanno deciso di integrare nelle verifiche delle UFC tecnico-professionali la valutazione delle competenze di base e trasversali (ad eccezione di informatica di base e Lingua).

La verifica finale, strutturata in una prova integrata, valuta l’acquisizione del complesso delle competenze di base, trasversali e tecnico professionali riferite alla figura professionale in oggetto.

d)     L’attività di recupero/approfondimento si propone di:

Agevolare al massimo il raggiungimento da parte di tutti gli allievi degli obiettivi formativi individuati, istituzionalizzando l’attività di rinforzo sulle competenze parzialmente raggiunte.

Garantire agli allievi che hanno raggiunto i livelli di performance/padronanza individuati, la possibilità di approfondire alcune tematiche di particolare interesse, nella logica dell’arricchimento e della personalizzazione dell’apprendimento.

A supporto dell’attività di approfondimento potranno anche essere utilizzati Pacchetti multimediali sulle seguenti tematiche:

Lingua inglese

Sicurezza

Qualità

Organizzazione aziendale

Informatica di base

Sviluppo autoimprenditorialità

La valutazione delle competenze acquisite attraverso il percorso formative è riportata sul Portfoglio delle competenze


3.4 - Riferimenti metodologici


A supporto dell’intervento formativo sono stati utilizzati i seguenti sussidi e pacchetti metodologici:

a)     Sussidi metodologici relativi alla “Valutazione delle competenze in Ingresso ed in uscita” prodotti da Enaip Lombardia con supporto documentale denominato “Portfoglio delle competenze” (strumento elaborato nell’ambito dei progetti Euroqualification e POM);

b)     Pacchetto metodologico “Valutazione della qualità percepita/erogata dell’intervento formativo” adattamento del modello elaborato dall’Ufficio qualità dell’Enaip Nazionale.


3.5 - Strumenti innovativi e attrezzature


Sono stati utilizzati:

n° 1 laboratorio informatico, con 6 Personal Computer, server di rete, software di programmazione e di grafica WEB, periferiche in input e di stampa, in rete locale con sistemi di backup e di sicurezza informatica.

n° 1 aula didattica, con lavagna a fogli mobili e lavagna luminosa.

Sistema informatizzato on line di supporto alla didattica

3.6 Figura professionale

La figura professionale dell’operatore di grafica WEB è collocata nel processo di produzione e commercializzazione di siti internet. Il compito dell’operatore è quello di realizzare il sito internet utilizzando software authoring. Il lavoro è eseguito, tenendo nella giusta considerazione sia gli aspetti estetici che quelli di funzionalità, nel rispetto di specifiche di progettazione definite dal responsabile di sviluppo.

La figura professionale considerata svolge nell’insieme le prestazioni lavorative indicate nella seguente tabella n° 10.                                                   Tabella n°10


Prestazioni lavorative





Peso %













Competenze coinvolte e pesi percentuali

Tecnico-professionali



Di base


Descrizione


Peso %


Lingua straniera


Informatica




Creare immagini






Utilizzare strumenti di disegno vettoriale


Utilizzare strumenti per la creazione, elaborazione e fotoritocco di immagini

















Creare ed elaborare contenuti animati, audio e video







Utilizzare strumenti per la creazione di animazioni


Utilizzare strumenti per la compressione di audio e video


Realizzare elementi multimediali da incorporare nel web


Integrare gli elementi grafici, audio e video con strumenti di sviluppo multimediale
















Creazione della

architettura e della

interfaccia grafica del prodotto







Utilizzare strumenti applicativi dedicati per la definizione dell’interfaccia, dei contenuti e delle modalità di navigazione











3.7 Previsione di inserimento occupazionale


Il gruppo di lavoro che si occupa delle prospettive di inserimento lavorativo a fine corso (cfr. cap.3.1) si è incontrato una prima volta a luglio 2001, affrontando i seguenti temi:

tipi di commesse di lavoro per la realizzazione di pagine grafiche;

necessità di velocizzare le comunicazioni fra i committenti e gli esecutori;

formazione ed aggiornamento in sintonia con i veloci cambiamenti del mercato;

tipologie di contratto per l’esecuzione dei lavori.

In particolare, nei mesi successivi al corso, affronteranno i seguenti problemi operativi:

ricerca di commesse di lavoro (tempi, procedure, ipotesi di risposta in ambito formativo);

postazione pc che comunichi con i potenziali clienti (autorizzazioni, procedure, tempi);

contratti di lavoro (tipologie, modelli, procedure);

convenzione quadro tra i soggetti (tempi, bozza, procedure).


3.8 - Strumenti di autovalutazione



Nell'incontro di “accompagnamento” del 2 ottobre 2001, a metà corso per “Operatore di Grafica Web”, il coordinatore ha presentato agli allievi una proposta di monitoraggio.

In particolare gli aspetti che il sig. Lello Vaghi, ha voluto rilevare sono stati quelli relativi agli apprendimenti, alla soddisfazione nella partecipazione ed alle prospettive di sviluppo del proprio progetto professionale.

E’ stato scelto un processo di autovalutazione composto da un primo momento di riflessione individuale scritta al fine di delineare le risposte ad alcune domande e da un secondo in cui si è attuato un brain storming del gruppo classe per l'esplicitazione dei propri pareri ed opinioni che è terminato con la rielaborazione dei risultati in plenaria.

Ai corsisti sono stati posti i seguenti quesiti:

a)     Con riferimento al corso, si è trovato particolarmente bene quando…

b)     Con riferimento al corso, non le è piaciuto quando…

c)     Un mio consiglio per il corso è quello di…nell’immediato futuro (prossimi due mesi) e mi piacerebbe che, con un po’ più di tempo (entro la fine del corso), si…

d)     Descriva brevemente un momento che le ha dato una sensazione di riuscire nel progetto per operatori di grafica WEB


La discussione sulle affermazioni raccolte ha permesso l'ampliamento del confronto e di  far emergere alcune considerazioni più difficilmente sintetizzabili in frasi scritte.

Si riporta di seguito la suddivisione delle risposte per area strumentale e relazionale.

Nell'area strumentale ho raccolto le considerazioni legate agli aspetti tecnici, agli apprendimenti delle competenze di base e tecnico professionali (vedi ISFOL).



Nell'area relazionale l'attenzione si è centrata sulle competenze trasversali, più legate all'espressione del grado di soddisfazione della partecipazione al percorso formativo e dei bisogni di socializzazione.


Rectangular Callout: 4	CI SONO STATE LE SELEZIONI E SONO STATO PRESO
4	SIN DALL’INIZIO, GLI INSEGNANTI SONO MOLTO DISPONIBILI
4	QUANDO L’AIUTO È DI GRUPPO
4	QUANDO È VENUTO IL NUOVO PROFESSORE

Text Box: CON RIFERIMENTO AL CORSO,
 SI È TROVATO PARTICOLARMENTE BENE QUANDO…

quesiti

 

Area relazionale

 

Area strumentale

 
Rectangular Callout: 4 ABBIAMO APPROFONDITO COREL DRAW
4 MI SONO APPASSIONATO ALLA MACCHINA
4 HO TRATTATO LE IMMAGINI IN MODO BELLISSIMO
4 HO INIZIATO A FARE GRAFICA DA SOLO
4 QUANDO HO INIZIATO WORD
4 QUANDO HO FATTO GLI ESERCIZI DA SOLO
4 QUANDO HO CREATO DEI QUADRI
4 QUANDO SONO ARRIVATI I NUOVI PC PIÙ POTENTI
4 QUANDO HO CAPITO DI POTER CONOSCERE COSE NUOVE









Text Box: CON RIFERIMENTO AL CORSO, NON LE È PIACIUTO QUANDO…

Rectangular Callout: 4 CI VIENE NEGATO IL PERMESSO DI ESERCITARSI
4 C’È L’ORA DI INTRATTENIMENTO, PREFERIREI APPROFONDIRE DI PIÙ LA GRAFICA
4 C’È INGLESE
4 NON RIESCO A RICORDARE I PASSAGGI
4 NON SI PUÒ OPERARE CON IL COMPUTER
4 QUANDO SI PERDE TEMPO IN CHIACCHERE
4 LAVORIAMO POCO CON LE MACCHINE
4 QUANDO IL PROFESSORE SPIEGANDO CORRE TROPPO


Rectangular Callout: 4	CREDEVO DI NON FARCELA
4	QUANDO CI SONO STATI  GLI INTERVENTI DEI TUTOR
4	GLI ISCRITTI AL CORSO NON COLLABORANO
4	SI VIENE RICHIAMATI
4	NON CI HO CAPITO NIENTE









Rectangular Callout: 4 QUANDO SI RIESCE NEGLI ESERCIZI
4 DURANTE LO SVOLGIMENTO DEL 1° ESERCIZIO CHE SEMBRAVA DIFFICILE MA CHE HO RISOLTO APPASSIONANDOMI MOLTO
4 QUANDO CON COREL DRAW SONO RIUSCITO A REALIZZARE UN ESERCIZIO DIFFICOLTOSO
4 QUANDO SONO RIUSCITO A CREARE UNO SFONDO APPREZZATO DAL PROFESSORE
4 QUANDO ABBIAMO FATTO IL PRIMO “SITO”, A NOSTRO PIACIMENTO
4 ALL’ATTO DELLO SVOLGIMENTO DEL LAVORO, QUANDO VIENE ESEGUITO CON FACILITÀ E DISINVOLTURA
4 SIN DAI PRIMI GIORNI
4 TUTTI I MOMENTI MI SEMBRANO GIUSTI

,Rectangular Callout: 4 NESSUNO PERCHÉ NON CI HO CAPITO NIENTE
4 CERCHERÒ DI METTERCELA TUTTA
4 E’ PRESTO PER DIRLO

,Rectangular Callout: 4 RISPIEGARE PER CHI È RIMASTO INDIETRO
4 IMPARARE IL MEGLIO POSSIBILE
4 APPROFONDIRE GLI ARGOMENTI
4 AUMENTARE LE ORE DI INGLESE
4 FARE OGNUNO LA SUA PAGINA WEB
4 AVERE PIÙ ORE A DISPOSIZIONE
4 FARE PRATICA
4 CONNETTERSI A INTERNET
4 FARE PIÙ GRAFICA
4 OPERARE SULLE MACCHINE ANCHE QUANDO NON C’È CORSO

































Tabella n°11



Dalle risposte si evidenzia un alto gradimento del corso legato all’aspetto tecnico degli apprendimenti. La richiesta di relazione e di accoglienza reciproca (gruppo classe e docenti) evidenzia un buon grado di soddisfazione rispetto alla partecipazione, ma anche il desiderio/possibilità di migliorare l'integrazione del gruppo classe per favorire la crescita professionale.

Si può già intravedere che l’approccio alle nuove tecnologie permette lo sviluppo di apprendimenti “a breve” consentendo ai corsisti di conseguire i primi obiettivi (esercitazioni, compiti, …) dopo breve tempo di formazione.

Un altro elemento da evidenziare è la ricorrenza, nelle risposte, dei verbi fare, creare, approfondire, operare, conoscere, che rendono l’idea della passione, della creatività, e della voglia di esprimersi possibili con i moderni mezzi informatici.

L’aspetto relazionale maggiormente accentuato è quello della partecipazione di gruppo. I partecipanti ricercano una dimensione del gruppo che in realtà manca: anche se, l’attività loro richiesta favorirebbe una maggiore collaborazione tra pari, questa si scontra con la “silenziosa” cultura individualista del carcere.


3.9 Valutazioni di fine corso


Il 26 febbraio 2002 ho partecipato, all’interno del carcere di Busto Arsizio, all’incontro finale di “accompagnamento” tra i corsisti e il coordinatore del corso. In preparazione a quest’incontro ho collaborato con il sig. Lello Vaghi, alla realizzazione di un questionario composto da 6 domande a risposta aperta. I primi tre quesiti (ved. primo riquadro) riguardavano il corso ed erano finalizzati a conoscere le opinioni dei Text Box: 4	ABBIAMO RAGGIUNTO IL 90% DEL MONTE ORE DEL CORSO, QUAL È IL LAVORO PIÙ INTERESSANTE CHE PENSA DI AVER SVOLTO?
4	QUALE PENSA POSSA ESSERE IL PUNTO DI DEBOLEZZA DEL PERCORSO?
4	LE COMPETENZE PROFESSIONALI DELL’OPERATORE DI GRAFICA WEB RICHIEDONO CONTINUI AGGIORNAMENTI E INVESTIMENTI PERSONALI (NOTIVAZIONALI, DI TEMPO, DI RISORSE…), COSA NE PENSA DI UN PROSEGUIMENTO DELLA FORMAZIONE?

partecipanti sull’attività svolta.

I restanti tre quesiti si riferivano (ved. secondo riquadro) all’aspetto metacognitivo dell’interazione tra la persona ed il computer e lo stato di detenzione.

Text Box: • CON IL COMPUTER È FACILE SBAGLIARE. UN 'CLICK' AL POSTO SBAGLIATO E SUCCEDE SEMPRE QUALCOSA DI IMPREVISTO. NELL'ESPERIENZA DEL CORSO PER OPERATORI DI GRAFICA WEB, COME AVETE VISSUTO QUESTO ASPETTO, COSA NE PENSATE? 
• LA SCELTA E LA COMBINAZIONE DI COLORI, DI IMMAGINI E DI TESTI È PRATICAMENTE ILLIMITATA IN UN PROGRAMMA DI GRAFICA WEB. COME VI SIETE POSTI DAVANTI A QUESTE SCELTE, COME VI SENTIVATE? 
• COSA NE PENSATE DEL RAPPORTO TRA NUOVE TECNOLOGIE (COMPUTER ED INTERNET) E LO STATO DI DETENZIONE?

Dopo aver proposto i questionari anonimamente se n’è data lettura in aula creando le basi per un dibattito ed un momento di riflessione ai fini di una presa di coscienza, da parte dei partecipanti, dei risultati ottenuti con il corso.

E’ importante sottolineare che a metà del corso, la Sirdata s.r.l., ha richiesto una commessa di lavoro (la creazione di un sito internet) ai partecipanti. A tale richiesta ha aderito con entusiasmo il gruppo più affiatato e con maggiori capacità.

Il compito è stato svolto con la supervisione di un docente ed è stato apprezzato sia dal committente (Sirdata) sia dal cliente (una ditta di pese industriali). Questa attività ha dato notevole impulso alla voglia di fare e di creare, ma ha causato anche qualche eccessiva illusione d’inserimento lavorativo; anche perché, attualmente non sono state ancora individuate strade possibili per una continuazione dell’esperienza.


3.9.1 Risposte al questionario


Le risposte alla prima domanda sono state sostanzialmente unanimi ed indicano, come lavoro più interessante, l’uso dei software di grafica: 3D Studio Max e Flash 5.

Per quanto riguarda il secondo quesito (punti deboli del corso), i corsisti, hanno evidenziato il poco tempo a loro disposizione per approfondire la conoscenza dei programmi che hanno apprezzato in maggior misura.

Per la terza domanda (riguardante il futuro della formazione), i corsisti ancora una volta all'unisono, spendono termini come «Sarebbe semplicemente perfetto», «Sarebbe un sogno», «Sarebbe una bella cosa», «E’ ottimo se si potesse proseguire» e «Ne sarei felice», offrendo l’idea del buon esito del corso per le cinque persone incontrate.

I partecipanti hanno preso parte al lavoro con dedizione ed hanno compreso gli obiettivi del corso, la loro richiesta di continuare la formazione pare più che legittima.

Questo è un fatto molto importante perché permette alle persone carcerate di immaginarsi positivamente ed in modo attivo in un futuro prossimo, quindi dentro all’Istituto, cortocircuitando con il concetto stereotipato di tempo che vige all’interno del carcere: mancano N giorni a fine pena.

Il pensarsi operosi e positivi è sicuramente un obiettivo prioritario di una concreta risocializzazione carceraria.

Per quanto concerne le ultime tre affermazioni/domande, bisogna dire che hanno suscitato un dibattito acceso e denso di contenuti.

Dalle risposte alla 4a domanda (considerazione degli errori) è possibile rendersi conto di un passaggio da un “prima” a un “dopo” e quindi, forse non per tutti i partecipanti, di un percorso conoscitivo-formativo.












Tabella n° 12

È opportuno segnalare che la domanda ha suscitato riflessioni, anche personali, sul problema di come ognuno di noi affronti l’errore nella vita quotidiana.

Alla questione numero cinque (scelta e creatività) hanno risposto in pochi forse un po’ intimiditi “davanti a tutta questa libertà”[4]. I pochi che hanno risposto sono infervorati:

Sicuramente molto entusiasmato

Prima ignorante, poi molto a mio agio

Euforico, impaziente, iperattivo cerebralmente

Una bella opportunità

Un detenuto, segnalato dagli insegnanti come quello più dotato, segnalava che queste possibilità di scelta esaltano la propria dose di creatività, dandogli spesso “input creativi” anche al di fuori del corso.

Infine, alla domanda n° 6 si evidenziano le speranze, ma anche una buona dose di realismo, infatti hanno capito che, al momento, Internet rimane fuori dal carcere.

Il rapporto è molto duro, come tutti i rapporti a distanza

Sono due cose diverse…la seconda (il carcere) è rimasto indietro

Si spera che in un futuro prossimo, anche all’interno dell’Istituto si possa usare Internet, per poi essere facilitati quando si uscirà a fine pena

Penso sia positivo portare tecnologia dentro ad un istituto penitenziario

Le riflessioni esposte confermano che l’approccio alle nuove tecnologie, guidato e calibrato alle persone che si hanno davanti, porta sicuramente a dei risultati positivi.

In questo caso, oltre alle competenze acquisite, è possibile intravedere anche aspetti della personalità di ognuno dei corsisiti che sono stati rinforzati: creatività, flessibilità cognitiva, accettazione dell’errore, voglia di approfondire, maggiore autostima. Tutte caratteristiche tipiche di un avvicinamento positivo alle nuove tecnologie informatiche

Tabella n°13 - Sintesi degli obiettivi formativi

Competenze

Obiettivi formativi



E1


Creare Immagini


Creare ed elaborare immagini a livello professionale tramite prodotti bitmap


E2


Creare ed elaborare contenuti animati, audio e video


Produrre un’animazione di immagini completa di audio e video da inserire in un prodotto multimediale, utilizzando il software dedicato



E3


Creazione dell’architettura e dell’interfaccia grafica del prodotto


Nel rispetto delle specifiche di progetto, creare un sito WEB definendone interfaccia, contenuti e modalità di navigazione, utilizzando strumenti applicativi dedicati


CB1


Lingua straniera


Apprendimento dell’inglese basic


CB3


Informatica di base


Concetti base per l’uso del PC


Tabella n° 14 - Competenza E1: Creare immagini


Tipo

Tecnico professionale


UFC




Graphic Design


ore






Contenuti



I file grafici


Programma di disegno vettoriale


Programma per l’elaborazione delle immagini


Tecniche 3d

Metodologie e strumenti


Lezioni, esercitazioni, laboratori


Prova di valutazione


Creare ed elaborare immagini a livello professionale tramite prodotti bitmap e grafica vettoriale


ore




Recupero


Rinforzo delle competenze non raggiunte nell’UFC


ore




Approfondimento


Esercitazione di approfondimento per gli allievi che hanno pienamente raggiunto le competenze dell’UFC


ore



Tabella n° 15 - Competenza E2: creare ed elaborare contenuti animati, audio e video


Tipo


Tecnico professionale


UFC




Animazioni, audio e video


ore






Contenuti



Creazione di animazioni


Concetti di layer, frame e scene


I plug-in


I formati dei file


Compressione audio e video




Tecnologie streaming

Metodologie e strumenti


Lezioni, esercitazioni, laboratori


Prova di valutazione


Produrre un’animazione di immagini, completa di audio e video da inserire in un prodotto multimediale, utilizzando il software dedicato


ore




Recupero


Rinforzo delle competenze non raggiunte nell’UFC


ore




Approfondimento


Esercitazione di approfondimento per gli allievi che hanno pienamente raggiunto le competenze dell’UFC


ore




Tabella n° 16 – Competenza E3: Creazione dell’architettura e dell’interfaccia grafica del prodotto


Tipo


Tecnico professionale


UFC




Applicativi dedicati


ore





Contenuti



I file grafici


Programma di disegno vettoriale

Metodologie e strumenti


Lezioni, esercitazioni, laboratori


Prova di valutazione


Nel rispetto delle specifiche di progetto, creare un sito WEB definendone interfaccia, contenuti e modalità di navigazione, utilizzando strumenti applicativi dedicati


ore




Recupero


Rinforzo delle competenze non raggiunte nell’UFC


ore




Approfondimento


Esercitazione di approfondimento per gli allievi che hanno pienamente raggiunto le competenze dell’UFC


ore





Tabella n°17 – Competenza CB1 : Lingua straniera


Tipo


Base


UFC




Lingua straniera


ore




Contenuti


Inglese basic


Prova di valutazione


Prova e test di verifica di livello


ore




Recupero


Rinforzo delle competenze non raggiunte nell’UFC


ore




Approfondimento


Esercitazione di approfondimento per gli allievi che hanno pienamente raggiunto le competenze dell’UFC


ore





Tabella n° 18 -  Competenze CB3: Informatica di base


Tipo


Base


UFC




Informatica di base


ore












Contenuti


Modulo 1 – Concetti di base della tecnologia dell’informazione: hardware, dispositivi di memoria, software, reti informatiche, il PC nella vita di ogni giorno, IT e società, sicurezza, copyright, aspetti giuridici


Modulo 2 – Uso del computer e gestione di file: il desktop, organizzare i file,semplice editing,gestione della stampa


Modulo 3 – Elaborazione testi: operazioni di base, formattazione, ridefinire il documento, stampa,funzioni avanzate


Modulo 6 – Strumenti di presentazione: formattazione, grafici e diagrammi, stampa e distribuzione


Modulo 7 – Reti informatiche: Internet per iniziare, navigazione in WEB, ricerca in WEB, segnalibri, posta elettronica


Metodologie e strumenti


Lezioni ed esercitazione in laboratorio


Prova di valutazione


L’obiettivo è da indicare in relazione al livello di certificazione a cui si vuole condurre i partecipanti, tenendo conto del Syllabus ECDL


ore




Recupero


Rinforzo delle competenze non raggiunte nell’UFC


ore




Approfondimento


Esercitazione di approfondimento per gli allievi che hanno pienamente raggiunto le competenze dell’UFC


ore















ISFOL, Unità capitalizzabili e crediti formativi. Metodologia e strumenti di lavoro, Milano, Franco     Angeli, 1997

ISFOL, Repertorio delle professioni, Modello e metodologia, Isfol, Milano, 1999

Area di Attività

ISFOL, Unità capitalizzabili e crediti formativi. Metodologia e strumenti di lavoro, Milano, Franco Angeli, 1997


De Gregori Francesco, Canta canta, dall’ LP “La donna cannone”, 1973

Scarica gratis Analisi del corso per operatore di grafica web finanziato dal fse ob. 3, per detenuti della casa circondariale di busto arsizio
Appunti su:










Accedi al tuo account
Scarica 100% gratis e Invia appunti, tesine, riassunti

Registrati ora Password dimenticata?
  • Appunti superiori
  • In questa sezione troverai sunti esame, dispense, appunti universitari, esercitazioni e tesi, suddivisi per le principali facoltà.
  • Università
  • Appunti, dispense, esercitazioni, riassunti direttamente dalla tua aula Universitaria
  • all'Informatica
  • Introduzione all'Informatica, Information and Comunication Tecnology, componenti del computer, software, hardware ...