Appunti per Scuola e Università
Umanistiche
Appunti e tesine di tutte le materie per gli studenti delle scuole medie riguardanti le materie umanistiche: dall'italiano alla storia riguardanti le materie umanistiche: dall'italiano alla storia 
Scientifiche
Appunti, analisi, compresione per le scuole medie suddivisi per materie scientifiche, per ognuna troverai appunti, dispense, esercitazioni, tesi e riassunti in download.
Tecniche
Gli appunti, le tesine e riassunti di tecnica amministrativa, ingegneria tecnico, costruzione. Tutti gli appunti di AppuntiMania.com gratis!
Appunti
universita
Amministratori Archeologia Commodities Contabilita Diritto
Finanza banche Geologia Gestione Idrologia Marketing
Medicina Meteorologia Musica Ricerche Scienze politiche
Silvicoltura Turismo


AppuntiMania.com » Universita » Appunti di Geologia » Unità cronostratigrafica di Commenda

Unità cronostratigrafica di Commenda




Visite: 636Gradito: [ Medio appunti ]
Leggi anche appunti:

Unità cronostratigrafica di Commenda


Unità cronostratigrafica di Commenda L’Unità cronostratigrafica di



Scarica gratis Unità cronostratigrafica di Commenda

Unità cronostratigrafica di Commenda



LUnità cronostratigrafica di Commenda  è stata largamente trattata da Gurioli (1994) nel lavoro di tesi e da Gurioli et al., (1999). Nel presente lavoro si è cercato di  descrivere  la  sequenza  stratigrafica  osservata sul  campo   evidenziando  i rapporti stratigrafici delle unità  cronostratigrafiche precedenti e posteriori  alla sequenza di Commenda,  integrando, ove necessario, le conoscenze già acquisite. L’Unità di Commenda  è suddivisibile in due membri: quello inferiore è caratterizzato dalla messa in posto di un deposito di breccia (breccia di Commenda,  Gurioli et al. 1994) e quello superiore è formato dall’alternanza  di livelli  cineritici fini  varicolori, definiti come  Tufi  Varicolori di  Commenda” (Gurioli  et   al,  1994)   che   raggiungono  spessori   metrici  ben   riconoscibili tutt’intorno al  cono. La vasta dispersione areale  dei depositi che caratterizzano questa Unità attorno al cono della Fossa ne ha permesso l’utilizzo come marker guida  per  la   caratterizzazione   della  stratigrafia  presa  in  esame  in  questo elaborato.

Una delle sezioni  tipo (Palm8,  fig. 5.4) dellunità di Commenda  si  trova in località Palizzi, nel settore meridionale del cono. Qui la successione poggia sulla facies brecciata scoriacea della colata lavica trachitica (membro lavico superiore) dell’Unità di Palizzi e inizia con un deposito cineritico stratificato con   spessore variabile da 2 a 5 cm che è stato denominato da Gurioli et al.(1999), “Pilato varicolore (fig. 7.1). Questo deposito è composto da tre livelli, uno basale giallo- ocra molto alterato formato da lapilli accrezionali millimetrici che è considerato da Gurioli et al. (1994) essere il deposito della fase di apertura delleruzione di questa Unità, uno mediano bianco che rappresenta il fall-out riolitico del Pilato in s.s. e uno superiore grigio-viola anchesso a lapilli accrezionali. Il livello mediano composto da cenere riolitica bianca proveniente dalleruzione del Monte Pilato di Lipari risulta essere un’importante e ben riconoscibile marker nella successione stratigrafica della Fossa e di Vulcanello. Sopra  il depositoPilato varicolore” è presente un livello discontinuo di cenere grossolana seguito da un livello giallo continuo di lapilli litici con scarsa matrice sul quale poggiano delle ceneri grigie laminate (Gurioli et al., 1999).  La successione continua verso l’alto con il deposito della breccia di Commenda  (Gurioli et al., 1994) composto  da blocchi e lapilli litici  idrotermalizzati dispersi in una matrice cineritica grossolana gialla (60-130


cm di spessore). I clasti nel deposito si presentano molto alterati e fumarolizzati, da  subrotondeggianti  ad  angolari,  sono  di  varie  dimensioni e  raggiungono diametri massimi di 30-40 cm. Il materiale juvenile riconoscibile è molto scarso ed  è composto  da lapilli  densi  scuri (Gurioli et al., 1999). Anche  al  tetto  della breccia è presente un sottile livello bianco di cenere riolitica di Pilato  (2 cm) seguito   da  un  livello  pisolitico   (pisoliti   millimetrici)   giallo-marroncino con spessore di circa 8 cm.

 

b

a

Breccia di

Commenda

γ

β

α

Colata lavica di Palizzi

Fig. 7.1 La foto b mostra il deposito della breccia di Commenda che poggia sul deposito di Pilato Varicolore (Gurioli et al., 1999) e sulle scorie della colata trachitica dellunità di Palizzi. Nellingrandimento a si vedono  i tre livelli che formano il deposito di Pilato Varicolore; α: livello a lapilli accrezionali giallo-ocra di aperta delleruzione di Commenda, β: ceneri riolitiche del fall- out del Monte Pilato di Lipari, γ: livello grigio-viola a lapilli accrezionali.

Il deposito di breccia dell’unità di Commenda  si trova in molti canali radiali al  cono  ed  è ben  sviluppato soprattutto nel settore meridionale.  La breccia è caratterizzata   da   forti   variazioni  granulometriche  e   di  spessore. In   linea genererale si p dire che  dove la breccia ha spessori ridotti (<1m)  il deposito ha caratteristiche di un deposito di lapilli-tuff; dove  lo spessore è 1 m mostra caratteristiche tipiche di una tuff-breccia con blocchi che arrivano fino a 70 cm di diametro (Gurioli et al., 1999). In alcuni affioramenti sono presenti nella breccia pipes di degassamento verticali lunghi fino a una decina di centimetri e larghi 2-4 cm.


Nella sezione Palm31 (fig. 5.4) la breccia raggiunge lo spessore di circa 1,5 m,  i clasti  che  la  compongono non  superano mai  i 20 cm di diametro e sono immersi in una matrice cineritica grossolana. Al di sotto affiora un banco di ceneri e   lapilli   varicolori  finemente   stratificati  di  1,5   m   di  spessore (fig.  7.2) appartenente all’ultimo  evento  piroclastico dellunità di Palizzi (membro cineritico). Il layer di Pilato è mal rappresentato, appare solo a tratti ed è preso in carico  e  rimaneggiato dallarrivo  della breccia di  Commenda.   Il tetto  della sezione si chiude con pochi decimetri di pomici dell’unità di Pietre Cotte.



 
a                                                                                   

Fig. 7.2  La foto a mostra la sezione Palm31 dove affiora la breccia di Commenda con alla base  il layer di Pilato (puntinato bianco). Al di sotto affiorano  ceneri laminate  dellunità di Palizzi.  Al tetto la sequenza chiude con le pomici dellunità di Pietre Cotte. La foto b mostra il particolare del livello  riolitico  di  Pilato   eroso   e   deformato dallarrivo della breccia.

b

Palm20 (fig. 7.3) è una sezione di interesse trovata nel vallone della Roja (fig. 5.4) nonostante l’inaccessibilità del canale che ne rende molto difficoltosa la percorrenza. Nella sezione la breccia di Commenda  è formata, per i primi 10 cm, da ciottoli centimetrici senza matrice, si sviluppa poi per 70 cm con materiale a granulometria minore e immerso in matrice cineritica gialla (lapilli-tuff). Al letto e al  tetto  è  presente il  layer  di  Pilato.  La  breccia di  Commenda   poggia  in discordanza grazie ad una superficie erosiva di primaria importanza, su un deposito (~2 m)  formato dallalternanza  di banchi cineritici rimaneggiati poco classati a granulometria fine interpretati come depositi da lahar in facies distali, che spesso presentano all’interno piccole pomici millimetriche  appartenenti al secondo  fall-out pomiceo di Palizzi,  e livelli  piroclastici di lapilli  e ceneri ben classati a granulometria medio-grossolana. I livelli primari piroclastici hanno spessori  centimetrici, sono sia  cineritici, fittamente  lamitati, che più grossolani formati  da  lapilli   di  spessore inferiore.  Ogni  livello  è  caratterizzato   dalla presenza, al tetto, di un sottile layer millimetrico di cenere più chiara e molto fine, gli stessi  layer sovrastano anche  ogni deposito di canale  o da lahar  come  ad indicare la fine di ogni impulso di deposizione.


Breccia di

Commenda


 

Tufi varicolori


Fig.  7.3    Nella foto  (Palm  20, fig.

5.4)  a  la breccia di Commenda è sovrastata dai tufi varicolori  del membro superiore dellUnità. Al di sotto ceneri rimaneggiate e lahar. Nel   particolare   della   foto   b   è visibile la base del deposito di breccia e il livello riolitico bianco di Pilato. È presente una superficie erosiva  di primaria importanza  tra

le due Unità cronostratigrafiche.


a

b

Il banco  di tufi varicolori (~40 cm),  che poggia sopra il deposito di breccia fa parte del membro superiore dellunità di Commenda.   Sono  formati da  livelli


sottilmente laminati di cenere fine varicolore con spessore delle lamine che non supera i 2 cm.

Al termine di un canale in località Palizzi (Palm11, fig. 5.4, 900 dal cratere) i tufi varicolori  del membro superiore dellunità di Commenda  poggiano su uno strato di circa 10 cm di lapilli accrezionali millimetrici. Questo strato è composto da tre sottili livelli millimetrici bianchi appartenenti al fall-out riolitico di Pilato. Al di sotto  compare la  breccia di Commenda  che  è formata da  clasti  di grosse dimensioni (30 cm) immersi in una matrice cineritica e non affiora la base (fig.




7.4).  In  questo  affioramento  è  visibile  una  superficie  erosionale  di primaria importanza che marca la fine dell’unità cronostratigrafica di Commenda.

 
Fig.  7.4    In  questa  sezione  (Palm11,  fig 5.4) affiora parte della breccia di Commenda sovrastata da un livello di 10 cm a lapilli accrezionali che  presenta livelli  di Pilato intercalati. Al di sopra poggiano i tufi varicolori del     membro     superiore     dellunità     di

I tufi varicolori appaiono,  con uno spessore maggiore (~2 m), anche nella sezione Palm21 (fig. 5.4) situata tra Caruggi e P.ta Luccia sempre nel settore orientale (fig. 7.5). Al di sotto di questi è presente un ridotto livello  della breccia di Commenda  (10-20 cm), mal classato che poggia sulle ceneri sottostanti deformando i sottili livelli piroclastici. Il layer di Pilato è presente solo in piccole porzioni,   anchesso   deformato  ed   eroso  dall’arrivo   della  breccia.  I  livelli piroclastici sottostanti fanno parte dellunità di Palizzi e sono formati da un alternanza di ceneri fini e grossolane di colorazione differente primari  e rimaneggiati, sub-paralleli o con strutture a sandwave. Sono composti da abbondanti litici (40%) poco vescicolati molto spesso arrotondati, scorie vetroso- microcristalline, grigio-scure o nere rossastre e pomici mai abbondanti, spesso subordinate fino a molto scarse.


b

a

 
Fig.  7.5    La  foto  a  mostra, dal  basso  verso l’alto,  i  livelli  piroclastici cineritici  primari  e rimaneggiati dellunità di Palizzi (membro cineritico), la breccia di Commenda (10-20 cm) e i tufi varicolori del membro superiore dellunità di Commenda. Nella foto b si vedono  le deformazioni dei livelli piroclastici dovute  allarrivo della breccia; evidenziato in figura è visibile un frammento del livello riolitico di Pilato. Località Caruggi-Punta Luccia.

Nella sezione Palm5 (fig. 5.4), 1000 metri verso est dal centro del cratere, si trova in affioramento  la parte alta  dell’unità della breccia di Commenda  che si presenta in facies  di lapilli  tuff,  seguita  dai livelli  ceneritici bianchi di Pilato interposti e mescolati  a ceneri fini di colore grigio-marrone (fig. 7.6).  Questa alternanza tra ceneri di Pilato e ceneri fini dellunità di Commenda,  che rappresentano il tetto del membro inferiore dellunità, si può interpretare come un carattere sin-deposizionale dei depositi. In questo sito è visibile in dettaglio una   superficie  erosionale   di  secondaria   importanza   che   marca  lo  stacco temporale tra i due membri dellunità cronostratigrafia di Commenda.  Al di sopra di questa si trovano infatti i tufi varicolori del membro superiore dellunità che si sviluppano con uno spessore di circa 70 cm.


Fig.  7.6   Evidenza  di deposizione  contemporanea tra il layer di Pilato  al tetto  della breccia di Commenda che si presenta a più livelli e le ceneri grigio-giallo del membro inferiore dellunità di Commenda (Palm5). Al di sopra della superficie erosiva di secondaria importanza si trovano i tufi varicolori del membro superiore (70 cm).

In  località  Punte  Nere, all’interno  di  un  canale  alla  base  del  cono  in prossimità del mare,  la sezione tipo Palm15 (fig. 7.7) inizia alla base con l’unità della breccia di Commenda,  seguono  due livelli dellunità di Pilato, uno basale bianco ed  uno giallino e di spessore maggiore (~3 cm)  superiore. Questi  due livelli hanno frapposte delle ceneri a granulometria molto fine con uno spessore di circa 4 cm che possono essere considerate le ceneri terminali dell’attività del membro inferiore. Segue un deposito epiclastico di breccie polimittiche con clasti da angolosi  a sub-angolosi  costituito  in prevalenza  da litici  e blocchi lavici di dimensioni variabili da pochi cm a qualche decina di centimetri immersi in una matrice cineritico grossolana (~1 m). Tale deposito è sovrastato da un banco  di tufi varicolori del membro superiore che presenta uno spessore di circa 1,2 m. La presenza di un deposito epiclastico sottolinea  che  tra i due  membri cè stata un’interruzione nellattività eruttiva come confermato anche dalla sezione Palm5 sul versante orientale (fig. 7.6) dove i tufi varicolori poggiano in discordanza sul membro inferiore delle breccia di Commenda.



Nella sezione Palm14 (fig. 5.4) situata lungo il mare, la breccia di Commenda poggia direttamente sulle  lave  trachitiche di Punte Nere ed è sovrastata  da un livello di Pilato  giallo e grigio.  Al di sopra compare il deposito epiclastico in facies di breccia composto da clasti da angolosi a sub-angolosi di materiale litico e lavico centimetrico-decimetrici che ha spessore variabile, è massimo al centro


del canale e si assottiglia andando verso i lati. La sequenza si chiude con un banco di ceneri varicolori appartenenti al membro superiore dell’Unità di Commenda.

 

Fig.   7.7         Località   Punte   Nere,

Palm15.  α:  tetto   della  breccia  di

Commenda;  β:  livello  riolitico  di

δ                                                                                             Pilato   a  due   bande,   bianco  alla base e giallino al tetto; interposte vi

sono  le ceneri finali del membro inferiore; γ: deposito epiclastico in

γ                                                                                          facies  di breccia; δ: tufi varicolori del membro superiore dellunità di

Commenda.

β            α

La breccia affiora anche in un sito a ovest di Punte Nere nella sezione Palm46, (nei pressi  del campo  sportivo, fig. 7.8).  Qui l’Unità della  Breccia  di Commenda poggia direttamente su un altro corpo lavico, le lave del Campo Sportivo ( Frazzetta et al., 1983) e si presenta molto alterata con clasti che non superano i 3 cm.  Segue  uno  strato di circa 10 cm  di tufi varicolori del membro superiore sovrastati da materiale cineritico fine di colore grigio scuro.

δ

γ

β

α

 
Fig. 7.8   Località Campo  Sportivo, Palm46. α: lave trachitiche del Campo  Sportivo; β: breccia di Commenda molto ridotta in spessore e fortemente alterata; γ: tufi varicolori del membro superiore dellunità di Commenda; δ: ceneri scure probabilmente appartenenti allunità di Pietre Cotte.


La piazzola VPI dell’Agip (sezione Palm16, fig. 7.10, 800 metri dal cratere) si trova proprio nelle vicinanze dei due crateri avventizi delle Forge Vecchie che rendono estremamente complessa  la stratigrafia di questo versante in aggiunta alla forte alterazione dei depositi idrotermalizzati che hanno perso le loro caratteristiche originarie. Qui si riesce comunque  a riconoscere lunità della Breccia di Commenda  che affiora con uno spessore di 3-4 m sovrastata da vari livelli di ceneri fini e grossolane  complessivamente di circa 30 cm di spessore molto alterati che appartengono alla fase finale del membro inferiore dellunità di Commenda.  Al di sopra di un livello grigio chiaro di 7-12 cm riconducibile al livello riolitico dellunità di Pilato vi è un banco di 30-40 cm di ceneri vescicolate varicolori   a   granulometria   molto   fine   organizzate   in   sottili   lamine   che appartengono ai “Tufi Varicolori” del membro superiore di Commenda.

ζ

ε

δ        γ

β

α

 
Fig. 7.10   Località pozzo Agip VPI, sezione Palm16. α: parte terminale della breccia di Commenda, alterata per idrotermalizzazione; β: ceneri fini e grossolane molto alterate appartenenti alla fase finale del membro inferiore; γ: layer di Pilato (?); δ: banco  di tufi varicolori laminati e vescicolati del membro superiore (?); ε: deposito appartenente a eventi eruttivi di Forgia Vecchia II; ζ: base del banco di piroclastiti appartenenti allunità di Pietre Cotte (?).

Segue al di sopra uno strato continuo a spessore variabile formato da cenere a granulometria molto fine, bianca, appartenente molto probabilmente agli eventi eruttivi delle Forge. Presumibilmente levento in questione appartiene alla formazione della Forgia Vecchia II coerente con i dati di letteratura che vede  la sua  formazione  posteriore al  ciclo di Commenda.   Al tetto  della  sequenza  è presente un banco (1,5-3 m) di ceneri scure laminate che appartengono ad eventi eruttivi piroclastici dellunità di Pietre Cotte.

Scarica gratis Unità cronostratigrafica di Commenda
Appunti su:







Accedi al tuo account
Scarica 100% gratis e Invia appunti, tesine, riassunti

Registrati ora Password dimenticata?
  • Appunti superiori
  • In questa sezione troverai sunti esame, dispense, appunti universitari, esercitazioni e tesi, suddivisi per le principali facoltà.
  • Università
  • Appunti, dispense, esercitazioni, riassunti direttamente dalla tua aula Universitaria
  • all'Informatica
  • Introduzione all'Informatica, Information and Comunication Tecnology, componenti del computer, software, hardware ...

Appunti Silvicoltura Silvicoltura
Tesine Idrologia Idrologia
Lezioni Geografia Geografia