Appunti per Scuola e Università
Umanistiche
Appunti e tesine di tutte le materie per gli studenti delle scuole medie riguardanti le materie umanistiche: dall'italiano alla storia riguardanti le materie umanistiche: dall'italiano alla storia 
Scientifiche
Appunti, analisi, compresione per le scuole medie suddivisi per materie scientifiche, per ognuna troverai appunti, dispense, esercitazioni, tesi e riassunti in download.
Tecniche
Gli appunti, le tesine e riassunti di tecnica amministrativa, ingegneria tecnico, costruzione. Tutti gli appunti di AppuntiMania.com gratis!
Appunti
umanistiche
Bambini Comunicazione Comunicazioni Ecologia ambiente Educazione pedagogia
Etica moralita Francese Gioco Grammatica Inglese
Latino Letteratura italiano Personalita Portoghese Risorse umane
Sociologia Spagnolo Storia Tedesco


AppuntiMania.com » Umanistiche » Appunti di Ecologia ambiente » l’azoto nell’agroecosistema

l’azoto nell’agroecosistema




Visite: 678Gradito: [ Picolo appunti ]
Leggi anche appunti:

Acqua: silenziosa risorsa maltrattata


Acqua: silenziosa risorsa maltrattata Con l'acqua abbiamo un contatto

l’azoto nell’agroecosistema


l’azoto nell’agroecosistema L’agroecosistema è una struttura ecologica, creata

Fitopatie favorite da eccessi di azoto nel terreno


Fitopatie favorite da eccessi di azoto nel terreno Evitare eccessi di azoto e fare



Scarica gratis l’azoto nell’agroecosistema

l’azoto nell’agroecosistema

L’agroecosistema è una struttura ecologica, creata dall’uomo, in cui vengono fatte sviluppare una o poche specie(animali o vegetali), che a seguito di interventi agronomici sul terreno(lavorazioni), fornisce una produzione. L’agroecosistema  come tutti gli ecosistemi(anche con il continuo intervento dell’uomo), è soggetto a un continuo flusso di energia e di circolazione della materia. L’azoto nell’agroecosistema viene apportato sotto forma di energia ausiliaria (con i concimi) che serve per poter dare la possibilità di massimizzare le produzioni ai semi, frutto di anni di selezione. L’energia ausiliaria è costituita dalla “risorsa uomo”, che usa anche le concimazioni per reintegrare nel terreno, quella parte di energia asportata all’agroecosistema con il raccolto.



Il ciclo dell’azoto

La superfertilizzazione di azoto e fosforo e il loro non corretto smaltimento degli effluenti zootecnici, sono tra le cause che hanno determinato, negli ultimi anni, seri problemi ambientali, legati soprattutto all’inquinamento delle acque sotterranee e superficiali. Per quanto riguarda le fonti di azoto di origine agricola, è imputabile ad un impiego poco razionale dei fertilizzanti chimici e degli effluenti zootecnici (liquami) nella concimazione organica. Il problema dell’inquinamento delle acque da parte dei nitrati ha assunto un’importanza internazionale, tanto che la Comunità Europea ha emanato la direttiva 676/91 invitando i paesi membri a elaborare i cosiddetti “Codici di buona pratica agricola” il cui obbiettivo principale è quello di proteggere le acque dai nitrati.

Uno dei problemi riconducibili all’eccesso e quindi all’inquinamento da azoto nell’ecosistema è il fenomeno dell’eutrofizzazione : l’arricchimento delle acque di sostanze nutrienti (azoto e fosforo) che porta a un’eccessiva presenza di alghe, che a sua volta dovrebbe portare a un aumento di ossigeno nell’acqua, ma a causa della morte delle alghe stesse presenti in masse così consistenti, aumenta il consumo di ossigeno da parte degli organismi aerobi per decomporle. L’impoverimento di ossigeno, determina l’incremento dei microrganismi  anaerobi che decompongono la sostanza fermentandola, producendo composti maleodoranti. L’anossia delle acque determina la morte dei pesci, intorbidimento delle acque stesse, che assumono particolari colorazioni (dal giallo al rosso al verde).

L’azoto nella pianta è il principale elemento fertilizzante che condiziona la crescita dei vegetali: esso entra nella composizione delle proteine, degli enzimi, degli acidi nucleici e della clorofilla. Inoltre stimola fortemente l’attività vegetativa della pianta. L’azoto è assorbito prevalentemente come nitrato (NO3- ) la sua carenza provoca ingiallimento, per mancanza della clorofilla e accrescimento stentato delle piante. Il suo eccesso determina uno sviluppo rigoglioso dell’apparato fogliare, una ritardata fruttificazione, una minor resistenza meccanica dei tessuti che stentano a lignificarsi e infine più suscettibilità agli attacchi di funghi e insetti.




Strategie per limitare gli eccessi di azoto :

Ø     Programmare la concimazione azotata in base al reale fabbisogno della coltura

Ø     Non concimare troppo in anticipo rispetto al momento dell’utilizzazione del concime della coltura, per evitare che l’azoto venga dilavato

Ø     Concimazioni azotate nei periodi di massimo fabbisogno della coltura

Ø     Concimi a lenta cessione, che danno una fertilizzazione più lenta ma più duratura

Ø     Evitare eccessivi apporti di acqua con l’irrigazione per impedire le perdite per lisciviazione

Ø     Interrare i residui pagliosi invece di bruciarli (che comporta un’immobilizzazione dell’azoto)

Scarica gratis l’azoto nell’agroecosistema
Appunti su:







Accedi al tuo account
Scarica 100% gratis e Invia appunti, tesine, riassunti

Registrati ora Password dimenticata?
  • Appunti superiori
  • In questa sezione troverai sunti esame, dispense, appunti universitari, esercitazioni e tesi, suddivisi per le principali facoltà.
  • Università
  • Appunti, dispense, esercitazioni, riassunti direttamente dalla tua aula Universitaria
  • all'Informatica
  • Introduzione all'Informatica, Information and Comunication Tecnology, componenti del computer, software, hardware ...

Appunti Geografia Geografia
Tesine Astronomia cosmologia Astronomia cosmologia
Lezioni Meteorologia Meteorologia