Appunti per Scuola e Università
Umanistiche
Appunti e tesine di tutte le materie per gli studenti delle scuole medie riguardanti le materie umanistiche: dall'italiano alla storia riguardanti le materie umanistiche: dall'italiano alla storia 
Scientifiche
Appunti, analisi, compresione per le scuole medie suddivisi per materie scientifiche, per ognuna troverai appunti, dispense, esercitazioni, tesi e riassunti in download.
Tecniche
Gli appunti, le tesine e riassunti di tecnica amministrativa, ingegneria tecnico, costruzione. Tutti gli appunti di AppuntiMania.com gratis!
Appunti
universita
Amministratori Archeologia Commodities Contabilita Diritto
Finanza banche Geologia Gestione Idrologia Marketing
Medicina Meteorologia Musica Ricerche Scienze politiche
Silvicoltura Turismo


AppuntiMania.com » Universita » Appunti di Archeologia » Salut nell’ambito dell’archeologia sudarabica

Salut nell’ambito dell’archeologia sudarabica




Visite: 996Gradito: [ Grande appunti ]
Leggi anche appunti:

I metodi di datazione, l'analisi chimico-fisica dei reperti archeologici


I metodi di datazione, l'analisi chimico-fisica dei reperti archeologici Da

Salut nell’ambito dell’archeologia sudarabica


Introduzione Con la sua architettura imponente, che domina la piana



Scarica gratis Salut nell’ambito dell’archeologia sudarabica

Introduzione



Con la sua architettura imponente, che domina la piana circostante dalla posizione arroccata sopra un jebel isolato e di per relativamente piccolo, Salut costituisce oggi sicuramente una delle evidenze archeologiche più spettacolari del sudest arabico.

Salut si trova nel cuore dellOman settentrionale, a sud della massiccia catena montuosa dellAl-Hajar che attraversa con andamento sinuoso la regione da sudest a nord- nordovest,  andando  a  formare  nella  sua  estremità  settentrionale  la  penisola  di Musandam. Questa penisola, che si protende verso le coste dellIran a chiudere il Golfo Persico, rappresenta una punto di importanza strategica fondamentale fin dagli albori dei traffici per via marittima, posto a controllare il passaggio verso le regioni più lontane di tutti i prodotti delle aree affacciate sul Golfo e viceversa. Significativamente, la regione amministrativa (minaqah) nel cui territorio si trova il sito, si chiama al- Dakhiliyah, traducibile più o meno come il centro, a rispecchiarne la collocazione al cuore della penisola omanita.

Il sito archeologico sorge su una collina alta circa venticinque metri, ai margini della piana fluviale formata dallo wadī (wadi) Sayfham in prossimità del punto in cui questi va a confluire nel più grande wadi Bahla, allingresso della città di Bisyah. Il principale centro nelle vicinanze è Bahla, ad una trentina di chilometri verso nord, nella cui circoscrizione (o provincia: wilaya) si trova incluso il sito. Un paio di chilometri in linea d’aria verso est, ma già lungo il corso dello wadi Bahla, sorge il piccolo villaggio di Ad- Dhabi.

Fig. 1 Veduta generale del sito da nordest, a fine 2012.


Fino a  pochi anni fa, immaginare che la  collina di  Salut, sulla quale si  potevano scorgere solo alcuni tratti murari per il resto completamente sepolti dai materiali derivanti dal loro stesso disfacimento, potesse in realtà ospitare un sito di tale complessità, sarebbe probabilmente stato niente più che un esercizio di wishful thinking. A partire dal 2004 però, data della prima ricognizione sul terreno, lUniversità di Pisa, per tramite dei membri dellItalian Mission to Oman (IMTO) diretti dalla Prof.ssa A. Avanzini, ha iniziato a svelare il vero potenziale archeologico di Salut, con una serie di campagne  di  scavo  che,  su  base  prima  annuale  e  poi,  dal  2007,  costantemente semestrale, hanno oramai interessato quasi la totalità del sito. Per molti degli ultimi anni le indagini sono inoltre state condotte contestualmente al consolidamento, restauro e ricostruzione delle strutture scavate. Lefficacia e la portata di questi interventi non solo a livello scientifico, ma anche della percezione da parte della comunità locale, è testimoniata dal fatto che le autorità non hanno esitato a definire il sito, nelle indicazioni stradali per raggiungerlo a dire il vero con una connotazione che tende a riallacciarsi a testimonianze molto più recenti, e che non è pienamente basata sui dati di scavo archaeological castle of Salut.

Le  attività dellIMTO non sono inoltre rimaste circoscritte al  sito di Salut vero e proprio, ma si sono sviluppate a comprendere sia lo scavo di altri siti nell’area sia una ripresa della ricognizione della stessa, secondo i modi e le finalità che saranno precisati più  avanti.  Da  ciò  è  scaturita  una  ricostruzione  delle  dinamiche  insediative  che abbraccia il periodo dallEtà del Bronzo alla Tarda Età del Ferro, seppure con aspetti meno chiari di altri e nella necessità di ulteriori approfondimenti ed indagini mirate.

Le potenzialità per una simile ricostruzione emerse negli ultimi anni rappresentano la ragion dessere di questo lavoro, unitamente alla possibilità avuta di prendere parte a diverse campagne di scavo e ricognizione a partire dal 2008 e con ulteriori missioni già in programma. Lautore ha partecipato direttamente dal 2008 ad oggi alle campagne di scavo sul sito di Salut come responsabile di determinati settori di scavo, mentre dal

2010 è stato responsabile dello scavo di un vicino sito risalente nella sua prima fase allEtà del Bronzo, denominato ST1. Nel presente   lavoro   i   dati   relativi   a   Salut verranno citati in maniera solamente marginale, in quanto collocati ad uno degli

 
estremi  del  periodo  sul  quale  si  intende

Fig. 2 Il bacino di drenaggio dello wadi Bahla e del suo affluente wadi Sayfham, in prossimità della cui congiunzione si trova Salut (da Orchard & Orchard 2006: pl. 3).


focalizzarsi; saranno invece discusse alcune evidenze  scoperte  sulla  stessa  collina  di Salut ma risalenti allEtà del Bronzo, oltre alle informazioni ricavate da ST1. Verranno


inoltre considerati i risultati dellindagine di una serie di tombe situate nelle vicinanze di Salut scavate dallIMTO, data la coerenza cronologica e le importanti implicazioni che i risultati di questa indagine comportano proprio riguardo al tema delle dinamiche insediative.

Fig. 3 - La posizione di Salut nel Sultanato dellOman.


Ringraziamenti

Sebbene il caso abbia certamente giocato un ruolo fondamentale nella modellazione del percorso che mi ha portato a lavorare in Oman, cè una persona senza la quale niente di tutto quello che sta alle spalle di questa tesi si sarebbe potuto concretizzare. E’ per questo che il primo sentito ringraziamento va alla Professoressa Alessandra Avanzini che, dopo una prima estemporanea partecipazione allo scavo di Sumhuram, mi ha proposto di continuare a collaborare con la Missione dellUniversità di Pisa in Oman, fino ad accordarmi la fiducia della direzione sul campo dello scavo alla torre dellEtà del Bronzo che oggi noi chiamiamo ST1.

Tutte le persone che hanno preso parte alle varie campagne di scavo meritano ugualmente un ringraziamento. Per primo vorrei citare Carl Phillips, che è stato e continua ad essere un prezioso maestro per quel che riguarda larcheologia non solo della penisola omanita.

Compagne nella vita sullo scavo, Chiara Condoluci ed Alexia Pavan devono essere ringraziate per la collaborazione e tutto il fondamentale lavoro che svolgono allinterno della Missione, sia in Oman che a Pisa.

Rimanendo a  Pisa,  vorrei ringraziare, assieme a  tutte le  ragazze che  lavorano nel nostro” ufficio, Irene Rossi, sempre pronta e disponibile a fornire aiuto sulle questioni burocratiche benc sommersa dal proprio lavoro.

Infine, vorrei ricordare tutti gli studenti che hanno partecipato alle campagne di scavo in Oman, dando un prezioso contributo ad un lavoro che è quasi sempre condotto a ritmo serrato. In particolare, Marzia Sasso è stata di grande aiuto nella realizzazione dei disegni della ceramica.


SALUT NELLAMBITO DELLARCHEOLOGIA SUDARABICA

1.1. STORIA DELLE INDAGINI ARCHEOLOGICHE NELLA PIANA DI SALUT

Larcheologia del Golfo Persico è un campo disciplinare ancora decisamente giovane, specialmente a confronto con linteresse per le altre regioni del Vicino Oriente o per lEgitto: la sua nascita si può infatti datare al 1954, quando una prima spedizione di archeologi danese si trovò invitata a lavorare a Qal’at al Bahrein, nella piccola isola al centro del Golfo1.

In Oman, a parte la piuttosto casuale attività della missione dellAmerican Foundation for the Study of Man in Dhofar negli anni 50, le prime ricerche sistematiche iniziarono solo nel 1971, ancora attraverso limpegno di archeologi danesi, sotto la direzione di Karen Frifelt2. Il Sultanato, sullonda della nuova apertura politica derivata dalla successione al trono avvenuta l’anno prima, dava in quelloccasione il via allingresso di archeologi stranieri, comunque in ritardo di alcuni anni anche rispetto ai vicini

Emirati Arabi: qui, nel 1959 erano iniziate le indagini sullisola di Umm an-Nar che avrebbero fortemente segnato l’archeologia della regione portando alla luce una architettura ed una cultura materiale che fecero di questa località l’eponimo di un intero periodo cronologico3.

La piana di Salut entra quasi subito nella geografia archeologica dellOman. La prima segnalazione risale infatti al report della Harvard Archaeological Survey, che nel 1973 esplorò in maniera intensiva la parte centrale dellOman settentrionale, una zona a cavallo tra le regioni della Dakhiliyah e della Sharqiyah, individuando una ventina di siti databili al III millennio oltre ad alcuni di epoca più recente, occupati durante il I

millennio4; attenzione venne posta anche ai resti di epoca islamica5.

Venne così localizzato nella piana nord di Salut un sito di Età del Bronzo identificato con la sigla BB-16, consistente in una massiccia costruzione realizzata in grandi blocchi di pietra sbozzati che al tempo non mostrava alcun elemento al suo interno6 e che oggi si può riconoscere come una delle tipiche torri che costituiscono il monumento più caratteristico della Prima Età del Bronzo locale. Sul sito non fu recuperata ceramica di superficie e perciò la datazione fu stabilita per associazione con strutture vicine, di morfologia simile, dalle quali invece provenivano collezioni più corpose7.

Poco a sud di BB-16, fu recensita con il nome di BB-15 quella che oggi è la collina sulla quale sorge il sito di Salut8. Labbondante ceramica di superficie era invece in questo caso già sufficiente ad indicare due principali periodi di occupazione, nettamente distinti tra loro: uno nel I millennio a.C.9  ed uno in pieno periodo islamico, nel XIII- XIV secolo10.

A breve distanza di tempo dalla ricognizione effettuata dai membri della missione di Harvard, un altro progetto inglese diretto da Beatrice de Cardi (British Archaeological Expedition), interessò la stessa area, ampliandola al contempo verso Ovest11. Il sito di Salut fu così censito una seconda volta, in questo caso con l’etichetta di Site 38, mentre come Site 39 venne registrata una massiccia struttura circolare con un annesso rettangolare addossato da sud12. Site 39 appare sicuramente simile a BB-16, ma la corrispondenza non è accertabile senza riferimenti più precisi rispetto a quelli pubblicati nel report della Harvard Survey: nelle vicinanze si trova infatti una seconda torre dalla struttura analoga.

Per avere unidentificazione distinta di queste due torri, unitamente ad una terza poco più a sud-ovest, bisogna attendere il lungo lavoro di ricognizione condotto nel corso di svariati   anni,   a   partire   dal   1980,   dal   team   della   University  of   Birmingham Archaeological Expedition to the Sultanate of Oman, ora rinominato Hajar Project13. Nelle pubblicazioni relative a questo progetto, il cui numero è in realtà esiguo se correlato al lungo periodo di lavoro, il focus è sempre stato mantenuto sullEtà del



Bronzo, mentre niente  più  che  rapidi cenni hanno interessato le  evidenze di  altro periodo. Pertanto, il sito di Salut non viene mai discusso, mentre si trova per la prima volta la menzione di tre torri dellEtà del Bronzo chiaramente distinte tutte situate nella piana di Salut e identificate come Building 3, 4 e 514. Tra queste, il Building 3 corrisponde al Site 39 della British Archaeological Expedition e potrebbe quindi anche coincidere con BB-16; volendo invece distinguere questultimo, esso potrebbe allora

identificarsi col Building 4. Il Building 5 non risulta precedentemente individuato. Se da un lato la cosa sembra strana, visti i grandi blocchi utilizzati per la costruzione di questa torre, dall’altro va detto che solo il corso superiore affiorava dai sedimenti che hanno coperto il reso della struttura e, cosa probabilmente ancor più determinante, questa torre si trova in una zona che, al tempo delle prima due ricognizioni, era probabilmente occupata da una vegetazione molto più fitta di quella attuale, come sembra intuibile da una  foto  pubblicata  allinterno  del  lavoro  di  Whitcomb  sulla  ceramica  islamica

dallOman15.

La missione dellUniversità di Birmingham è stata anche quella che ha avviato i primi lavori di scavo archeologico nella piana, concentrati sulle torri dellEtà del Bronzo, mentre alcune tombe sono state indagate in zone non lontane ma esterne all’area che è qui di specifico interesse. Gli scavi hanno interessato in maniera più estesa i Building 3 e 4, mentre sul sito del Building 5 era stata aperta solo una trincea di dimensioni molto ridotte  a  ridosso  del  muro  della  torre,  verso  sud.  Niente  di  questi  scavi  è  stato pubblicato.

La partenza di un progetto di scavo estensivo e con tempistiche rapide nella zona si deve però alla Italian Mission to Oman che, nel 2004, ricevette linvito da parte dellOffice of H.E. the Adviser to H.M. the Sultan for Cultural Affairs per cominciare le indagini sulla collina di Salut. Dopo una campagna di ricognizione in quello stesso anno, gli scavi iniziarono nel 2005 per continuare fino ad oggi su base prima annuale e poi, dal 2007, semestrale.

Fino al 2010, i lavori dellIMTO hanno riguardato unicamente il sito di Salut. In seguito, la progettazione di un parco archeologico di rilevante estensione, che vada a comprendere la collina di Salut, la porzione di piana ad essa più vicina e le colline che fronteggiano il sito ad Est, ha spinto la missione ad estendere il suo campo di indagine a tutta l’area, sia a livello di ricognizione sia a livello di nuovi interventi di scavo.

Per quanto riguarda la piana, larea destinata a divenire parte del parco arriva, stando alla fase progettuale attuale, a racchiudere il Building 5. Per questo motivo, dopo un rilievo preliminare dello stato di fatto, il sito è stato oggetto di campagne di scavo contemporanee a quelle condotte a Salut, con un carattere che si è andato via via delineando come sempre più estensivo sulla base delle richieste dellOffice e delle considerazioni riguardanti linteresse scientifico, le opportunità per la presentazione al pubblico e le possibilità di conservazione delle strutture antiche che si andavano man mano delineando.

Come per Salut, i lavori su questo sito, che è stato denominato ST1, sono ancora in corso e prevedono ulteriori campagne sul campo.

Diversa  è  la  situazione  per  quanto  riguarda  il  Jebel  Salut,  nome  con  il  quale  è conosciuta oggi agli abitanti locali la collina che sorge di fronte al sito omonimo. Questo rilievo, come la grande maggioranza di quelli omaniti, è occupato da numerose tombe la cui costruzione si data generalmente allEtà del Bronzo: lo scavo ed il restauro di alcune di queste è stato realizzato in modo da ottenere dati complementari a quelli provenienti dai contesti insediativi indagati a Salut e ad ST1, fornendo al contempo ai visitatori una resa visuale di come doveva apparire in origine la struttura delle tombe.

La ripresa di un progetto di minore entità incentrato su una ricognizione della zona è derivata da due istanze concomitanti. La prima era la necessità di delineare in maniera più precisa le persistenze archeologiche che andrebbero a trovarsi incluse nel perimetro del parco in progetto, in modo da valutarne lintegrazione nello stesso e le eventuali necessità di conservazione e valorizzazione. La seconda deriva dallindividuazione fortuita di un sito di Età del Ferro di un certo rilievo edificato su di una piccola altura distante circa due chilometri in linea d’aria da Salut, ma inclusa nel bacino del wadi

Bahla, nota come Jebel al-Agma16. Questa localizzazione, conseguenza di una richiesta

di controllo archeologico durante i lavori di ripristino di un falaj situato nei pressi del villaggio di Ad-Dhabi, ha reso evidente come nella zona ci potessero essere siti, anche cospicui, non conosciuti in letteratura ma di grande importanza nellambito di una contestualizzazione di Salut allinterno del tessuto insediativo coevo.

1.2. LA PERIODIZZAZIONE CRONOLOGICA PER LARABIA SUDORIENTALE DALLETÀ DEL BRONZO ALLETÀ DEL FERRO

Nonostante la sua preminenza dunque, il sito di Salut non rappresenta lunico fulcro di

interesse archeologico dell’area, tantomeno il più antico. Le testimonianze disseminate nell’area coprono infatti un periodo molto ampio, esteso almeno dalla prima metà del III millennio  fino  ad  epoca  moderna.  Queste  evidenze  si  possono  inquadrare  nella scansione cronologica stabilita per il sudest arabico in generale, la cui terminologia, si ved, presenta una commistione tra derivazioni da siti eponimi e tradizionale sistema delle tre età.

Tutte le colline circostanti al sito si presentano punteggiate da tombe la cui sagoma costituisce la traccia archeologica geograficamente e numericamente più diffusa su tutto il territorio omanita, dove se ne contano decine di migliaia. La datazione di queste tombe, seppur non tutte ovviamente coeve ed in molti casi riutilizzate lungo un ampio arco cronologico, si fa risalire alla fine del IV inizi del III millennio a.C., ovvero agli inizi della locale Età del Bronzo.

Fig. 4 un caratteristico allineamento di tombe lungo la cresta di una delle colline prossime a Salut. Questo tipo di monumenti viene genericamente indicato come tombe “Hafit”. (foto C. Condoluci).

Questo periodo viene correntemente indicato come periodo Hafit, grossomodo delimitabile tra 3100 e 2700 a.C. Il termine deriva dalla località, il Jabal Hafit per l’appunto, nella quale vennero scavate le prime tombe di questa tipologia ed il cui tratto peculiare stava nel presentare in alcuni casi, tra i materiali di corredo, del vasellame



Fig. 5(pagina precedente) – (A) Pianta ed alzato della tomba 17 sul Jebel Hafit, tipica della tombe poi denominate sulla base del medesimo toponimo (da Frifelt 1970: fig. 8); (B) localizzazione del Jebel Hafit, in prossimità del confine tra Oman ed E.A.U. (modificata da Frifelt 1975: 58); (C) Uno dei vasi Jemdet Nasr che hanno portato alla datazione dell’orizzonte Hafit alla fine del IV millennio (da Frifelt 1970: fig.

17).

chiaramente attribuile allorizonte Jemdet Nasr,   dalla cui presenza deriva peraltro la collocazione cronologica17.

La struttura di queste tombe, erette sopra terra, comprende solitamente uno o più muri concentrici, nella maggior parte dei casi due, che delimitano una camera sepolcrale spesso pavimentata con larghe lastre di pietra e chiusa alla sommità da una falsa volta. Le tombe di tipo Hafit (o cairn tombs) vengono talvolta distinte dalle cosiddette beehive tombs, i cui elementi strutturali sono i medesimi ma che presentano una fattura nettamente più regolare, dando un aspetto finale più simile a quello di torrette con un profilo esterno tronco-conico. La cronologia di queste tombe è però corrispondente a quelle  delle  tombe  Hafit,  tanto  che  spesso  nellindicare  sepolture  non  scavate  si utilizzano entrambi i termini come alternativi (Hafit / beehive tomb)18. La differenza morfologica sembra difatti poter dipendere in misura principale dalla disponibilità di materia prima: in  presenza di  affioramenti rocciosi la  cui  frattura naturale origina blocchi squadrati risulta facile ottenere strutture regolari pur utilizzando la stessa tecnica di costruzione che, nella disponibilità di pietre irregolari, porta a realizzazioni che da lontano rassomigliano a tumuli, ed ancora di più una volta che iniziano a collassare anche  solo  parzialmente.  Va  detto  però  che  al  momento  manca  un  censimento dettagliato di questi monumenti che sia specificamente correlato al contesto litologico, dal quale provare a derivare la plausibilità di questa considerazione.

Tombe di questa tipologia sono visibili su tutte le colline circostanti Salut ed i resti di due di esse sono stati oltretutto rinvenuti al di sotto delle fasi principali del sito stesso, pertinenti allEtà del Ferro. Lo scavo di queste due tombe e di alcune situate sulla collina che fronteggia a nordest il sito sarà preso in esame più avanti nel presente lavoro.

Verso la metà del  III millennio si registra un cambiamento nella morfologia delle

sepolture, con un passaggio dalle tombe Hafit / beehive a delle tombe mediamente più ampie, sempre a pianta circolare ed erette sopra terra, caratterizzate però dalla presenza di  partizioni  interne  e  da  una  maggiore  regolarità  nella  realizzazione,  che  spesso prevede un rivestimento esterno in blocchi calcarei bianchi, perfettamente squadrati e politi. Questa transizione nell’architettura funeraria corrisponde all’affermarsi di un orizzonte di cultura materiale che si diffonde su tutta la penisola omanita e che ha preso il nome del primo e più importante sito la cui indagine ha portato alla sua distinzione: lisola di Umm an-Nar nellEmirato di Abu Dhabi19. Di conseguenza, lo stesso termine viene usato per indicare questo tipo di tombe, che si differenzia dalle precedenti anche per la tendenza ad essere collocata in aree pianeggianti e non più sulle alture, anche se questa  notazione  non  costituisce  una  regola  assoluta.  La  tipologia  delle  tombe conosciute ed attribuite al periodo Umm an-Nar non è però limitata al tipo descritto, essendo state scavate anche strutture interrate di varia morfologia20.

Nella piana immediatamente attorno a Salut non sono al momento state individuate tombe di tipo Umm an-Nar; poco più a sudest però, tra il villaggio di ad Dhabi e Bysia, è nota una larga sepoltura a pianta circolare con partizioni interne, interrata ma chiaramente associabile a tale periodo in base alla tecnica muraria, purtroppo rimasta finora inedita a parte brevi cenni21 (una foto è presente in Cleuziou & Tosi 2007: fig.




126, mentre niente è stato pubblicato da parte della University of Birmingham Archaeological Expedition to the Sultanate of Oman che pure condusse lo scavo della tomba, al momento indicandone solamente la posizione su di una mappa inedita e depositata presso il Ministry of Heritage and Culture). Altri leggerissimi dossi circolari rilevabili nelle vicinanze puntano alla possibile presenza di sepolture simili. Da Salut provengono invece alcuni blocchi calcarei squadrati, rinvenuti riutilizzati nelle murature di Età del Ferro od erratici, che comunque rivelano la presenza nell’area di tombe Umm an-Nar comprensive del tipico rivestimento in blocchi detti anche sugar lumps” per la chiara analogia nellaspetto.

Tabella 1: Schema cronologico per l’Arabia sudorientale come generalmente accettato (a sinistra) e come proposto dall’IMTO per l’area di Salut e possibilmente per lOman centrale

Fig. 6 (A,B) Planimetrie di tombe tipiche del periodo Umm an-Nar da Bat (A) e dallisola di Umm an- Nar (B) (da Frifelt 1975: figgs 24 e 25); (C) una veduta della tomba Umm an-Nar sotterranea scoperta vicino a Salut (da Cleuziou & Tosi 2007: fig. 126).

La  datazione comunemente accettata per  il  periodo Umm an-Nar copre il  periodo

2700/2600 2000 a.C. La produzione più caratteristica lungo tutto il periodo è quella ceramica, di qualità mediamente elevata e con influenze rintracciabili nella zona del sudest  iranico.  A  partire  dagli  ultimi  tre  secoli  del  III  millennio  l’altra  classe  di manufatti di produzione locale che assumerà grande rilevanza anche nel contesto degli scambi a lunga distanza è invece quella dei vasi in pietra (stone vessels), in precedenza


presenti come importazione sempre dall’area iranica e centro-asiatica. La discussione di queste classi materiali è lasciata alla sezione riguardante lo scavo del sito di ST1, dove entrambe sono presenti ed indirizzano la datazione del suo primo periodo di frequentazione.

Dopo secoli di relativo conservatorismo nei caratteri generali delle forme, dei decori e degli impasti ceramici, attorno allinizio del II millennio a.C. si assiste, nuovamente su tutta la penisola, ad un cambiamento piuttosto radicale, esplicitato in particolar modo proprio nella produzione ceramica.

Il  nuovo  periodo,  corrispondente alla  Media  Età  del  Bronzo,  è  più  comunemente indicato con il termine di periodo Wadi Suq, ancora una volta derivato dal primo sito in cui la tipologia ceramica associata fu distinta, durante gli scavi di alcune tombe diretti da Karen Frifelt22.

Anche larchitettura funeraria, per tornare all’ambito già considerato per i periodi Hafit ed Umm an-Nar, testimonia la transizione con la scomparsa delle tombe tipiche del periodo precedente. Parlare di un tipo Wadi Suq è però impossibile: il periodo si caratterizza piuttosto per la grande variabilità dei tipi di sepoltura23. Tra queste non è stato peraltro possibile finora stabilire una seriazione interna, anche per il diffuso problema del riutilizzo continuato delle strutture che porta al ritrovamento di corredi

incompleti e mischiati tra loro. Si diffonde però ora maggiormente luso di sepolture interrate,  benché  allinterno  di  strutture  erette  sopra  terra,  come  ad  esempio  nella necropoli recentemente indagata ad Adam dalla Mission Archeologique Francaise24. Bisogna  sottolineare  comunque  come  molte  tombe  esternamente  indistinguibili  da esemplari di  III  millennio si  rivelino di  datazione seriore solo  a  seguito di  scavo stratigrafico, e solo nella fortunata eventualità di ritrovare materiali superstiti. E’ questo

il caso delle tombe scavate dallIMTO sul sito di Jabal Salut 2.

Lattenzione alle caratteristiche delle sepolture è ancor più importante per questa fase del II millennio in virtù della estrema scarsità di contesti insediativi conosciuti, tanto che una ipotesi per anni molto accreditata vedeva in questo periodo un ritorno a stili di vita in misura preponderantemente nomade25. Prima dello scavo delle tombe citate, nella piana di Salut si riscontrava la stessa lacuna, senza che alcuna evidenza databile a questo orizzonte fosse venuta alla luce a Salut o ad ST1. Rimane comunque, anche dopo

i rinvenimenti recenti, l’enigmatico iato tra documentazione funeraria ed assenza di insediamenti associati, sul quale si tornerà in seguito.

La  transizione  al  periodo  successivo,  indicato  univocamente  come  Tarda  Età  del Bronzo, è decisamente meno netta rispetto a quelle descritte finora. Cronologicamente essa viene collocata attorno al 1600 a.C., ed il periodo si protrae allincirca fin verso il 1300 a.C. Lipotesi di individuare un ulteriore periodo intermedio tra il Wadi Suq e la Tarda Età del Bronzo è stata inoltre recentemente rigettata26.

A partire dalla definizione di questa fase si registra una divergenza tra quanto proposto inizialmente per la penisola omanita in generale, e quanto invece riscontrato mediante le indagini condotte nell’area di Salut e nellOman centrale in generale.

Materiali attribuibili alla Tarda Età del Bronzo non sono infatti finora stati ritrovati dallIMTO; al contempo, la datazione iniziale per la costruzione del sito di Salut – pienamente attribuibile alla successiva Età del Ferro in tutti gli aspetti della sua cultura materiale   si  può  far  risalire  ad  un  momento  anteriore  al  1300  a.C.,  molto probabilmente almeno al 1400 a.C., con una continuità insediativa che si estende per vari secoli, fino alla seconda metà del I millennio a.C.

Questi estremi cronologici collocano il sito allinterno di quella che è lEtà del Ferro locale, più precisamente la Early Iron Age”, per come è stata ridefinita proprio dagli archeologi dellIMTO27, a comprendere i periodi Iron Age I ed Iron Age II della periodizzazione precedentemente in uso, formalizzata a metà degli anni 90 da Peter Magee28.  In  entrambe  le  periodizzazioni,  il  successivo  momento  di  passaggio  è collocato verso il VI sec. a.C., quando inizia la Late Iron Age”, o Iron Age III.

Le più recenti indagini indicano che per Salut e l’area circostante tale fase non deve più essere considerata residuale ed in affievolimento come pareva durante i primi scavi, bensì testimonia massicce ristrutturazioni ed ampliamenti del sito ed una frequentazione che prosegue anche in alcuni siti minori dislocati nelle vicinanze29.

Senza bisogno di rigettare la suddivisione in tre fasi per lEtà del Ferro, pare piuttosto sempre più chiaro come ci si trovi di fronte ad una differente evoluzione tra le due aree, lorizzonte  Iron  Age  I  dovendosi  restringere  a  rappresentare  una  realtà  regionale piuttosto che un periodo cronologico univoco e  diffuso su tutta la  penisola, come peraltro già suggerito da Carl Phillips30 nella discussione dei risultati degli scavi nello wadi al-Qawr e successivamente ribadito da Jurgen Schreiber31 sulla base di un’estesa ricognizione in alcune oasi dellOman centrale.

1.3. UNA STORIA SCRITTA DAGLI ALTRI: LE FONTI

La crescente disponibilità di dati archeologici affidabili, provenienti da scavi e ricerche condotte secondo un corretto metodo scientifico, continua a confrontarsi con la più totale assenza di fonti scritte interne alla penisola omanita, di qualsiasi natura.

Lantica società di questa regione rimase infatti per tutta lEtà del Bronzo e lEtà del Ferro una società illetterata nonostante fosse circondata, ed in intenso contatto con esse, da varie zone dove la scrittura aveva invece trovato le sue prime espressioni, quali la Mesopotamia in primo luogo, ma anche la Valle dellIndo e l’area elamita nel sudovest iraniano.


Questo mancato sviluppo di una scrittura appare peraltro contradditorio se messo in relazione con quella complessità sociale che doveva essere stata raggiunta già nellEtà del Bronzo, a giudicare dalla natura delle strutture rinvenute, come si avrà modo di discutere più avanti. In particolar modo, i monumenti tipici dellEtà del Bronzo in tutta la regione, ovvero le imponenti torri, sembrano forzatamente implicare una complessità quantomeno amministrativa, con una necessità di regolamentare lutilizzo della forza lavoro secondo finalità comunitarie, per lasciare verosimilmente alliniziativa privata la costruzione delle comuni abitazioni, che forse non a caso sono molto più raramente conservate. Daltra parte, alcuni rari rinvenimenti di sigilli, sia importati che di realizzazione locale, sembrano invece indicare che una qualche forma di riconoscibilità amministrativa  fosse  comunque  impiegata,  sempre  ammettendo  che  essi  fossero utilizzati coerentemente con la loro funzione primaria e non solamente conservati come begli oggetti esotici.

Il coinvolgimento delle aree affacciate sul Golfo Persico nella rete commerciale messa in piedi dalle popolazioni della Mesopotamia meridionale rimonta almeno alla fine del VI inizi del V millennio, come testimoniato da tutta una serie di siti costieri nei quali è stata  ritrovata in molti casi anche la caratteristica ceramica dipinta di stile Ubaid32. E’ però verso la fine del millennio successivo che la prosecuzione ed il probabile intensificarsi di questi rapporti porta alcuni toponimi riferibili ad aree del Golfo ad

entrare nella documentazione scritta mesopotamica.

Le prime attestazioni di un termine riferibile ad una regione del Golfo Persico si ritrovano nei testi pittografici del Tardo Uruk e del Periodo Jemdet Nasr e nei poco più tardi testi cuneiformi da Ur e pre-sargonici. In tutti questi casi si trova menzionato un solo termine, quel Dilmun” che ricorrerà fino ad epoca Seleucide e che si ritiene potersi riferire, per quest’epoca antica, alla parte orientale dellArabia Saudita33. Questa attribuzione si basa sui dati archeologici da tale regione, che mostrano affinità con la cultura materiale del protodinastico mesopotamico. In seguito, il toponimo passerà ad indicare invece l’attuale isola di Bahrein, probabilmente comprendendo anche la stessa terraferma. Tra l’altro, proprio la corrispondenza tra Tylos, il nome usato per lisola

nelle fonti greche e romane, e lAccadico Tilmun” negli annali di Sargon, portò alla identificazione di Dilmun con lisola del Golfo Persico già nel 188034. Che questa corrispondenza non si possa però retrodatare al IV millennio pare confermato anche dalla   contemporanea  assenza   sullisola   stessa   di   evidenze   di   contatti   con   la Mesopotamia meridionale.



Tra le prime occorrenze del segno per Dilmun si può ricordare la menzione di un “esattore di Dilmun” nella recensione di una lista di professioni di periodo Uruk IV; al successivo Uruk III rimontano invece altre undici attestazioni, tra le quale è interessante ricordarne tre relative a tessuti ed una che registra l’erogazione di un prodotto caseario ad un ufficiale il cui titolo contiene il nome Dilmun35.


Nel  periodo  protodinastico,  il  termine  si  trova  come  parte  di  nomi  propri  o  di professione ed in liste lessicali, con la curiosa testimonianza di difficile interpretazione che ad Ebla, verso la metà del III millennio, era in uso ununità ponderale chiamata siclo di Dilmun. Più interessante è però il suo utilizzo in connessione a certi prodotti, quali il pane di birra, la palma da dattero, il rame e lo stagno.

Nello stesso periodo, le iscrizioni reali di Ur-Nanshe, iniziatore della I dinastia di Ur, vantano il trasporto di legno da costruzione da terre lontane a bordo di navi dilmunite. In questi testi la differenziazione tra il vettore dilmunita e il prodotto, che viene da altre terre più lontane, è espressa chiaramente.

Questultima notazione permette di connotare meglio anche i riferimenti agli altri prodotti di Dilmun, in particolare quando si nota che miniere di rame o di stagno non sono presenti nel territorio dilmunita. Si deve pertanto ipotizzare che anche per questi altri beni i commercianti di Dilmun fungessero da intermediari tra le aree di origine e la Mesopotamia, finendo per essere associati a tali prodotti nei testi mesopotamici36. Di particolare interesse qui è sottolineare che una delle aree più ricche in giacimenti di

rame della regione è proprio la penisola omanita con il massiccio dell’al-Hajar. Peraltro, la possibilità che rame di origine omanita fosse utilizzato per produrre oggetti nella Mesopotamia meridionale è stata confermata, benc con alcuni margini di dibattito essendoci altre fonti possibili, anche dalle analisi archeometriche37. A confermare i contatti, da quanto detto quindi probabilmente mediati, tra la penisola omanita e la Mesopotamia, stanno del resto quei vasi Jemdet Nasr già citati, rinvenuti nelle sepolture

di fine IV inizi III millennio, che rappresentano la cifra distintiva del cosiddetto periodo Hafit.

Nella seconda metà del III millennio le fonti mesopotamiche iniziano a rivolgere la propria attenzione a due nuovi interlocutori nei traffici a lunga distanza, due terre con facile accesso al mare dalle quali arrivano diversi prodotti. Si tratta di Magan, ricordato per il rame e la diorite ma anche per il legname pregiato, e di Meluhha, che fornisce pietre  preziose  e  semipreziose  (lapislazzuli,  corniola,  calcite),  avorio,  ed  ancora

metalli38.

E’ nell’epoca del potente Regno di Akkad, tra il 2350 ed il 2200 a.C. circa, che Magan assume una decisa rilevanza nei testi cuneiformi, in particolare con la famosa iscrizione delliniziatore della dinastia, Sargon di Akkad, nella quale egli celebra le sue conquiste e si vanta di avere conquistato il Mare Inferiore (probabilmente il Golfo Persico ed il Golfo dOman) e  di  ricevere nei  porti della sua capitale Agade/Akkad le  navi da Dilmun, Magan e Meluhha39.

Il secondo successore di Sargon, Manishtushu, lascia una testimonianza nella quale il livello dello scontro con le popolazioni di queste terre lontane sembra acuirsi ulteriormente, probabilmente in risposta a dei tentativi di liberarsi del giogo accadico:


nella sua cosiddetta Iscrizione Standard” egli infatti afferma di essersi fatto costruire una flotta per attraversare il Mare Inferiore e muovere battaglia contro una coalizione di trentadue città. Il sovrano aggiunge poi che nella terra dei nemici fu in grado di raggiungere le montagne per caverne la pietra nera (diorite?) che avrebbe poi trasportato via mare fino ad Agade, utilizzandola per far scolpire una propria statua da dedicare ad Enlil40.

Col figlio di Manishtushu, Naram-Sin, le testimonianze relative alla terra di Magan si fanno più abbondanti, anche se diverse sono pervenute a noi grazie a testi più tardi che ricordano le imprese del re accadico. Il resoconto più completo ci è dato comunque dalliscrizione originale sulla Statua A di Naram-Sin proveniente da Susa, nella quale, oltre ad enumerare varie sue imprese, si dice che il sovrano ha sottomesso Magan, e catturato Manitan, signore di Magan, oltre ad avere, come il padre, fatto cavare diorite dalle montagne per poi farne una propria statua una volta tornato ad Agade.

Un Mannu, re di Magan” è poi citato in una lista di condottieri ribelli in un testo Antico Babilonese che riporta dell insurrection générale contro Naram-Sin, mentre un testo Neo-Assiro, poi anche in copia Neo-Babilonese, ricorda il sovrano accadico marciare contro la terra di Magan, catturarne il re e sottometterlo41. La marcia di Naram-Sin contro Magan e la cattura del suo re Mannudannu sono infine ricordatate in epoca tardo Babilonese nella Cronaca dei primi Re42.

Nonostante queste ripetute citazioni di una clima di forte conflittualità tra il regno di Akkad e la terra di Magan, non mancano testimonianze epigrafiche di contatti di altra natura. Tra questi, è significativo incontrare più volte la menzione di rame in associazione con Magan: due testi economici da Tello ad esempio citano rame portato a palazzo proveniente da Magan, e rame di Magan prelevato da una determinata casa; un testo da Adab invece cita, caso unico, un oggetto finito in bronzo venuto sempre da

quella lontana terra43. Nello stesso periodo, il termine compare anche come componente

di nomi comuni.

Il nome di Magan continua ad essere presente nelle iscrizioni celebrative anche successivamente al declino della dinastia accadica. Gudea di Lagash (2144-2124 a.C.), analogamente ai sovrani precedenti, si vanta in due iscrizioni di aver soggiogato Magan, oltre a Dilmun e Meluhha. Da Magan, inoltre, gli giungono legname e diorite44.

La cacciata dei Gutei e linstaurazione del nuovo potere della III dinastia di Ur, col suo fondatore Ur-Nammu (2112-2095 a.C.), non interrompe i contatti tra la Mesopotamia meridionale e la terra di Magan, che anzi si ritrova citata per tutta la durata della dinastia.

Lo stesso Ur-Nammu afferma di aver ristabilito il commercio con Magan; il fiorire di questi traffici trova poi conferma in vari testi commerciali anche sotto i suoi successori.

Se Shulgi (2094-2047 a.C.) riceve oro dal re di Magan, dunque ripropone la formula del tributo da parte di notabili verosimilmente sottomessi e sembra peraltro organizzare una spedizione militare contro la stessa Magan, al più tardo regno di Ibbi-Sin (2028-2004 a.C.) risalgono alcuni testi che riguardano le attività di un commerciante di nome Lu- Enlilla. Questi, attivo per conto del tempio di Nanna, viene dotato di lana, piante o prodotti vegetali, pesce, vestiti, olio di sesamo e pelli da scambiare con il rame di Magan; da qui egli però riporterà anche avorio, pietre semi-preziose ed ocra, oltre ad offrire al tempio cipolle ed una non specificabile spezia di Magan45. Il terminale per l’acquisizione di pietre preziose era però, nel periodo pre-sargonico, Dilmun, ed è interessante notare che nei testi dello stesso periodo una certa qualità di cipolla è chiamata “cipolla-dilmun46. Questo sembra indicare che il ruolo svolto da Dilmun è ora appannaggio diretto di Magan. La situazione si capovolgerà ancora al tempo della successiva Dinastia di Larsa, quando il commerciante Ea-nasir scambierà più o meno gli stessi prodotti nuovamente con Dilmun47.

Con il periodo Neo-Babilonese infatti, Magan scompare dai testi mesopotamici assieme a Meluhha, lasciando spazio a Dilmun, rimanendo solo come parte di nomi composti di alcuni prodotti (sedie, legno, canne ma anche capre) per i quali però non cè evidenza di una diretta provenienza da Magan stessa48.

Dopo  la  scomparsa  di  Magan,  Dilmun torna a rivestire  un  ruolo  di  primo  piano nellimportazione di rame in Mesopotamia per i due secoli iniziali del II millennio, periodo  dopo  il  quale  viene  di  nuovo  eclissata  nei  testi  economici49. Lultimo documento di cui siamo a conoscenza sullimportazione di rame da Dilmun (quindi di nuovo come intermediario per il rame di Magan), si data intorno alla seconda metà del diciottesimo secolo, quando come provenienza vengono citate essa assieme a Cipro50.

Il lento declino di Dilmun sembra potersi collegare ad una serie di eventi bellici che interessarono la Mesopotamia, portando rapidi cambiamenti nei rapporti commerciali con  l’Est. Ur, ad esempio, il principale porto di ingresso del rame proveniente dal Golfo, viene prima relegata ad un ruolo secondario in favore di Larsa da parte di Rim- Sin I (1822-1763 a.C.), allinizio del XVIII secolo, per poi essere distrutta da Rim-Sin II nella seconda metà dello stesso secolo, a seguito di una rivolta nella piana, che successivamente si spopola gradualmente.

Per  quanto  riguarda  Magan,  si  pensa  che  i  mutamenti  negli  equilibri  politici e d e c o n o m i c i   tra   le   regioni   del   Golfo   c h e   p o r t a r o n o   a l l a   s u a   e s c l u s i o n e q u a n t o m e n o d a l l e f o n t i m e s o p o t a m i c h e , si siano verificati dopo la caduta della dinastia  di  Ur,  durante  la  quale  si  trovano  infatti  le  ultime  menzioni  dirette.  La dinamica di  questi cambiamenti rimane indefinita, anche se  si  può  ipotizzare un legame con la ricerca della supremazia sulla gestione delle risorse.

Di certo dalla prima metà del secondo millennio la Mesopotamia si rivolge ad altri mercati per i beni di pregio prima provenienti dal Golfo. I n  p a r t i c o l a r e  il rame, principale esportazione della terra di Magan, è o r a importato dallAnatolia e da Cipro, il cui raggiungimento è reso più facile dalle gr a n d i c o n qu is t e di Hammurabi lungo tutto il medio Eufrate,via daccesso alle miniere di rame della Turchia centro- orientale51.

Dopo questa data, il toponimo Magan rimarrà sconosciuto alle fonti a noi pervenute per circa un millennio, quando di ritroverà in testi neo-assiri. In questo periodo, dunque ormai in piena Età del Ferro, al di là dei limiti del presente lavoro, esso però sarà usato per indicare però unarea geografica differente, ovvero lEgitto, mentre la penisola omanita sarà identificata con un nuovo termine, che le rimarrà associato fino ad epoca Achemenide: Qadȇ52.

Scarica gratis Salut nell’ambito dell’archeologia sudarabica
Appunti su:







Accedi al tuo account
Scarica 100% gratis e Invia appunti, tesine, riassunti

Registrati ora Password dimenticata?
  • Appunti superiori
  • In questa sezione troverai sunti esame, dispense, appunti universitari, esercitazioni e tesi, suddivisi per le principali facoltà.
  • Università
  • Appunti, dispense, esercitazioni, riassunti direttamente dalla tua aula Universitaria
  • all'Informatica
  • Introduzione all'Informatica, Information and Comunication Tecnology, componenti del computer, software, hardware ...

Appunti Geografia Geografia
    Tesine Idrologia Idrologia