Appunti per Scuola e Università
Umanistiche
Appunti e tesine di tutte le materie per gli studenti delle scuole medie riguardanti le materie umanistiche: dall'italiano alla storia riguardanti le materie umanistiche: dall'italiano alla storia 
Scientifiche
Appunti, analisi, compresione per le scuole medie suddivisi per materie scientifiche, per ognuna troverai appunti, dispense, esercitazioni, tesi e riassunti in download.
Tecniche
Gli appunti, le tesine e riassunti di tecnica amministrativa, ingegneria tecnico, costruzione. Tutti gli appunti di AppuntiMania.com gratis!
Appunti
universita
Amministratori Archeologia Commodities Contabilita Diritto
Finanza banche Geologia Gestione Idrologia Marketing
Medicina Meteorologia Musica Ricerche Scienze politiche
Silvicoltura Turismo


AppuntiMania.com » Universita » Appunti di Silvicoltura » Le briglie in gabbioni metallici

Le briglie in gabbioni metallici




Visite: 1654Gradito: [ Picolo appunti ]
Leggi anche appunti:

Le briglie in gabbioni metallici


Le briglie in gabbioni metallici I gabbioni metallici sono delle scatole realizzate



Scarica gratis Le briglie in gabbioni metallici

Le briglie in gabbioni metallici



I gabbioni metallici sono delle scatole realizzate con una rete metallica, di forma parallele- pipeda o cubica che, dopo essere state riempite di ciottoli, vengono chiuse mediante abbas- samento del coperchio che viene legato lungo tutto il perimetro delle altre superfici laterali. (fig. 1.3.1)

Figura 1.3.1 Esempio di gabbione metallico.

I ciottoli, mediamente, devono avere dimensioni medie maggiori di quelle della maglia del- la rete metallica per impedirne la fuoriuscita.

I gabbioni vengono messi in opera l’uno accanto all’altro e in strati sovrapposti, in modo da dare la forma voluta all’opera da realizzare e vengono quindi legati tra di loro mediante un filo di ferro dolce.

Le opere in gabbioni hanno dei notevoli vantaggi rispetto alle tradizionali, sono molto fles- sibili e possono subire dei cedimenti e delle deformazioni notevoli senza che venga com- promessa la loro stabilità; si adattano bene a qualsiasi tipo di terreno e fondazione, sia per- ché ne seguono perfettamente i cedimenti per la loro elasticità, e sia perché, rispetto alle opere murarie, hanno un minore peso specifico a causa della presenza di vuoti tra i ciottoli. Alla base hanno delle dimensioni maggiori in modo da trasmettere al terreno delle pressio- ni minori e aumentare la stabilità.

Le opere in gabbioni si prestano bene ad essere modificate nel tempo grazie alla possibilità di affiancare o sovrapporre a esse nuovi gabbioni, in modo da ottenere un ingrossamento o un sopraelevamento delle opere stesse.


Anche le briglie in gabbioni si inseriscono abbastanza bene nel contesto paesaggistico circostante, infatti dopo alcuni anni dalla loro costruzione viene favorita la crescita spontanea della vegetazione sulla struttura.

La loro struttura è estremamente permeabile e ciò costituisce un vantaggio perché vengono ridotte le sollecitazioni e viene favorita la dissipazione energetica della corrente che filtra attraverso il corpo briglia.

Quando si vuole ottenere l’impermeabilità dell’opera, le superfici dei gabbioni vengono si- gillate mediante uno strato di mastice di bitume idraulico o di calcestruzzo.

Il filo di ferro viene protetto dalla corrosione mediante zincatura o una guaina in PVC; la rete metallica, in genere, è a maglia esagonale a doppia torsione che impedisce il propagar- si della rottura di qualche filo, evitando la fuoriuscita del materiale di riempimento.

In genere le briglie in gabbioni, per altezze fino a 5m vengono realizzate con il paramento di valle verticale e quello di monte sagomato a gradoni, con uno spessore in sommità di almeno 1 m e con la fondazione ancora in gabbioni.

Comunque, in funzione del tipo di paramento di valle le opere in gabbioni possono essere distinte in tre tipologie:

   a parete di valle verticale;

   a gradoni;

   a parete di valle inclinata con configurazione a scivolo.

Il tipo a parete di valle verticale è di più semplice realizzazione ed è indicato per la costru- zione di opere idrauliche di modesta importanza. Il paramento di valle verticale determina la formazione di una vena stramazzante completamente areata e distaccata dal paramento stesso riducendo i fenomeni di abrasione sulla gaveta a opere del materiale solido traspor- tato dalla corrente.

La briglia con parete di valle a gradoni consente una dissipazione progressiva del carico totale che possiede la vena stramazzante sulla gaveta mediante una serie di piccoli salti.

E’ adatta a manufatti di modesta altezza e per valori contenuti di portata.

Proprio in funzione della portata sui manufatti si possono formare due tipi di corrente: a

nappe flow o a skimming flow.

Il paramento di valle a gradoni può essere assimilato ad una scala di stramazzi.




In condizioni di nappe flow si verifica la “wake step ricirculation” che si ha per canali con bassi valori di pendenza o di portata; i vortici che si formano alla sommità di ciascun gab-


bione sono responsabili della dissipazione energetica ma lo è anche la scabrezza dello sca- lino. La zona di ricircolo dei vortici non riesce a occupare l’intera pedata del gradino e il getto proveniente dalla sommità di un gradino colpisce la sommità di quello inferiore. Invece in condizioni di skimming flow su una scala di stramazzi la corrente si dispone pa- rallelamente alla pendenza media del manufatto e la scia vorticosa generata da ciascun gradino o boulder (se consideriamo la briglia in massi) si esaurisce prima di incontrare l’elemento successivo. Questo avviene soprattutto per valori di portata maggiori in cui la corrente è come se scorresse su uno pseudo-fondo delimitato inferiormente dai vortici e dagli spigoli dei gradini (caso gabbioni) o dei boulders (caso briglia in massi); in questo caso viene dissipata meno energia.

Dopo queste considerazioni di “carattere energetico” possiamo dire che la briglia con pa- ramento di valle inclinato si impiega nei manufatti con altezza fuori terra superiore a 10m. La lama stramazzante è aderente al paramento di valle grazie alla particolare configurazio- ne geometrica dello scivolo. La savanella può essere realizzata o meno, e in genere assume una forma a trapezio grazie all’impiego di due gabbioni parallelepipedi a sezione triangola- re. Il paramento a valle verticale assicura il distacco della vena stramazzante e quindi pro- tegge la rete metallica dall’azione abrasiva esercitata dal materiale trasportato di grosse dimensioni.

Nel modello idraulico utilizzato in laboratorio è stato ritenuto opportuno considerare il pa- ramento di valle inclinato a 45° (sagomando a gradoni la superficie) per favorire un opportuno processo dissipativo già in corrispondenza del corpo briglia.

Figura 1.3.2 Esempio di briglia in gabbioni


Lo scavo al piede delle briglie

Numerosi studi di tipo sperimentale sono stati eseguiti nei riguardi dello scavo al piede di rampe in massi ma non nei confronti di opere quali briglie in massi o in gabbioni metallici. Innanzitutto c’è una sostanziale differenza fra i due tipi di scavo: le briglie in gabbioni e in massi sono per lo più permeabili e le rampe non lo sono affatto, ne consegue che il feno- meno dissipativo nel caso delle briglie avviene anche al loro interno oltre che sulla superfi- cie inclinata del paramento di valle.

Inoltre nel caso delle briglie il risalto a valle è quasi sempre annegato, ed è del tipo SMB (submerged mobile bed), infatti questo tipo di risalto si ha sempre nel caso di pendenze e- levate (Fr>1) quali sono quelle del paramento di valle sia della briglia in massi che della briglia in gabbioni metallici.

Il più temuto fenomeno di disturbo che caratterizza sia le briglie di tipo tradizionale sia quelle in massi e in gabbioni metallici, è lo scavo provocato dalla corrente al piede del ma- nufatto che potrebbe provocarne lo scalzamento.

Per questo si ritiene opportuno studiarne le caratteristiche in maniera sperimentale; l’approccio fisico sarebbe molto complicato se non addirittura impossibile vista l’enorme quantità di parametri aleatori in gioco.

Se il materiale d’alveo non è di dimensioni molto elevate, l’erosione può risultare di cospi- cua entità, per cui, al fine di evitarne la formazione, vengono talvolta realizzati bacini di dissipazione in rilevato o in scavo.

Questo studio, quindi, ha l’obiettivo di trovare delle correlazioni fra le grandezze e l’entità dello scavo per effettuare il predimensionamento di tali manufatti di protezione.

Scarica gratis Le briglie in gabbioni metallici
Appunti su: rampa in gabbioni, le briglie con gabbioni riassunto,







Accedi al tuo account
Scarica 100% gratis e Invia appunti, tesine, riassunti

Registrati ora Password dimenticata?
  • Appunti superiori
  • In questa sezione troverai sunti esame, dispense, appunti universitari, esercitazioni e tesi, suddivisi per le principali facoltà.
  • Università
  • Appunti, dispense, esercitazioni, riassunti direttamente dalla tua aula Universitaria
  • all'Informatica
  • Introduzione all'Informatica, Information and Comunication Tecnology, componenti del computer, software, hardware ...

Appunti vigneto vigneto
    Tesine Agricoltura agraria Agricoltura agraria
    Lezioni Economia Economia